HOME arrow LIBRI & CINEMA arrow Libri e news arrow Vita di un ragazzo di vita
Domenica 21 Ottobre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
rampage_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prossimamente
Vita di un ragazzo di vita PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
giovedì 25 febbraio 2016

Vita di un ragazzo di vita

vitadiunragazzodivita_leggero.pngI pensieri liberi e debitamente disordinati di un ‘ragazzo di vita’, o per meglio dire del ‘ragazzo di vita’ al quale Pasolini dedicò e si ispirò per i suoi primi romanzi di ambientazione capitolina.

L’attore per diletto e pittore, ma sarebbe meglio definirlo imbianchino e ristrutturatore per necessità economiche, Franco Citti, si racconta a ruota libera al giornalista Claudio Valentini nel corso di una manciata di capitoli ove la Roma che fu e il rapporto con Pasolini affiorano ogni volta con forza dirompente e parole talvolta al miele e talvolta dure e sempre scritte e narrate con un linguaggio stentoreo di chi, per ammissione precisa ma per colpa non sua, non ha avuto possibilità di studiare e nemmeno di acculturarsi e forse proprio per questo è stato vicino per lunghi periodi allo scrittore di origine felsinea.

Una narrazione ove ciascun capitolo può essere estratto e essere giudicato come una piccola perla o una sciocchezza da raccontare, come i viaggi dopo i primi successi cinematografici o i difficili rapporti famigliari; narrazioni che lasciano chiaramente trasparire cosa significhi essere cresciuti senza una famiglia alle spalle e cosa significhi essersi dovuti costruire quotidianamente la propria educazione fra le macerie della seconda guerra mondiale e l’assenza delle più basilari norme igieniche e di vita dettate dall’avvento del progresso.

Il risultato finale, una storia vera che per alcuni può essere letta, per altri può essere reputata facilmente classificabile come di dubbio piacere e gusto, per tutti però non può non trasudare interesse per un’onestà di base che difficilmente è riscontrabile in altri personaggi velocemente diventati famosi e altrettanto rapidamente, ma non troppo, precipitati nel loro personale limbo quotidiano.

Titolo originale: Id.
Autore: Franco Citti e Claudio Valentini
Anno: 1992
Casa editrice: SugarCo 
Pagine: 174
Prezzo: -
Voto: 8

Ciro Andreotti

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere