HOME arrow LIBRI & CINEMA arrow Libri e Cinema arrow Una voce nel disastro
Mercoledì 19 Giugno 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Una voce nel disastro PDF Stampa E-mail
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 23 ottobre 2008

Titolo: Una voce nel disastro
Autore: Alberto Brodesco
Edizione: Meltemi
Anno: 2008
Pag: 190
Prezzo: 18,00

Una voce nel disastroMinuziosa analisi delle modalità di rappresentazione della figura dello scienziato (e della scienza tout-court) nell’immaginario, “Una voce nel disastro” di Alberto Brodesco è anche un’esaustiva carrellata su oltre un secolo di cinema. Partendo dal capostipite, il Rotwang di “Metropolis”, il libro passa per il cinema espressionista e i mad doctor degli anni ’30, attraversa la fantascienza americana degli anni ’50 e i disaster-movie dei ’70, per poi approdare ai giorni nostri. Particolarmente efficace la definizione, aggiornata ai tempi, che Brodesco riserva al genere apocalittico/catastrofico, da lui ribattezzato “cinema dell’emergenza” (ma non lo è forse tutto il buon cinema?). Una definizione che fa da buon contraltare a quella di “immagine del disastro” della Sontag, in seguito ripresa da Enzo Ungari in un libro fondamentale sul genere.

Il cinema dell’emergenza  corteggia l’apocalisse, soggiace alla fascinazione del sublime teorizzato prima dallo Pseudo Longino e poi da Burke e  Kant, e allo stesso tempo, raramente con sottigliezza, investe di una funzione alternativamente salvifica o distruttiva la figura dello scienziato. Figura che diviene subito stereotipo, sia in positivo che in negativo, e che muta in accordo con le ansie e le paure del periodo storico preso in esame. Proprio nel suo farsi “stereotipo” risiede però la sua importanza, perchè permette al ricercatore di risalire a quella che è l’effettiva percezione sociale del personaggio.
Il saggio, sempre ironico ed esauriente, analizza anche gli ultimissimi “Invasion”, “E venne il giorno” e “Io sono leggenda”, e lascia un unico rimpianto: cita il Dr. Scott tralasciando il Dr. Frank-N-Furter, caso più unico che raro di mad doctor orgogliosamente “transgender”.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
SeedingUp | Digital Content Marketing
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere