HOME arrow CINEMA & CURIOSITA': arrow Oscar arrow Brividi durante gli oscar
Giovedì 26 Novembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
operatore.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Brividi durante gli oscar PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Bassi   
lunedì 23 aprile 2007


oscar_05.jpg      Brividi durante gli oscar

Nel 1973, per protestare contro il trattamento riservato da Hollywood agli indiani d'America, Marion Brando delego a Sacheen Piccola Piuma I'incarico di ritirare l'Oscar da lui vinto come migliore attore nel film Il Padrino. Risulto in seguito che Sacheen Piccola Piuma non era affatto una nativa americana bensi un'attrice californiana.

Una volta, prima che i vincitori degli Oscar fossero costretti ad abbandonare il palco da un attacco orchestrale cadenzato con precisione cronometrica, Green Garson, vincitrice del 1942 dell'Oscar come migliore attrice nel film La signora Miniver, rimase in scena per almeno cinque minuti , anche se poi la leggenda vuole che non si sia mossa di lì per quasi un'ora.
Fu dopo il suo interminabile elenco di ringraziamenti che si decise di imporre ai vincitori un limite massimo di tempo.

In un numero d'apertura da fare davvero accapponare la pelle durante la consegna degli Oscar nel 1989 Rob Lowe si vide costretto a cantare Proud Mary ballando con un'attrice vestita da Biancaneve. La Disney si inviperi a tal punto da minacciare di fare causa per "uso improprio" del suo personaggio.

Al momento di pronunciare qualche parola di ringraziamento dopo aver ricevuto la prestigiosa statuetta molte attrici si sono lasciate prendere dall'emozione, ma Anna Paquin le ha superate tutte quante. Nel 1993, infatti, dopo aver vinto l'Oscar come migliore attrice non protagonista nel film Lezioni di piano, l'attrice, che al tempo aveva appena dodici anni, rischio addirittura di andare in iperventilazione.

Nel 1971 George C. Scott fu il primo attore a rifiutare l'Oscar.
Vincitore della statuetta come migliore attore per il suo ruolo in Patton, generale d'acciaio, non si reco' alla cerimonia della consegna e rifiutò il premio, dichiarando che "le cerimonie (degli Oscar) sono solo due ore di puro sfoggio esibizionistico, una simulazione pubblica di suspense al solo fine di lucro".
George Scott se ne resto' a casa a godersi una partita di hockey su ghiaccio alla televisione.

Durante la consegna degli Oscar del 1974 uno streaker, cioe uno di quelli che corrono nudi in pubblico come forma di protesta, attraversa come una saetta il palco proprio mentre David Niven stava annunciando una delle statuette.
Niven seppe far fronte all'imprevisto con una battuta improvvisata: "Il solo modo che un uomo ha nella vita per strappare una risata e mettersi nudo... e mostrare i suoi difetti."

Nei 1998 Gwyneth Paltrow vinse l'Oscar come migliore attrice di Shakespeare in Love. In quell'occasione fece questa dichiarazione:"Non sarei mai stata in grado di sostenere questo ruolo se non avessi conosciuto l'amore in tutta la sua magnitudine".
Gia che c'era, pensò anche di ringraziare un paio di parenti ormai defunti. Dopodiche scoppio in lacrime. Rendendosi decisamente ridicola.


Nonostante non abbia mai ricevuto l'Oscar come regista, Alfred Hitchcock fu insignito nel 1967 di un premio alla sua lunga e importantissima carriera. Tutti, pensando ai suoi interventi televisivi, si aspettavano da lui un discorso pieno di battute di spirito, ma restarono delusi perchè il grande regista mormorò appena un "Grazie" e se tornò pigramente a sedere.

Nel 1978, alla consegna dell'Oscar come migliore attrice non protagonista per il film Giulia, Vanessa Redgrave attaccò con una sparata contro i "perfidi sionisti".
Fuori del teatro dovettero intervenire molti agenti per tenere buone le persone che stavano protestando.
Il commediografo Paddy Chayevsky, che aveva accompagnato sul palco l'attrice, non si trattenne e le disse a bruciapelo: "Un semplice grazie sarebbe stato piu che sufficiente".


Nel 1993 Tom Hanks vinse il suo primo Oscar per la sua straordinaria interpretazione di un avvocato stroncato dall'AIDS nel film Philadelphia.
Al momento di ricevere il premio Hanks pronuncio un appassionato discorso in cui, come tutti sanno, ringraziò il suo insegnante di arte drammatica al liceo , che era gay.
L'unico problema era che l'insegnante non aveva ancora fatto il suo outing.
La gaffe di Tom Hanks ispirò poi la divertente commedia In & Out (1997), con Kevin Kline, in cui Matt Dillon annuncia che il suo insegnante è gay proprio mentre ri-ceve un Academy Award.

Alla cerimonia per la consegna degli Academy Award del 1934, l'ospite d'onore Will Rogers annunciò il vincitore dell'Oscar alla regia esclamando:
"Vieni su a prenderlo, Frank!"
Con il volto che sprizzava gioia, Frank Capra autore del il film Signora per un giorno si alzò e partì dritto verso il palco.
Purtroppo per lui, il vero vincitore era Frank Lloyd con Cavalcata.
Capra defini il dietro-front per tornare al suo tavolo come "la passeggiata piu lunga, piu triste e devastante della mia vita".


Nel suo pessimo discorso di ringraziamento per aver ricevuto l'Oscar come migliore attrice di Le stagioni del cuore (1984) Sally Field riusci soltanto a ripetere: "Io vi piaccio... allora io vi piaccio proprio".
Anche se appariva completamente sopraffatta dall'emozione, Sally Field in realta era gia stata premiata come migliore attrice protagonista di Norma Rae (1979).

Non essendo sicuramente il ritratto della modestia, al momento di ricevere l'Oscar per il suo Titanic (1997) il regista James Cameron fece sua una delle battute di Leonardo Di Caprio e dichiaro: "Sono il re del mondo!"
Poi chiese a tutti di os-servare un minuto di silenzio in memoria di quanti avevano perso la vita nel naufragio del 1912.

Nel 1985 venne chiesto a sir Lawrence Olivier, il famoso attore shakespeariano, di presentare il premio per il miglior film. Purtroppo l'attore, settantottenne, dimentico'  tutti i titoli dei migliori film che avevano avuto la nomination, cosi apri semplicemente la busta e annuncio:
"Amadeus"

Non contento di aver vinto l'Oscar come migliore attore non protagonista di Scappo dalla città(La vita, l'amore e le vacche), il settantaduenne Jack Palance volle dimostrare di saper tenere testa al suoantagonista più giovane mettendosi a fare le flessioni su un braccio solo direttamente sul palco.
 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere