HOME arrow ARTICOLI CINEMA: arrow Mostre e rappresentazioni sul Cinema arrow 50&PIÙ: PIF premia “MYOSOTIS”, IL CORTOMETRAGGIO VINCITORE DI “CORTI DI LUNGA VITA”
Lunedì 26 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
50&PIÙ: PIF premia “MYOSOTIS”, IL CORTOMETRAGGIO VINCITORE DI “CORTI DI LUNGA VITA” PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedì 19 maggio 2022

50&PIÙ: PIF premia “MΥΟΣΩΤΊΣ (MYOSOTIS)”, IL CORTOMETRAGGIO VINCITORE DI “CORTI DI LUNGA VITA”

È il Teatro Argentina a fare da cornice alla cerimonia di premiazione di Corti di Lunga Vita. Il concorso internazionale, giunto alla sua quarta edizione, ha raccolto opere provenienti non solo dall’Italia, ma anche da Polonia, Serbia, Romania, Paesi Bassi e Regno Unito, da paesi oltreoceano come Stati Uniti (New York), Ecuador e Brasile. “Abbracciami!”, un imperativo con un’accezione positiva e dolce, un gesto semplice, una forma di comunicazione non verbale molto forte che racchiude una valenza sociale inestimabile di sensazioni e significati che possono essere ben veicolati dai contenuti di un cortometraggio. Il tema di quest’anno ha ispirato registi e videomaker di tutte l’età, dai 16 ai 74 anni, appassionati alla “settima arte”.

carlo_sangalli_leonardo_piccinni_pierdomenico_minafra.jpg

Sono 12 i cortometraggi, tra gli 80 pervenuti al Centro Studi 50&Più, che hanno superato la selezione per essere sottoposti alla giuria tecnica presieduta dal regista Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, nel ruolo di presidente, Flavio De Bernardinis, critico cinematografico e docente al Centro Sperimentale di Cinematografia, Silvia Giulietti, produttrice cinematografica indipendente e docente di tecnica di ripresa digitale e montaggio a Roma e Londra, Lidia Ravera, giornalista e scrittrice della collana “Terzo Tempo” dedicata a romanzi che narrano storie di over 60 e Marco Trabucchi Presidente dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria (AIP) e della Fondazione Leonardo.

Al primo posto si è classificato “Μυοσωτίς (Myosotis)” di Pierdomenico Minafra e Leonardo Piccinni, due giovani registi, nati a Bari, rispettivamente nel 1998 e 1993. “Un cortometraggio che inizialmente sembra cadere nella retorica ma stupisce, all’ultimo momento, con un finale per niente scontato” commenta il Presidente di giuria. Pierdomenico Minafra e Leonardo Piccinni condividono una formazione attoriale comune oltre che un rapporto di amicizia. Pierdomenico fa esperienza a teatro e sui set come attore mentre Leonardo si dedica principalmente alla sceneggiatura cinematografica frequentando la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti di Milano. “Un anziano, in una casa grande e vuota, vive le sue giornate scandite dalle sue abitudini sempre uguali, a prescindere dall’ora del giorno. Qualcosa cambia quando l’anziano decide di dare una scossa alla sua routine nella speranza di un incontro” spiegano i vincitori. https://www.spazio50.org/myosotis/

Si aggiudica il secondo posto “Una storia d’amore” di Filippo Tamburini, regista e sceneggiatore fiorentino, classe 1993, negli anni ha spaziato in progetti documentaristici legati all’attualità con temi di approfondimento sociale, cortometraggi indipendenti, spot pubblicitari e video clip musicali. La sua opera racconta di un tardo pomeriggio primaverile, in una casa-famiglia, una signora sulla settantina, entra nel grande salone guardandosi intorno. Subito la sua attenzione viene rapita da un grande divano blu, nell’angolo lettura. La donna lentamente ma decisa, arriva al divano, sedendosi di fianco ad un uomo nascosto dietro un quotidiano. Dopo qualche battuta davanti a un caffè come fossero due sconosciuti, l’uomo saluta la donna chiamandola per nome, dandole appuntamento alla settimana successiva, prima di abbandonarsi al pianto. https://www.spazio50.org/una-storia-d-amore/

Il terzo posto è andato a “The perspective that no longer exists” di Fausto Felice Pasotti. Milanese, nato nel 1955, ingegnere elettronico, durante la sua carriera ha aiutato a nascere un centinaio di startup, ora vorrebbe applicare le sue capacità creative e manageriali nel terzo settore. La sua opera è un monologo interiore di un sessantenne disilluso dalla vita che sente sfuggirgli di mano. Il testo, recitato da un doppiatore professionista americano, è accompagnato da immagini iconografiche dello stato d’animo e dei sentimenti comuni alla maggior parte degli uomini e delle donne che affrontano il percorso della terza età. https://www.spazio50.org/the-perspective-that-no-longer-exists/

Oltre ai primi tre classificati, sono state assegnate anche due menzioni speciali. La prima è andata al cortometraggio “Vecchio” di Dino Lopardo - classe 1985 originario della provincia di Potenza – che racconta la storia di Aldo, ospite in una RSA che attende ogni giorno i propri cari affacciato alla finestra della sua stanza.
Il giorno del suo compleanno avviene una sorpresa che interrompe la sua solitudine: un regalo speciale sarà la giusta ricompensa per tutti i sacrifici fatti in una vita intera. https://www.spazio50.org/vecchio/

La seconda menzione speciale è assegnata a “Giovanni” di Marco Di Gerlando, film-maker e Ludovica Gibelli, attrice e regista, entrambi liguri. Il loro cortometraggio racconta di Giovanni, un bambino di sei anni che sta andando al parco insieme a alla madre. Si siede su una panchina e inizia a giocare con il suo bambolotto, al suo fianco è seduto un anziano signore a cui non sembra piacere ciò che sta facendo. https://www.spazio50.org/giovanni/

I cortometraggi finalisti hanno raccontato il tema dell’abbraccio declinandolo in molte forme e usando diversi linguaggi visivi. Spesso, evitando il rischio più grosso: la retorica – ha commentato Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, in qualità di Presidente della giuria e ha aggiunto – 50&Più ha tra i suoi meriti quello di aver incentivato la produzione di cortometraggi”

Durante la premiazione è stato consegnato il Premio 50&Più al cortometraggio intitolato “Un gesto secolare”. L’opera, realizzato da 50&Più Lecce, evidenzia due temi fondamentali e critici che in questi anni hanno sconvolto, e ancora oggi preoccupano, sia l’Italia che il territorio salentino (Covid-19 e Xylella). Il cortometraggio ha voluto raccontare la gradualità con cui si stanno recuperando la vita quotidiana e le sue abitudini, celebrando il ritorno alla normalità con l’abbraccio dell’ulivo. https://youtu.be/V7G88_exnsU

Il concorso di quest’anno è stato caratterizzato da grande creatività. Il bisogno del contatto fisico traspare in quasi tutti i cortometraggi, dimostrando quanto gli anni del distanziamento sociale ci abbiano segnato – dichiara il Presidente nazionale 50&Più Carlo Sangalli – è emersa anche l’importanza del rapporto intergenerazionale e di scardinare gli stereotipi legati all’anzianità, tematiche che 50&Più sostiene da tempo”.

 
Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere