HOME arrow Libri & Cinema arrow Libri e Cinema arrow Via dalla pazza folla
Lunedì 29 Maggio 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
La passione del dubbio Novità
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Il gatto venuto dal cielo
Un weekend da sogno
Il futon
Pioggia sul viso
Una storia crudele
Tokyo Noir
La signora di Wildfell Hall
Giulia 1300 e altri miracoli
Una più uno
Prossimamente
Via dalla pazza folla PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 12 gennaio 2017

Via dalla pazza folla

via_dalla_pazza_folla.jpgLa Fazi Editore ha pubblicato la meravigliosa, entusiasmante, incantevole opera di Thomas Hardy “Via dalla pazza folla”. Il titolo si riferisce all’ambiente rurale, la campagna. Hardy è convinto che solo quando l’individuo è a contatto con la Natura esprima pienamente se stesso, la propria anima. Ciò che cattura il lettore, imbrigliandolo fino all’ultima parola del romanzo, è la descrizione magistrale che Hardy fa dei personaggi e dell’ambiente, vivo e pulsante alla stregua degli esseri umani che lo abitano. Se all’occhio distratto e, a volte, ottuso, di un forestiero la vita rurale può apparire immobile, immutabile e ripetitiva, Hardy dimostra finemente quanto questa convinzione possa essere erronea e preconcetta, e quanto i tumulti del cuore umano siano universalmente condivisibili e complicati.
“Via dalla pazza folla” rappresenta il primo successo letterario dell’autore, pubblicato una prima volta nel 1874, poi nel 1895 in una edizione rivista ed estesa e infine nel 1901 con incluse ulteriori modifiche.

Vi si racconta la storia del giovane Gabriel Oak, fittavolo di una fattoria di pecore grazie ad un prestito, che si innamora della nuova arrivata Bathsheba Everdene, bellissima e spontanea ragazza povera, venuta a vivere presso la zia. Lui le chiede di sposarlo, lei lo rifiuta.
Diversi mesi dopo si ritrovano a parti invertite: dopo aver perso gregge e fattoria, Gabriel deve ricominciare da zero, Bathsheba eredita la direzione della fattoria dello zio deceduto. In cerca di lavoro a Weatherbury Gabriel trova la signorina Everdene ad assumerlo.
Lui è felice di poter stare vicino alla sua amata, lei deve vedersela con il corteggiamento insistente del fittavolo vicino, William Boldwood, notatala dopo aver ricevuto da quest’ultima un biglietto di San Valentino. Il gesto fatto da parte di Bathsheba con superficialità e per noia tuttavia la porta a pensare di accettare la proposta di matrimonio, fino a quando non conosce il sergente Troy, del quale rimane infatuata. Le prove per la novellina in amore saranno ardue da superare, potrà contare, pur sempre, su Gabriel e la sua lealtà.
“Bathsheba amò Troy nel modo in cui amano soltanto le donne indipendenti quando abdicano alla propria indipendenza. Quando una donna forte getta volutamente al vento la propria forza è peggiore di una donna debole che non abbia mai avuto neanche un briciolo di forza da gettar via. (…) Il suo amore era in tutto e per tutto quello di un bimbo e, pur se ardente come l’estate, era fresco come la primavera. Se aveva una colpa, era quella di non fare alcun tentativo di controllare i propri sentimenti valutando tutte le possibili conseguenze con attenzione e la debita prudenza”.
“Via dalla pazza folla” è un romanzo per tutte le stagioni: da leggere in inverno, sul divano o in poltrona, con una tazza di cioccolata fumante, o in estate seduti sotto l’ombra di un albero con una bibita fresca, per esempio. Thomas Hardy arriva al cuore di ognuno attraverso il linguaggio narrativo utilizzato: con quali sapienti parole descrive i pensieri, le emozioni e i sentimenti dei personaggi e con quali espressioni appropriate tratteggia l’ambiente che diviene familiare e tanto caro al lettore. Hardy è un grande latore dell’amore in tutte le sue forme e soprattutto di come si sentono i suoi eroi nel profondo del proprio animo. Quella di “Via dalla pazza folla” è una lettura talmente appassionante e appassionata da essere necessaria.
Un altro pregio è quello di possedere uno stile innato per poterne realizzare dei film. Tre sono gli adattamenti cinematografici tratti da questo romanzo: il film muto del 1915 diretto da Lawrence Trimble, il film del 1967 realizzato da John Schlesinger e quello del 2015 diretto da Thomas Vinterberg e interpretato magnificamente da Matthias Schoenaerts, che impersona Gabriel, affiancato da Carey Mulligan nei panni di Bathsheba.

Via dalla pazza folla
Titolo originale: from the Madding Crowd
Autore: Thomas Hardy
Traduzione: Enrico Mistretta
Casa editrice: Fazi, 2016
Pagine: 477
Prezzo: € 19.50 (e-book disponibile)

Francesca Caruso

 
< Prec.

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere