HOME arrow LIBRI & CINEMA arrow Libri e news arrow La ragazza che hai lasciato
Sabato 24 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La ragazza che hai lasciato PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
sabato 19 aprile 2014

La ragazza che hai lasciato

la_ragazza_che_hai_lasciato.jpgA poco più di un anno di distanza dall’uscita dell’appassionante “Io prima di te”, la Mondadori pubblica il nuovo intenso romanzo di Jojo Moyes “La ragazza che hai lasciato”, anticipato dal prequel “Luna di miele a Parigi”, che lasciava intendere una storia ricca e multi sfaccettata.
“La ragazza che hai lasciato” si apre nel 1916, segue le vicissitudini di Sophie Lefrève a St Péronne, cittadina francese dove insieme alla sorella Hélène manda avanti il Coq Rouge, l’albergo di famiglia. Sophie è lontana dal suo Édouard e dovrà tener testa a Herr Kommandant durante l’occupazione tedesca. Successivamente la storia si sposta a Londra nel 2010 e segue i passi di Liv Halston.
Le vite delle due donne si intrecciano, portando alla luce segreti mai svelati. Entrambe raffigurano la ragazza che hai lasciato.
All’autrice bastano poche frasi, poche immagini iniziali per risucchiare il lettore nella vigorosa storia tratteggiata.

Nella prima parte parla di come i civili conducano la propria esistenza durante l’occupazione tedesca in una cittadina francese (ma potrebbe essere una qualsiasi delle tante messe sotto scacco in tutta Europa).
Nella seconda parte prende in esame i dipinti di cui i tedeschi hanno fatto razzie e la loro restituzione ai legittimi proprietari. Entrambi questi aspetti non sono stati trattati largamente, restando sconosciti a molti. Di recente il film “Monuments Men” (tratto dall’omonimo romanzo di Robert M. Edsel pubblicato nel 2009) ha affrontato la questione delle opere d’arte trafugate dai nazisti, ma da un diverso punto di vista.
L’importanza delle tematiche espresse non ha in alcun modo sottratto il primo piano alle emozioni, ai caratteri e alle specificità dei personaggi, che Jojo Moyes ha saputo abilmente mescolare, riservando il giusto spazio a tutti gli elementi in campo.
Sophie e Liv prendono vita davanti agli occhi di chi legge, immaginandosi vividamente di vedere anche il Coq Rouge con le assi del pavimento delle camere da letto divelte dai soldati tedeschi. O l’estrema magrezza di Sophie, unita tuttavia alla tenacia del suo sguardo.
“Ero magra, con la pelle trasparente sulle ossa: clavicole, spalle e costole sporgevano puntute. Persino i capelli, che una volta brillavano, ora erano opachi (…). Rabbrividii ma non per il freddo. Pensavo alla ragazza che Édouard aveva lasciato due anni prima”.
La storia raccontata da Moyes stringe il cuore, quella davanti alla quale ci si trova è una storia di coraggio e d’amore, sincero, onesto e puro, come non se ne vedono tante.
Il finale, poi, è sorprendente e rassicurante.
Si attende una svolta che metta a posto le cose e quando il colpo di scena esplode si è felici per come l’autrice ha condotto il lettore a quel preciso momento.
“La ragazza che hai lasciato” è una lettura emozionante che si gode appieno, pagina dopo pagina, senza accelerazione.

La ragazza che hai lasciato
Titolo originale: The Girl You Left Behind
Autrice: Jojo Moyes
Traduzione: Maria Carla Dallavalle
Casa editrice: Mondadori, 2014
Pagine: 417
Prezzo: € 16,00 (e-book disponibile)

Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere