Giovedì 23 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Grotesque PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 28 gennaio 2016

Grotesque

grotesque.jpgPubblicato dalla Neri Pozza e oggi riedito in Beat Edizioni in una versione più compatta, “Grotesque” è tra i romanzi di Kirino Natsuo più ampiamente particolareggiati nel raccontare le vite dei protagonisti e la loro psicologia.
Utilizzando la misteriosa morte di due prostitute, Yuriko e Kazue, uccise dalla mano omicida dello stesso uomo – che confessa però solo l’omicidio di Yuriko, creando la suspense che avvolge l’intera storia – l’autrice tratteggia in maniera impietosa, ma sincera la vita e la discesa agli inferi dei quattro personaggi principali (Yuriko, Kazue, Zhang e la sorella di Yuriko). Nel fare ciò delinea una società – quella giapponese – ancora profondamente maschilista, annichilente e con una serie di regole a cui l’individuo deve assolutamente attenersi, se non vuole essere scartato e gettato tra i rifiuti umani della medesima.
Le protagoniste femminili sono delle donne grottesche, ma ognuna delle tre vede il mostro che è nell’altra, non ritenendo se stesse tali. Sono donne illuse fin da piccole – durante la formazione scolastica – di poter avere un futuro sfavillante, ottenuto con l’abnegazione allo studio e sul posto di lavoro. Si ritrovano da adulte a constatare amaramente che l’obiettivo tanto agognato non sarà mai raggiunto, soprattutto perché donne.
Le pressioni psicologiche a cui sono sottoposte portano queste tre donne a stravolgere le loro esistenze e a vedersi diversamente da come le vedono gli altri: dei mostri (nell’animo e nel fisico).
Kirino Natsuo svela le sfaccettature positive e negative di queste anime perennemente in pena, mettendo ben in evidenza come arrivino a un punto di non ritorno. Sono delle persone sconfitte dalla vita e da loro stesse, che racimolano degli attimi fugaci, dei barlumi di felicità nell’atto sessuale, perché solo in quel momento gli uomini sono alla loro mercé, anche se è l’ennesima illusione.
È scritto quasi interamente in prima persona dalla sorella maggiore di Yuriko, della quale non viene rivelato il nome, per sottolineare il suo viverne all’ombra, a causa della di lei straordinaria bellezza e delle continue attenzioni ricevute.
L’autrice non svela chiaramente la ragione dell’odio della sorella maggiore, lascia trarre le conclusioni al lettore.
Attraverso l’analisi accurata dei protagonisti, Natsuo consegna al lettore un’opera di ampio respiro, che fa conoscere aspetti tanto del singolo quanto di una società taciuti e/o poco affrontati.
Il vero cattivo sembra essere proprio la società classista giapponese che con la sua cultura educativa genera dei mostri.
Tutte in maniera diversa lottano per avere il controllo delle loro vite ed essere prese sul serio dagli uomini, nondimeno viene consegnato un epilogo amaro e privo di speranza, senza via d’uscita o di riscatto.
È una lettura che avvince il lettore, coinvolto sempre di più nel voler conoscere i retroscena e la verità, sempre più difficile da decifrare in quanto ognuna delle tre protagoniste ne racconta una propria personalissima versione - non quella oggettiva - e come un puzzle o un motore va assemblato, ogni pezzo al posto giusto.

Grotesque
Titolo originale:
Autrice: Kirino Natsuo
Traduzione: Gianluca Coci
Casa editrice: Neri Pozza, 2008; Beat Edizioni, 2012
Pagine: 848
Prezzo: € 10.50

Questo libro è stampato col sole: Azienda carbon-free

Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere