HOME arrow Libri & Cinema arrow Libri e Cinema arrow Il Paradiso delle Signore
Martedì 17 Ottobre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Il Paradiso delle Signore PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
venerdì 09 giugno 2017

Il Paradiso delle Signore

il-paradiso-delle-signore.jpgLa Mondadori vanta tra gli Oscar la presenza de “Il Paradiso delle Signore”, un classico della letteratura che fotografa perfettamente la nascita del nuovo commercio dell’era moderna, intrecciandolo con un amore che affiora poco a poco.
“Il Paradiso delle Signore” è una lettura diversa da tanti classici ottocenteschi o di inizio Novecento per lo spazio dato ai sentimenti amorosi dei personaggi principali e per la storia d’amore, che inizia quando il racconto è finito. Per tutto il tempo il lettore avverte il sussulto di due cuori in subbuglio, tormentati e indecisi.

Questa è la storia di Octave Mauret, che con la sua voglia di fare, la sua ambizione, creatività e lungimiranza dà vita al Bonheur des Dames, un grande magazzino di stoffe, che rivoluzionerà il commercio parigino, ingrandendosi mese dopo mese, aumentando il giro d’affari, ammaliando le donne, che fanno a gara per accaparrarsi gli articoli in vetrina, causando di fatto la morte del vecchio commercio (dei bottegai). Arrivata a Parigi dalla provincia, Denise è subito attratta dalle sue magnifiche vetrine e pensa già di provare a diventarne una commessa per prendersi cura dei due fratelli più piccoli.

L’incrociarsi di un solo sguardo con Mauret le è fatale, ma il turbamento provato è ancora lontano dall’essere capito. La strada che farà al Bonheur des Dames non sarà facile, strapazzata dalle altre commesse, che la scherniscono, ma il suo coraggio e il suo candore col tempo dimostreranno come questa ragazzina semplice possa sbaragliare ogni ostacolo e arrivare al cuore di colui che mai avrebbe creduto possibile raggiungere.
Èmile Zola descrive con dovizia di particolari molti aspetti riguardanti la nascita e la crescita di questo grande magazzino, persino il comportamento smanioso delle donne nel fare shopping. Dimostra come una buona idea possa cambiare le sorti del commercio, ma anche che a nulla valgono i milioni guadagnati, se non puoi avere accanto la persona di cui sei irrimediabilmente innamorato – quella persona a cui pensi durante il giorno, durante un incontro di lavoro o mentre si organizza il prossimo obiettivo da raggiungere. Mauret si renderà conto che il piacere tanto atteso dal raggiungimento dei suoi obiettivi lavorativi e di guadagni stellari, non gli procureranno la gioia tanto attesa, perché il suo cuore è colmo di un amore non espresso.
Zola lo esprime con una dolcezza letta tra le righe del racconto. Il tempo concesso ai due protagonisti per capire il proprio cuore, rispetto all’interezza del racconto, non è molto, ma è descritto in modo che rimanga impresso nel cuore del lettore, sempre in attesa del prossimo passo che ognuno dei due farà verso l’altro. Si parteggia per la concretizzazione della loro storia d’amore.
È una lettura che ha molto da insegnare sul piano pratico e spinge a riflettere su quello sentimentale.
“Sentiva dentro di sé la forza invincibile che viene dal coraggio di osare”, mentre gli altri preferiscono la prudenza ed è questo il motivo principale per cui sono in pochi a poter davvero cambiare la società, cambiarne la direzione, perché non solo hanno delle nuove e buone idee, potenzialmente efficaci, ma le mettono in atto rischiando in prima persona.
“Vedi, per me l’importante è volere e agire, insomma creare. È quando hai un’idea e ti batti per difenderla, quando la inchiodi nella testa della gente e la vedi crescere e trionfare… Ah, sì vecchio mio, io ci trovo gusto nella vita” spiega Mauret all’amico Vallagnosc durante una loro conversazione.
Altro aspetto essenziale, egregiamente espresso, è il ruolo della donna, perché nel commercio ciò che conta è conquistare la donna (e più in generale una potenziale clientela), portandola a desiderare ogni oggetto su cui posi lo sguardo, soprattutto su quello di cui pensa di non aver bisogno, di cui non sa neanche l’esistenza. Zola fa capire che basta conoscere un po’ le donne per manipolarle, non solo conoscendo quanto possano essere civette, ma stuzzicandone l’appetito e creando nuovi bisogni, che fatalemente creano una dipendenza psicologica. Oggi lo protremmo dire per il cellulare, solo per citarne uno.

Il Paradiso delle Signore
Titolo originale: Au Bonheur des Dames
Autore: Èmile Zola
Traduzione: Anna Bucarelli
Introduzione: Pierluigi Pellini
Casa editrice: Mondadori, 2017
Pagine: 480
Prezzo: € 11.00

Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere