HOME arrow LIBRI & CINEMA arrow Libri e news arrow Tutto sommato qualcosa mi ricordo
Giovedì 14 Novembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
halloween_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
la_llorona_728x120_top.jpeg
Tutto sommato qualcosa mi ricordo PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 19 maggio 2014

Tutto sommato qualcosa mi ricordo

Titolo Originale: id.
Autore: Gigi Proietti
Anno di pubblicazione: 2013
Casa Editrice: Rizzoli
Pagine: 252
Prezzo: € 19.5
Voto: 8

gigi-proietti-libro-tutto-sommato-qualcosa-mi-ricordo.jpgLa vita di uno degli uomini di spettacolo più apprezzati d’Italia, fra aneddoti che riesumano la vita passata nella Roma post-bellica sino al successo come attore e regista  passando alla vita familiare e agli anni di Università.
Gigi Proietti si narra al suo pubblico e anche a coloro che non necessariamente ne apprezzano le gesta.

Si, verissimo, qualche cosa Proietti si ricorda, per non dire che si ricorda davvero tutto. Si scrive e descrive, esuma e riesuma, con una prosa leggera come un discorso diretto, ma non in termini di colui che parla e narra ma diretto verso il cuore e la mente di chi legge.
Scegliendo di narrare le proprie gesta partendo dall’inizio e per questo raccontando di una Roma che ormai non c’è più, attraversando le aspettative che la famiglia nutriva nei confronti di un figlio con la poca propensione per lo studio ma che avrebbe visto bene nel ruolo di avvocato, tutto questo prima che proprio quel ragazzo alto e secco non si trovasse a incappare in un volantino che prometteva gloria imperitura per chi ‘avesse calcato le sacre assi del teatro’.
Da li in poi il passo per la gloria fu breve e fortunato al punto che ora a distanza di decenni Proietti rappresenta il teatro in Italia e può ben dire che qualche cosa l’ha anche saputo fare.

Una lettura simpatica, veloce e leggera come ‘la raganella’, vecchio, e velocissimo,  espediente teatrale utile per strappare quanti più applausi possibili.
Una lettura perfetta per chi appassionato di cinema, teatro e perché no anche di televisione l’ha più volte visto e intravisto in mille fiction, in migliaia di film, in centinaia di rappresentazioni.
Un uomo che non smette di sperimentare e che descrive come vorrebbe proseguire una carriera quasi cinquantennale, sempre nella sua Roma dalla quale ormai ha deciso non si sposterà più nemmeno per andare in tournée.

Ciro Andreotti

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere