Martedì 19 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Il futon PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 16 luglio 2015

Il futon

il_futon.jpgLa Marsilio Editore edita nella collana Mille Gru “Il futon” di Tayama Katai, un racconto dalla bellezza stilistica e narrativa.
Prima di dedicarsi a tempo pieno alla letteratura Tayama Katai fa il copista. Le sporadiche pubblicazioni dei suoi scritti non gli permettono inizialmente di guadagnare il necessario per mantenersi.

La prima opera di narrativa è “Uribatake” (Il campo di meloni, 1891), ma il suo primo ingaggio da professionista avviene con la pubblicazione di “Rakkamura” (Il paese dei fiori caduti, 1892). In seguito studia la letteratura europea, alla quale si appassiona e che l’aiuta a crescere come scrittore.
Il suo primo vero successo letterario arriva con la pubblicazione di “Jūemon no saigo” (La fine di Jūemon, 1902), con questo racconto si avvicina al naturalismo, riportando la realtà così com’è, senza fronzoli. È il 1907 l’anno della sua consacrazione con la pubblicazione di “Futon”, la sua opera più conosciuta e amata, non solo in patria.

Il racconto prende spunto da quanto accaduto in prima persona a Tayama Katai – qualche anno prima – con Michiyo, una studentessa presa come allieva.
Takenaka Tokio è un romanziere, marito e padre trentenne, che si sente inappagato dalla vita familiare, “il piacere della vita coniugale per lui era svanito da tempo. (…)
Si era stancato della banale routine quotidiana”.

Poi gli arriva la lettera di una studentessa, Yokoyama Yoshiko, che vuole diventare sua allieva e dedicarsi alla letteratura. Tokio accetta di essere suo maestro e non ci impiega molto a innamorarsi di lei, accontentandosi di starle vicino e insegnarle tutto quello che sa. Quando, però, Yoshiko lo mette al corrente di aver conosciuto un ragazzo col quale condivide un amore sacro, il cuore di Tokio si spezza.

Con “Il futon” Tayama Katai mette a fuoco quello stile naturalista approntato nelle opere precedenti.
È da considerarsi a pieno titolo il romanzo dell’io, in cui vengono descritti nei particolari i sentimenti e i pensieri più reconditi del protagonista - individuandone la psicologia - in tutta la loro onestà. Viene descritta la realtà di quanto succede in maniera schietta, senza aggiungervi elementi romantici o fantasiosi.
Secondo l’autore non bisogna distorcere il racconto con le interpretazioni soggettive, si deve invece tendere alla massima oggettività e quindi sincerità.

Ne “Il futon” c’è una realtà ineccepibile tra testo e vita reale dell’autore, il quale si mette a nudo come in una confessione, rischiando di essere criticato per aver esposto così tanto e in profondità. Il suo stile è piaciuto ai più, contaminando molti scrittori delle generazioni successive, che lo hanno preso da esempio.

Non è solo il modo onesto in cui Katai tratteggia Tokio e quanto gli accade in quel particolare periodo della sua vita ad incantare il lettore, e la storia narrata - un amore platonico dal futuro incerto, anche se non ci fosse stato il rapporto allieva/maestro a dividerli – a intrigare il lettore. Si è incuriositi da come agirà Tokio nei confronti del rivale e dell’amata, fino all’ultima intensa scena.

Il futon
Titolo originale: Futon
Autore: Tayama Katai
A cura di: Luisa Bienati
Traduzione: Ilaria Ingegneri
Casa editrice: Marsilio, 2015
Pagine: 134
Prezzo: € 13,00

Francesca Caruso

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere