HOME arrow Libri & Cinema arrow Libri e news arrow Più gentile della solitudine
Lunedì 29 Maggio 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
La passione del dubbio Novità
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Il gatto venuto dal cielo
Un weekend da sogno
Il futon
Pioggia sul viso
Una storia crudele
Tokyo Noir
La signora di Wildfell Hall
Giulia 1300 e altri miracoli
Una più uno
Prossimamente
Più gentile della solitudine PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 26 agosto 2015

Più gentile della solitudine

pi_gentile_della_solitudine_leggero.pngLa casa editrice Einaudi – nata nel 1933 dall’intuizione di un gruppo di amici di liceo – è protagonista sulla scena letteraria italiana per il suo fiuto infallibile nello scegliere le opere da pubblicare. “Più gentile della solitudine” di Yiyun Li è una di quelle letture che – riga dopo riga, pagina dopo pagina – ci fa addentrare in profondità tanto nelle vite dei personaggi principali quanto nel mondo che li circonda, nell’universo in cui vivono o, come in questo caso, in cui sopravvivono dopo quanto accaduto nel loro passato.

In una perfetta alternanza tra presente e passato si fa la conoscenza di Boyang, Ruyu, Moran e Shaoai. È la Pechino del 1989, scossa dalla strage di piazza Tienanmen, e la ventitreenne Shaoai è in attesa del provvedimento disciplinare che l’università intende prendere nei suoi confronti per il suo aperto dissenso. La quindicenne Ruyu arriva in città, accolta dalla famiglia di Shaoai, e fa amicizia con Boyang e Moran, di un anno più grandi. Qualcosa di molto grave - che riguarda Shaoai - sconvolgerà le loro vite, cambiandole per sempre. Vent’anni dopo il segreto che li ha divisi riaffiora.

È la solitudine ad accompagnare silenziosa e in punta di piedi queste anime senza un futuro scelto scientemente e con spirito sgombro da nubi. Boyang, Ruyu e Moran fanno i conti ogni giorno della loro esistenza con quanto accaduto a Shaoai, tutti e tre sono in fuga da se stessi, dalla propria coscienza e dalle azioni compiute.
In maniera diversa la solitudine interiore nella quale si rintanano sembra alleggerisca la loro pena, non trovando in essa né un giudice, né un ammonitore.
Chi o che cosa sia ‘più gentile della solitudine’ lo si potrà scoprire solo nell’epilogo, in cui si riesce a trovare forse un po’ di pace.
Il mistero che si cela dietro la morte di Shaoai viene svelato dall’autrice con un’andatura ricca di suspense, inarrestabile e inesorabile.
Il lettore ha il tempo di farsi un’idea di chi ha di fronte e di provare una vasta gamma di emozioni e sensazioni per ogni personaggio: vittime e carnefici in modalità e momenti differenti gli uni con gli altri.
Ci si scoprirà a odiarli, a parteggiare per loro, a essere arrabbiati, in pena o delusi dal loro modo di agire. Sono personaggi che scuotono e non lasciano indifferenti. Yiyun Li mostra quanto male si facciano gli esseri umani e, di contro, quanto alcuni di loro siano dotati di un amore e una bontà innata.
Quella raccontata è una storia che penetra sottopelle e vi rimane a lungo.

Più gentile della solitudine
Titolo originale: Kinder Than Solitude
Autrice: Yiyun Li
Traduzione: Laura Noulian
Casa editrice: Einaudi, 2015
Pagine: 328
Prezzo: € 20.00

Francesca Caruso

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere