Mercoledì 26 Settembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
rampage_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Il signorino PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 11 settembre 2013

Il signorino

il_signorino.jpgDopo “Io sono un gatto”, romanzo d’esordio, accolto molto favorevolmente dai lettori e dalla critica, Natsume Sōseki pubblica il suo secondo romanzo “Il signorino” (Bocchan, 1906), oggi edito dalla Neri Pozza, che ha già immesso sul mercato editoriale italiano diverse opere dell’autore.
La popolarità di questo romanzo è straordinaria, tanto da essere diventato in Giappone uno dei più letti.
Vi si racconta la prima esperienza lavorativa di un giovane insegnante di matematica, che viene mandato in una scuola di provincia lontano da Tokyo, sua città natale. Il tokyoita viene preso di mira dagli studenti, che lo canzonano e gli fanno scherzi, e – al contempo - si fa un’idea negativa degli insegnanti dell’istituto, che si dimostrano essere il contrario di come appaiono.
Il giovane affronta tutto con l’ingenuità e la rude sincerità che gli sono proprie.
Bocchan è l’appellativo affettuoso con cui Kiyo, la domestica di casa, si rivolge al protagonista. Ad ogni insegnante il signorino dà un soprannome, che ne evidenzia le caratteristiche, facendo sorridere il lettore.

Questo è il racconto più autobiografico di Sōseki, che esprime i propri sentimenti e pensieri per mezzo del signorino. L’autore dà voce alla sua prima esperienza come insegnante e alla prima volta che viveva lontano da casa, in un luogo che non fosse Tokyo. Il romanzo riflette i sentimenti e le sensazioni che quell’esperienza gli ha suscitato.
Ciò che Sōseki tratteggia egregiamente con un linguaggio lieve, ma riflessivo, è come il protagonista impara a riconoscere l’ipocrisia e la falsità delle persone a proprie spese.
Il signorino crede di aver capito il carattere dei colleghi da un primo incontro, ma si renderà conto di quanto sbagliasse con alcuni di loro. Prima di imparare la lezione e capire chi è sincero, il signorino dovrà mettere in discussione il proprio metro di giudizio. L’unica persona di cui si può fidare cecamente è Kiyo: del suo amore incondizionato e senza secondi fini, della sua autenticità in un mondo ingannevole.
Il Giappone è in una fase di passaggio dal vecchio al nuovo e di apertura, all’epoca in cui scrive Sōseki, e questo è motivo di corruzione degli antichi valori. L’autore avrà un rapporto di amore e odio con la cultura occidentale e la modernizzazione del Giappone (lo si scorge soprattutto nei primi romanzi).

Altra tematica sottolineata è quella del fare la cosa giusta: il signorino si indigna tutte le volte in cui si fa un torto a qualcuno, mostrando il suo disappunto quando un insegnante viene trasferito per il beneficio di terzi, per esempio.
I sentimenti del protagonista sono espressi con un candore e una genuinità che fanno presa immediatamente.
“Il signorino” è un romanzo che si legge in maniera spedita, le parole scorrono davanti agli occhi del lettore, appassionandosi ad ogni vicenda in cui si viene a trovare il giovane insegnante.

Sōseki regala situazioni simpatiche e coinvolgenti e con leggerezza mette in guardia tanto il protagonista quanto il lettore dalle ipocrisie nelle quali ci si può imbattere nel corso della vita. Ci sarà sempre qualcuno che tenterà di manipolare, ingannare, frodare il proprio simile, qualsiasi sia il posto in cui si vive.

Il signorino
Titolo originale: Bocchan
Autore: Natsume Sōseki
Traduzione: Antonietta Pastore
Casa editrice: Neri Pozza, 2007
Pagine: 160
Prezzo: € 14,50

Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere