Venerdì 23 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Pina PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Daria Castelfranchi   
martedì 18 ottobre 2011

Pina
Titolo originale: Pina
Germania: 2011. Regia di: Wim Wenders Genere: Musical Durata: 111'
Interpreti: Pina Bausch, Regina Advento, Malou Airaudo, Ruth Amarante, Rainer Behr, Andrey Berezin, Damiano Ottavio Bigi, Bénédicte Billet, Ales Cucek, Clementine Deluy, Josephine Ann Endicott, Lutz Förster
Sito web ufficiale: www.pina-film.de
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 04/11/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Daria Castelfranchi
L'aggettivo ideale: Per intenditori
Scarica il Pressbook del film
Pina su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

PinaDedicato ad una grande personalità del teatro contemporaneo, l’ultimo film di Wim Wenders rende omaggio a Pina Baush, nota coreografa tedesca che ha rivoluzionato il mondo della danza. Pensato per gli intenditori, per chi ama il teatro - principalmente quello concettuale - e per chi ha conosciuto e apprezzato l’opera della Baush, Pina è un film che mette in scena le rappresentazioni più all’avanguardia dell’artista - in primis Café Müller, Le sacre du printemps, Vollmond e Kontakthof - e che riporta le testimonianze di chi ha lavorato con la grande coreografa scomparsa nel 2009.

Molto interessante dal punto di vista tecnico perché affronta la sfida del rappresentare la danza in 3D, Pina è stato realizzato grazie anche al mostro sacro della sterografia in 3D, Alain Derobe. L’intenzione di Wenders è stata quella di immortalare le coreografie della Baush nel miglior modo possibile ed il ricorso al 3D risulta certamente singolare, con un che di sperimentale.
In maniera assolutamente impercettibile, il digitale ci restituisce l’armoniosità dei corpi e delle coreografie.

E come la Baush tendeva a oltrepassare i confini tra palcoscenico e spettatore, così il regista, per mezzo dell’uso innovativo del 3D in un film d’impianto teatrale, ha voluto continuare in su questa strada: e ci è riuscito, decisamente. Innamoratosi della sua capacità di rivisitare il linguaggio del corpo, Wenders ha instaurato un’amicizia lunga e profonda con Pina Baush, con la promessa di fare presto un film insieme. Film che però non ha mai visto la luce a causa dei fitti impegni di entrambi: ma con Pina, il regista ha realizzato un tributo e un sogno.

Nel teatro di Pina Baush le parole contano poco: è tutto affidato alla danza e all’espressione del corpo.
“Pina era una pittrice”, “Pina era forza, dolore, solitudine”. Il film di Wim Wenders ci porta a Wuppertal, luogo che per ben 35 anni è stato il cuore della creatività di Pina Baush ed è il primo film d’autore in 3D.
Iniziato nel 2009, al momento della morte improvvisa e inaspettata della coreografa, il progetto è stato accantonato ma, in seguito alle richieste della famiglia e dello staff, è andato avanti.
Il risultato è un’opera emozionante, che rende omaggio ad una donna che ha saputo fondere teatro e danza in una forma artistica a sé stante e ha fatto dei concetti di speranza e realismo, il fulcro del suo insegnamento.
Il film di Wenders sarà presentato nella sezione Eventi Speciali del prossimo Festival Internazionale del Film di Roma.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere