HOME arrow SORRIDI CON NOI arrow Proverbi arrow Proverbi e detti popolari Napoletani
Martedì 23 Settembre 2014
Cinemalia Menù
HOME
ANTEPRIME GRATUITE
FILM GRATIS
RECENSIONI NOVITA'
RECENSIONI FILM
RECENSIONI DVD
I FILM CHE USCIRANNO
GLI INEDITI
CULT MOVIE SCI-FI
SORRIDI CON NOI
PROSSIMAMENTE
LUOGHI COMUNI
ARTICOLI CINEMA
CINEMA E CURIOSITA'
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI E CINEMA
COLLABORA CON NOI
CONTATTACI
STAFF
FEED RSS
NEWS & RUMORS
SERIE TV
Cerca in Cinemalia
Newsletter Cinemalia
Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.
Ricevi HTML?
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Pubblicità
Anteprima TFF

Retrospettiva Sono Sion
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)

Libri & Cinema
Prossimamente
Proverbi e detti popolari Napoletani PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesco Bassi   
domenica 25 marzo 2007

Raccolta di proverbi e detti popolari Napoletani

Vide Napule e po' muore.
Vedi Napoli e poi muori.

A raggiona è d' 'e fesse.
La ragione è degli stupidi.

A gallina fa ll'uovo e o gallo ll'abbruscia 'o culo
La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il sedere

A vicchiaja è 'na brutta bestia
La vecchiaia è una brutta bestia

I figlie so' piezz' 'e core.
l figli sono una parte di noi stessi.

Addò sta 'o Papa, llà è Roma.
Dove si trova il Papa, là è Roma.

A capa 'e sotta fa perdere 'a capa 'e còppa.
Il sesso può far diventare pazzi o scemi.

Mannaggia 'a pressa", dicette 'a maruzza.
Maledetta la fretta", disse la lumaca.

Ma che tengo, 'o prèvete a casa?
Ma pensi veramente che io stia così bene in soldi?

Mamma a messa e 'o cane appriesso.
Riferito a chi segue la scia, senza avere un idea propria

A cavallo rialàto nun se guarda 'mmòcca.
Qualsiasi regalo, anche se modesto,

Accìde cchiù 'a lengua ca 'a spata.
Sono più terribili le maledicenze che le armi.

Vede' 'a morte cu' l' uocchie.
Crede di essere in punto di morte

Vede' e nun tuccà: chesta è cosa da crepa'!
Vedere e non poter toccare le cose che piacciono è davvero un grosso sacrifie.

Vederse pigliate d''e turche
Non sapere che fare - vedersi perduto.

Vene una e pava tutto!
Pagherai una volta per tutte!

Vene vierne p' 'e male vestute.
Arriva il freddo per chi non ha di che coprirsi!

Vengo d''o muorto e tu dice ch 'è vivo.
Come fai a dire questo se io sono sicuro del contrario ?

‘O peggio passo è chillo d’ ‘a porta.
Il momento più brutto è quello in cui ci si chiude la porta alle spalle.

A ogne auciello pare sempre cchiù bello ‘o nido sujo.
La propria casa è sempre la più bella di tutte.

Chi gallina nasce, in terra raspa.
Chi nasce zotico, agisce da zotico.

Chi ha fatto chicchnichì, mm po’ fa chicchiricò.
Non si può cambiare idea da un momento all’altro.

Chi ha pietà d’ ‘a carne ‘e ll’ate, ‘a soja s’ ‘a magnano ‘e cane.
Bisogna pensare al prossimo, ma anche a se stessi.

Chillo comme se galleja.
Quello fa il galletto!

Chillo tene ‘a saraca ‘int’ ‘a sacca.
Quello nasconde qualcosa, non tue la dice tutta.

Chi more‘e maruzze e funge,porca chella mamma ca s”o chiagne
Chi non merita compassione.

Chi nasce prencepe, nun adda fà cose ‘e serviilo.
Chi nasce signore deve vivere da signore.

Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.
Se non si vuol migliorare, si resta come si è.

Chi nun tene denare è nu saputo e n’aseno.
Chi non ha soldi non è nessuno.

A vipera ca muzzecaje a muglierema, murette ‘e tuosseco.
La vipera che morsicò mia moglie, morì avvelenata.

A vocca ‘nchiusa nun traseno mosche.
È preferibile tacere, piuttosto che dire cretinate.

Mamma a messa e ‘o cane appriesso.
Riferito a chi segue la scia, senza avere un idea propria.

Mannaggia ‘a capa toja, alluccava ‘o punpo a’ purpessa.
Dare la colpa agli altri troppo facilmente.

Mannaggia ‘a pressa! Dicette ‘a cestunia.
Accidenti alla fretta! disse la tartaruga.

Mannaggia ‘o suricillo e pezza ‘nfosa!
Maledizione rivolta.. a nessuno!

Me canta, comm’ ‘o gallo, ‘a passione.
E’ un profeta di sciagure.

‘Nce capimmo a sische, diceva ‘o mierulo ‘a mugliera.
Ci si può capire anche a fischi.

Ogne scarrafone è bello ‘a mamma soja.
Ogni figlio, anche se brutto, è bello per sua madre.

S’abboffa comm’ ‘a nu ruospo.
Gonfiarsi tenie un rospo per la rabbia.

Chisto è nu munno ammunnato.
Ma tu vedi che razza di mondo.

A femmena pe’ ll’ommo addeventa pazza, l’ommo p’ ‘a femmena addeventa fesso.
Ci sono uomini che per una donna si rimbecilliscono.

Viecchio è chi primme more.
E' vecchio chi muore prima: spesso le persone anziane sopravvivono, mentre i giovani muoiono.

Viestele comme vo', ca sempe fuieno.
Se non c'è la spinta interiore, se una persona non vale di per sé non sarà certo una sfolgorante divisa a trasformarla.

Vieste liccone ca pare barone.
Vestilo bene e sembrerà un signore anche lui.

Vino e maccarune songo 'a cura p' 'e purmune.
Il cibo sano e nutriente è la miglior cura per gli ammalati di polmoni.

Vo' fa' 'arrusto cu' 'o spito 'e lignamme.
Voler fare una cosa senza gli strumenti adeguati.

Vo' fa' pappa, cacca e nanna.
Si dice di chi non ha yoglia di lavorare e vorrebbe star tutto il giorno beatamente in ozio come un neonato.

Vo' 'o cocco munnato e bbuono.
Vuol essere servito fino in

Vota e gira 'o cetrulo e và 'nculo a 'o parulano.
Quando qualcosa va male finisce sempre col pagarne le spese chi ne ha meno colpa.

Vota e gira, 'o munno è sempe 'o stesso.
Passano i secoli, ma il mondo è sernpre lo stesso.

Vota 'e pisce, ca s'abbruciano...
Fai attenzione a cio che stai facendo, non distrarti...

Vuta' 'a capa cumm' 'a 'n'ariatella.
Si dice quando si è pieno di pensieri, di preoccupazioni.

Vuta' fuoglio.
Cambiar discorso.

Vutta ' a pretella e annasconne 'a manella.
Lancia un'idea e poi fa finta di niente (dire una malignità sotto forma di cortesia).

Vutta' 'o carro a scurteca'.
Essere spericolati, usare le cose senza giudizio.

Vutta' 'o carro 'ncopp' 'a scesa.
Tentare il tutto per il tutto aiutare qualcuno.

A cucina piccerella fa ‘a casa granne.
Basta risparmiare sulla spesa per metter su una casa più accogliente.

Onorame tu ‘ncasa, pecché io t’onore ‘nchiazza.
Dammi i soldi che mi devi,se vuoi che io ti tratti bene davanti agli altri!

‘O patrone songh’io, ma chi cumanna è mia moglie.
Il capo famiglia sono io ma chi comanda è mia moglie!

Chello ca tu nun vide’nsciore,nun aspettare manco ‘nfrutto.
Se un albero non dà fiori, non darà neanche frutti, inutile illudersi.

Chello ca vene cu ‘o ‘ndringhete-ndrè, se nne và cu ‘o ndringhete-ndrà.
La farina del diavolo se ne va in crusca.

Chello ca cchiù se nega, cchiù alumma l’appetito.
La donna che si nega, eccita di più...

Chello che fa’ Dio è tutto buono.
Tutto ciò che fa Dio è ben fatto.

Chello ca è ‘e fatto, nun è d’inganno.
Ciò che è stabilito in un patto non è disonesto.

Chello ch’è scritto ‘ncielo, ‘nterra mancà nun pò.
Il destino è scritto in cielo.

Chi arreto parla, fa ‘a tarla.
È brutto parlare alle spalle di qualcuno.

Chi ave, vò vévere e vò magnà, o ll’ammore vo fa.
Chi se lo può permettere, vuole tutto.

Chi avette fuoco campaje e chi avette pane murette.
Il freddo uccide più della fame.

Chi bene fà, male aspetta.
La carità viene mal ricambiata.

Chi buono fà ‘a guerra, fà buone pure ‘e fatte.
Chi è battagliero sa anche concludere gli affari.

Chi buono accummencia è ‘a mmità ‘e ll’opera.
Chi ben comincia, è alla metà dell’opera.

Chi cammina adagio, fà bona ‘a jurnata.
Chi va piano, lavorerà bene.

Ogne cane ca' fuje sape 'e fatte suoje.
Se qualcuno cerca di evitare una situazione sa quel che sta facendo. (grazie a Gennaro Simeone)

Ogne scarrafone è bello a mamma soja.
Ogni scarafaggio sembra bello alla propria madre.

Onorame tu 'ncasa, pecché io t'onore 'nchiazza.
Dammi i soldi che mi devi,se vuoi che io ti tratti bene davanti agli altri!

Pà accidere 'a zoccola mannamme 'a nave 'nfunno.
Per uccidere un ratto affondiamo la nave

Quann' 'o diavulo t'accarezza, vo' ll' ànema.
Quando il diavolo ti accarezza, desidera la tua anima.

Rutt e pirit so' segne 'e salute
Eruttazioni e peti sono segnali di buona salute (grazie ad Antonio Leonardi)

Santa Chiara, ropp'arrubbata, facetter 'e porte 'e fierro.
Alla Basilica di Santa Chiara, dopo il saccheggio, misero i portoni di ferro.

S'abboffa comm' 'a nu ruospo.
Gonfiarsi tenie un rospo per la rabbia.

Se 'a nonna mio teneva 'o coso 'a chiammavano 'o nonno.
Se mia nonna aveva il pene la chiamavano il nonno.

Se 'o nonno mio nun era morto era vivo ancora!
Se mio nonno non fosse morto ora era ancora vivo.

Se 'o nonno mio tenesse 'e rote fosse 'na carretta.
Se mio nonno avesse le ruote sarebbe un carro.

Se dice 'o peccato, ma no 'o peccatore.
Si dice il peccato, ma non il peccatore.

Se pigliano cchiù mmosche cu 'na goccia 'e mele, ca cu 'na vott' acito.
Si catturano più mosche con una goccia di miele che con una botte di aceto.

Se 'a femmena cammina e move l’anca, si nun è zoccola poco ce manca.
Non bisognerebbe fidarsi delle donne che ancheggiano

Sparte ricchezza e addeventa puvertà.
Dividi la ricchezza e diventerà povertà.

'U cchiù doce d' 'a vita è 'u ddurmi'.
Il sonno è quanto c'è di meglio nella vita.

Uèh! scinne 'a cavallo!
Oh! , non darti tante arie!

Uh ri'! me pare 'o ballo 'e l'urza!
Esclamazione volta a schernire chi si muove o balla con goffaggine.

'U munno è chilIo ca tiene 'ncape.
La visione del mondo è soggettiva: Ognuno lo vede dal proprio punto di vista

Una ce ne steva bona, e 'a facettero Maronna.
Una sola donna buona e venuta al mondo... la Madonna.

Una lanterna è chelIa che fa luce.
Soltanto la fede ci illumina, ci guida.

Una ne fa e ciente ne penza.
Si dice di un individuo vulcanico, oppure di un discolo da una fantasia fertile.

Una pe' vevere e n'ata pe' sciacqua'.
Fare una rimenata a dovere, rimproverare.

Uocchie 'a cannela!
Attenzione! Bada a quel che fai!

Uocchie ca nun vede, core ca nun sente.
Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.

Uocchie chine e mane vacante.
Si dice di chi vede tante cose belle ma non puo' averle.

Uocchie e maluocchie e furticielle all'uocchie: schiatta la 'mmidia e crepano 'e maluocchie.
Filastrocca contro l'invidia ed il malocchio.

Uommene 'e vino diece 'no carlino; femmene 'e vino ciento 'nu carlino.
Che beva un uomo, poco male, ma che beva una donna è una cosa vergognosa.

Uosso tuosto a scurteca'.
Si dice di un duro, un tipo che non si conunuove facilmente, che non molla.

U palazzo è auto e 'a signora è sorda.
Si dice quando una donna fa finta di non sentire e si dà arie.

Uppelo e surece 'mmocca.
Taci ... Non far capire niente.

Va 'a funtana, ca 'a sete è grossa.
Si dice a persona avida o esosa, insaziabile.

Va appriesso 'a cosa meglio e maje a chella nova.
Ricerca le cose migliori, non le novità.

Vaco pe' grazia e trovo justizia.
In te pensavo di trovare comprensione e perdono ed ho trovato invece severità e punizioni.

Va' da 'o patuto e no' da 'a miedeco.
Vai dal malato e non dal medico confinai con chi ha sofferto, in lui potrai trovare comprensione e pietà.

Vaiassa, cotena grasse.
Le donne di bassa condizione sociale sono ben pasciute.

Vaie arreto arreto comm' 'o funaro.
Invece di progredire, vai indietro.

Vaie cercanne 'e farfalle sutt'allarco.
Vai perdendo tempo.

Vaie cercanno èvere pe' ciente cavalle.
Si dice di chi accampa pretese non giustificate.

Chi cagna penzata a ogne mumento, fatica senza concluderedere mai niente.
Chi è indeciso è inconcludente.

Chi nun tene denare ave sempe tuorto.
Sono i poveri che hanno sempre torto.

Chi nun tene debbete, è ricco.
E’ ricco chi non ha debiti.

Chi nun sà abballà, nun ascesse inmiezo.
Se non sai fare una cosa, non pro porti per farla.

Chi nun tene denare, va facenno zelle.
Chi non ha soldi fa debiti e guai.

Chi semmena ‘nmiezo ‘e llacreme arrecoglie ‘nmiezo ‘a priezza.
I sacrifici danno buoni frutti.

Chi se ntrica, resta ‘ntricato.
Di può restare imbrogliati nel proprio imbroglio.

Chi semmena grano, nun coglie ardiche.
Chi semina grano, non raccoglie ortiche.

Chi se ‘mpiccia, resta ‘mpicciato.
Meglio farsi gli affari propri.

Chi semmena cortesie, mete lo benefizio.
Chi è cortese sarà trattato in modo cortese.

Chi serve fedele, aspetta premio.
La fedeltà viene premiata.

Chi se piglia ‘e penziere ‘e llate, se fà ‘e capille janche d’ ‘o tiempo.
Invecchi prima, se ti occupi troppo degli altri.

Chi se piglia, s’assumiglia.
Molte volte si sceglie il partner che ci assomiglia.

Chisto è chino ‘e carcapède.
Riferito ai benestanti.

Chi se sose matino s’abbusca ‘o carlino: chi se sose a iurno s’abbusca nu cuorno.
Bisogna cominciare presto!

Vale cchiù 'na bona parola a tiempe debbete ca ciente ducate.
Talvolta una buona parola detta a tempo debito vale più di cento ducati.

Vale cchiù 'na faccia tosta ca 'nu palazzo.
L'impudenza, la sfacciataggine possono rendere più di un palazzo.

Vale cchiù uno a ffa', ca ciente a' cummannà.
Produce di più una persona sola che lavora anziché cento che comandano.

Vale tant' oro quanto pesa.
Si dice di persona di cui ci si puo' fidare ciecamente, persona di tutto rispetto, di grandi capacità, intelligenza e preparazione.

Vanno truvanno a Cristo 'a 'int' 'e lupine.
Vogliono cose impossibili (seccano con cavilli assurdi).

Vicie', tiene cchiù corna ca nu cato 'e maruzze.
Un cesto pieno di lumache è gremito di piccole corna: il paragone è formidabile.

Vicine 'a chiesia, luntane 'a Dio.
Talvolta chi frequenta molto la chiesa ha sentimenti poco cristiani (puà anche essere interpretato: se si sanno troppe cose sul conto dei preti ci si allontana dalla religione).

Vicino mio, specchiale mio.
I vicini erano anticamente un po' la pietra di paragone a cui si cercava di adeguarsi.

Votta chiena e mugliera 'mbriaca.
Non si possono avere contemporaneamente due cose opposte.

Vruoccule, figlie 'è foglie, 'a semmenta nun po' falli'.
Secondo il serne sarà il frutto: non puoi attenderti diversarnente.

Chisto è ‘o munno: chi naveca e chi va a funno.
Così gira il mondo; chi ha fortuna e chi non ne ha.

Chi te fà male te vo’ bene e chi te fà bene te vo’ male.
Il rimprovero può essere un segno d’amore.

Chiste so’ nummere.
Sono numeri da giocare al lotto, cose da pazzi!

Chi stipa, trova.
Ciò che hai messo da parte, te lo ritrovi sempre.

Vaie mettenno campanelle 'ncanna 'a gatta.
Attiri l'attenzione di tutti su qualcosa che era meglio tenessi per te.

Vaie truvanne guaie cu 'a lanternella.
Vai proprio in cerca d'i guai, te li procuri.

Vaie truvanno miezjuorno a vintiquattore.
Cerchi l'impossibile, non vuoi proprio rassegnarti.

Vale cchiù 'na bella fessa, ca ... ciente cuoppe 'allesse.
E' indubbio che attira molto di più il grembo di una bella fanciulla che cento coppetti di castagne lesse

Vuje case ne tenite ? La vostra visita ci ha fatto molto piacere, ma adesso, non vi pare che si sia fatto un po tardi?

Vularria tene' vint'anne...
Ah se avessi vent annl.

Vule' essere acciso 'ncredenza.
Si dice di chi va proprio cercando guai.

Vulé fà' nu pireto chiù gruosso d' 'o culo.
Voler fare il passo più lungo della gamba.

Vulè girà 'a frittata.
Mischiare le carte.

Vule' paglia pe' ciento cavalle.
Chiedere un risarcimento esagerato, avere delle pretese assurde.

Vummeca' centrelle.
Proferire maledizioni, dir cattiverie

Vuo' bbene all'ommo tujo cu' 'i difiette suje.
Ama il tuo uomo accettandone i difetti.

Vuo' campa' libbero e beato?
Meglio sulo ca male accumpagnato! Se vuoi vivere libero e beato è preferibile che tu viva da solo.

Vuo' campa' quanto tu vuo' ?
Fatte' a zuppa primma e po' ! Il latte fa bene, il latte conviene.

Vuo' canoscere l'ommo?
Guardalo 'a cera. Lo sguardo dell'uomo, la sua espressione spesso ci dicono molto.

Quanno 'a zita è mmaretata, tutte 'a vònno.
Quando la giovane ha preso marito, tutti la vogliono in sposa.

'E figlie so' ppiezz''e còre.
I figli sono frammenti di cuore.

Pure 'a riggina avette bisogno d''a vicina.
Anche la regina ebbe bisogno della vicina.

E femmene teneno sette spirite comnie' 'e gatte.
Che vitalità che hanno le donne!

E figlie so' comm' 'e sierpe 'int' 'o manecone.
Un figlio può essere una serpe covata in seno.

E' ghiuto 'o puorco dint' 'e mele.
E' andato a finire il maiale fra le mele!

'E luce fanno juorno 'a sera.
C'è sempre una speranza.

Fa chiù miracule 'na votte 'e vino ca 'na Chiesa 'e Santi.
Fa più miracoli una botte di vino che una Chiesa dii Santi.

Fà 'o gallo 'ngoppo 'a munnezza.
Comandare sui più deboli.

Fatte 'o lietto, ca nun saje a chi aspietti, arricèttate 'a casa, ca nun saje chi trase.
Meglio stare sempre in ordine, per qualunque evenienza.

Femmena 'a la casa a faticare vale tant'oro quanto sta a pesare.
La donna che lavora in casa, vale tant'oro quanto pesa.

Femmene , ciucci e crape tenene tutti 'a stessa capa!!!
le donne , gli asini e le capre hanno lo stesso modo di pensare.

Guarda e nun 'nciampà 'nnanzi 'a porta d' 'a casa toja.
Non criticare gli altri, pensa a te! Tu non sei migliore degli altri!

Guajo 'ncomune, mez' allerezza.
Mal comune, mezza gaudio.

Parlanno do diavulo, spuntajeno 'e ccorna.
(Parlando del diavolo, apparvero le corna.

Pigliate 'a bona quanno te vene, ca 'a malamente nun manca maje.
Prenditi la buona occasione quando ti capita, perchè la cattiva non manca mai.

Porta co' tico e magna co' mico.
Porta il cibo con te e mangia con me!

Primma 'e cunfetti e pò 'e difetti.
Prima le nozze e poi i difetti.

Putesse, ricesse e facesse ereno tre fessi!
Con i SE e i MA non si arriva a nulla.

I male guvernate 'i gguverna Dio.
A quelli che sono abbandonati a se stessi pensa Dio.

I' me chiammo Cannavaccio: nun me 'ntrico e nun me 'mpaccio.
Mi faccio i fatti miei.

I meglie cunsigli songhe chille ca nun se paveno.
I migliori consigli son quelli che non si pagano

I' me ne scutuleo 'i panne.
Io mi tolgo di mezzo, me ne lavo le mani.

I' me sceto sempe matina.
Mi sveglio sempre di buon mattino.

I' me sparagno e nun me 'mpaccio.
Io non mi impiccio dei fatti altrui e non ne soffro.

I' me sparagne 'a mugliera e l'ate sa fottono.
Il colmo dell'avarizia.

Int' 'a casa d' 'o mpiso nun nummenà chiappe.
Non parlar di corda a casa dell' impiccato (non ricordare un dolore a chi ha sofferto).

A carne fa carne e 'o vino fa sango!
La carne irrobustisce ed il vino fa buon sangue e quindi entrambi questi alimenti sono da preferire agli altri. '

A carne se jètta e 'e cane s'arràggiano.
Quando c'è abbondanza di roba ma mancano i soldi per acquistarla.

Dicette 'o cafone:"Si nun m'avanta eo, m'avanto meo".
Disse il campagnolo:"Se nessuno mi esalta, mi esalto da me".

Zompa chi pò!", dicette 'o ranavuòttolo.
Salti chi può!", disse il ranocchio.

Dicette Pulicenella:"'Nu maccarone va ciènto vermicielle".
Disse Pulcinella:"Un maccherone vale cento vermicelli".

A forca è fatta p''e puverielle.
La forca è per i poveri.

A morte 'nzerra 'a porta.
La morte chiude la porta.

Pignata sengata campa cchiù assaje.
Pentola incrinata dura più a lungo.

Cummannà è meglio 'e fottere
Comandare è meglio che andare a donne.

Chi cagna 'a via vecchia p''a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova.
Chi cambia la strada vecchia per la nuova sa ciò che lascia ma non ciò che trova.

A chi parla areto, 'o culo 'o risponne.
A chi parla alle spalle, risponde il sedere.

O puòrco se 'ngrassa pe' ne fa' sacicce.
Il maiale s'ingrassa per farne salsicce.

A gallina fa ll'uovo e ò gallo ll'abbruscia 'o culo.
La gallina fa l'uovo e al gallo s'infiamma il sedere.

A buscìa nun tène piede.
La bugia non ha piedi.

Chi buono vo' accummincia', figlia femmena hadda fà.
Chi bene vuol cominciare deve fare una figlia femmina.

Dàtte da fà: 'a jurnata è 'nu muòrzo!.
Datti da fare: la giornata è un boccone!

Int' 'a n' ora Dio lavora.
Il Signore fa in un'ora quel che non ha fatto per anni.

Int''a vita tutto po' essere, tranne ca l'ommo prèno.
Tutto puo accadere al mondo, tranne che l'uomo s'ingravidi.

Int' 'a vocca chiusa nun traseno mosche.
Meglio tacere che dire stupidagini.

Int' 'e carcere e int' 'e malatie cunosci l'amicizia mia.
Nelle grosse tragedie si riconosce la vera amicizia. (grazie a Sara)

I' nun te faccio manc' 'o 'llatte 'e furmicula.
Non ti faccio mancare niente, ti procuro tutto cio che vuoi.

I renare s'abbuschene cu' 'a spogne e se ne vanne cu' 'e cate.
I soldi si guadagnano pochi per volta e se ne vanno a fiumi.

L’ha avuta dint’ ‘e mole.
Si è offeso.

Lievete ‘o pilo ‘a vocca.
Parla con onestà.

Luna allerta, marenara cuccato.
Con la luna piena i pesci non abboccano.

Levarse ‘a preta a ‘int’ ‘a scarpa.
Vendicarsi.

O cafone tene ‘e scarpe grosse ‘e cervelle fine.
I contadini sono dei furbastri.

O carro s’accongia p’ ‘a via.
Le cose si aggiustano da sole.

O chiuovo nuovo caccia ‘o viecchio.
Chiodo scaccia chiodo.

 

O dulore è ‘e chi ‘o sente, no ‘e chi passa e tene mente.
Il dolore è di chi soffre.

Ogge a me, dimane a te.
Il mondo gira.

Ogne acqua corre a mare.
Tutto ha una fine.

Ogni bella pazzia ferniesce a fieto.
Ogni bel gioco dura poco.

Ogne impedimento è giuvamento.
A volte non riuscire a far certe cose diventa positivo.

Ogne lassata è perduto.
Il lasciato è perduto.

Ogni prumessa è debbeto.
La promessa è debito.

Ognuno tira ‘a mulino sujo.
Tutti tiriamo acqua al nostro mulino.

Tene’ ‘e terre spase ‘o sole.
Avere dei possedimenti.

Tene’ nu pisemo ‘ncopp’ ‘o stommaco.
Avere un problema assillante.

Vule’ girà ‘a frittata.
Mischiare le carte.

Zumpà ‘o fuosso.
Decidersi a fare qualcosa che si è sempre rimandata.

A briscola se jòca culle denare!
Nei giochi di carte, ed anche negli affari, occorre denaro contante.

A buscìa tène'e pière...
Le bugie camminano velocemente e si propagano ingigantendosi sempre più.

Acàla 1'uòcchie'nterra e abbàda a 'e fuòsse!
Guarda bene dove metti i piedi; attento a ciò che fai!

A capa ca nun fa .perùcchie è capa 'e fenùcchio.
È da presumere quindi che solo i calvi erano, una volta, esenti da pidocchi.

'A carciòffola se mònna a' 'na foglia a' vòta.
Ogni cosa deve essere fatta con criterio e con gradualità.

'A carne 'a sotto e i maccarùne 'a coppa...
Spesso le partisi invertono: le persone intelligenti soccombono egli stupidi vanno avanti.

A carne 'e 'lupo, diènte'e cane!
Per le persone violente occorre un interlocutore della stessa pasta.

A carne è scesa e 'o purmòne è sagliùto.
Quando le persone per bene cadono in miseria ed i villani si arricchiscono.

A scopa nova scopa buono sulo tre gghiuòrne.
La scopa nuova spazza bene soltanto tre giorni.

A carna fa carna, 'o vino fa sango e 'a fatica fa jettà 'o sango.
La carne dà carne, il vino dà sangue e il lavoro fa morire.

Ogne bella scarpa addeventa scarpone
Ogni bella scarpa diventa scarpone

E denare so' 'a voce 'e ll'ommo
I soldi sono la voce dell'uomo

A ppava' e a mmuri', quanno cchiù tarde è pussìbbele
Pagare e morire, quando più tardi è possibile

Chi troppo magna, s'affoca
Chi mangia troppo, soffoca

Chi vo' mettere 'o pede 'ncopp 'a ttutt' 'e pprete, nun arriva maje
Chi vuol mettere il piede su tutte le pietre, non arriva mai

Quann' 'o mellone jesce russo, ognuno ne vo' 'na fella
Quando il cocomero è rosso, ognuno vuole una fetta

Tutto po' essere, fore ca ll'ommo priéno
Tutto è possibile tranne che l'uomo incinto

Chi te vo' bene cchiù de mamma, te 'nganna
Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna

'A morte nun tene crianza
La morte non ha educazione

Quanno se magna, se cuntratta cu 'a morte
Quando si mangia si ha a che fare con la morte

A meglia parola è chella ca nun se dice
La miglior parola è quella che non si dice

Magna a ggusto tujo e vieste a ggusto 'e ll'ate
Mangia secondo il tuo gusto e vesti secondo il gusto degli altri

Jette pe se fa' a croce e se cecaje n'uocchio
Voleva farsi il segno della croce e si cecò un occhio

O purpo se coce int' a l’acqua soja
Il polpo cuoce nella propria acqua

E uno!...dicett' chille ca cecaje ll'uocchie 'a mugliera
E uno! disse colui che accecò la moglie

S'adda fa 'o pireto pe quanto è gruosso 'o culo
si deve fare il peto per quanto è grande il deretano

E voglia 'e mettere rum, chi nasce strunz' nun po' addiventà babbà
chi nasce tondo non può morire quadrato

Primm' e cunfett' e poi e difett'
prima le nozze e poi i difetti

Int' e carcere e int' 'e malatie cunosc' l'amicizia mia
nelle grosse tragedie si riconosce la vera amicizia

A vacca, pe’ nun mòvere a coda, se facette magna’ ‘e ppacche d’’e mosche
La vacca per non muovere la coda si fece mangiare il sedere dalle mosche

Vai p'aiut e truov sgarrup
Cerchi un aiuto e trovi un peggioramento della situazione

Tiene cchiù' corna tu che 'na sporte 'e ma ruzze
Hai più corna tu che una borsa di lumache.

A bella figliòla nun manca 'nnammurato.
Le belle donne hanno sempre un innamorato.

I reritte moreno pe' mmane d' 'e fessi.
Talvolta gli uomini intelligenti e coraggiosi sono sopraffatti dagli stupidi.

Irse a piglià 'o palio.
Dove vai cosi' allegro? Credi di andare a prendere un premio?

Irse a spilà' 'e recchie a san Pascale.
Andarsi a sturare le orecchie.

Irsene a calascione.
Andarsene stupidamente.

I' ve servo a barda e a sella.
Vi servirà per bene...

Je nun so' fesso: si faccio 'o fesso, è pe' nun essere fatto fesso.
Non son mica scemo, e se lo sembro è per non esser gabbato.

Mazza e panella fanno 'e figlie bell; panella senza mazza fanno 'e figlie pazze.
(Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi..

Mannaggia 'o suricillo e pezza 'nfosa!
Maledizione rivolta.. a nessuno!

Mantennimmoce pulite, ieva dicenna puorco cu 'a capa dint' 'o truogolo.
Riferito a chi predica bene e razzola male.

Maria cuntrariosa, quanno chiove arracqua 'e papere.
Riferito a chi fa sempre le cose contro natura.

Magna a ggusto tujo e vieste a ggusto 'e ll'ate
Mangia secondo il tuo gusto e vesti secondo il gusto degli altri

Meglio 'o pazzo à casa soja, ca lo savio i casa d'autro.
Meglio un pazzo in casa propria che un saggio in casa d'altri.

Meglio pane e cepolle 'a casa soja, ca galline e cunfiette 'a casa 'e ll'ate.
Meglio essere padrone povero piuttosto che servitore ricco.

Meglio 'nu ciuccio vivo, ca 'nu scinziato muorto!
Meglio un asino vivo, che uno scienziato morto

Me canta, comm' 'o gallo, 'a passione.
E' un profeta di sciagure.

Nun se fa niente pe' ssenza niente.
Non si fa niente gratis.

Nu buonu marito fa 'na bona mugliera.
Un buon marito rende buona la moglie.

Nun sputà 'n cielo, ca 'n faccia te torna.
Non sputare in cielo, che ti ricadrà in faccia.

'Ncasa d' 'e sunature viene a fa' 'a serenata?
A casa dei suonatori vieni a fare la serenata?

A chiàgnere 'nu muorto so' làcreme pèrze.
Chi è morto è morto e le lagrime sono ormai inutili.

Stipa ca truova.
Conserva che troverai.

Tre songo 'e potenti: 'o papa, 'o re e chi nun tene niente.
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non ha nulla.

Tutto 'o lassato è perduto.
Tutto ciò che è lasciato è perso.

Tutto po' essere, fore ca ll'ommo priéno.
Tutto è possibile tranne che l'uomo incinto.

Troppi galli a cantà nun schiara mai juorno.
Troppi persone a comandare non si mettono mai d'accordo.

A buono 'ntennitòrepoche parole.
Chi vuole comprendere intende .

A casa d''o jucatore nun c'è àutro che dolore.
Perché in genere il vizio del gioco prima o poi porta alla miseria.

A chi nun tene figlie nun ghì né pe' denare né pe' cunziglie.
Perché chi non ha figli non è in grado di conoscere o capire i problemi altrui.

Biato chi tene a cacarella senza freve.
La diarrea senza febbre è un bene, non un male.

Bisogna fa lo pireto pe' quanno è gruosso 'o culo.
Bisogna spendere quel che ci si puo permettere.

Bizzoche e spingule 'ncanna: marito quanno, marito quanno?
Hanno voglia di far credere che pensano soltanto all'anirna e a Dio!

A bona mercanzia trova prièsto a ghjì pe' 'n'àutra via.
Tutte le cose belle e buone trovano sempre chi le desidera e le prende.

A casa d’ ‘o ‘inpiso nun parlà ‘e corda.
Chi ha sofferto non ha bisogno di chi glielo rammenti.

A casa cape quanto vò’ ‘o diavolo s’ ‘a porta.
La casa che ha due ingressi si presta a troppi... marchingegni!

A casa se chiamma fata e a te te fete.
La casa è un porto e tu vai navigando...

A cucina piccerella fà 'a casa granne.
Basta risparmiare sulla spesa per mettere su una casa accogliente

Dicette 'o gallo: meglio l'uovo oggi che 'a gallina dimane.
Disse il gallo meglio l'uovo oggi che la gallina domani

Mazza e panella fanno ‘e figlie bell; panella senza mazza fanno ‘e figlie pazze
Bastone e pagnotta rendono i figli belli; pagnotta senza bastone rende i figli pazzi

A robba bella se fa avvede’
Le belle cose devono essere mostrate

Quanno si’ ‘a ‘ncunia, statte; quanno si’ martiello, vatte
Quando sei incudine, statti; quando sei martello, batti

Nu buonu marito fa ‘na bona mugliera
Un buon marito rende buona la moglie

A casa se chiamma fata e a te te fete.
La casa è un porto e tu vai navigando...

A ogne casa nce ave 'a sta 'na croce.
I guai non mancano mai, in una casa.

Aùrie 'e chiazza e trivolo'e casa.
Certe persone sono allegre fuori di casa e odiose con i familiari.

A vera ricchezza d' 'a casa songo 'e figlie.
I figli rendono ricca la casa più povera.

Buono si, ma fesso no.
Sono buono ma non stupido.

Buonu tiempo e malu tiempo nun durano tutto 'u tiempo.
Tutto finisce, le cose buone come le cattive.

Ccà nisciuno è fesso
Qui nessuno è stupido

Cane ca s'è scuttato d'acqua caura, ave paura pure 'e l'acqua fredda.
Chi è rimasto scottato una volta, sta bene in guardia.

Cane no 'nvitato a nozze, nun ce vada, ca coglie sotto.
Se non sei nvitato, non presentarti. Non sei desiderato.

Carne cruda e pesce cuotto.
È consigliabile mangiare la carne al sangue e il pesce ben cotto.

Campa, cavallo, ca l'evera cresce.
Campa cavallo che l'erba cresce

Chi ato nun ave, cu 'a mugliera se còcca
Chi non ha altro, va a letto con la moglie

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato

Chi troppo magna, s'affoca
Chi mangia troppo, soffoca

Chiamma mamma e pate a chi te da' a 'mmangia'
Chiama mamma e papà chi ti nutre

Chi cagna 'a via vecchia p' 'a nova sape chello ca lassa e no chello ca trova.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sa ciò che lascia ma non ciò che incontra.

Chi poco tene, caro tene.
Chi ha poco, se lo tiene caro.

Vino viecchio e canteniere giuvane.
Il vino deve esser vecchio, il cantiniere deve esser giovane.

Vivere annascuso d''o Pataterno.
Vivere nascosto dal padreterno -

Vizio ' e natura ' nfino a morte dura.
E' difficile cambiare quando si è schiavi di un vizio.

Voca fora ca è maretto.
Allontaniamoci che qui c'è aria di baruffa.

Vocca chiusa e uocchio apierto nun facette maje nesciuno desierto.
Parlar chiaro ed osservare molto, ecco una saggia massima.

Voce 'e Dio risponne a tiempo.
La voce del Signore risponde in tempo: le grazie del Signore non si fanno attendere.

Voce 'e popolo voce 'e Dio.
Quando una cosa è in bocca a tutti, bisogna credere che sia vera.

Chi sparte, ave 'a peggia parte
Chi divide riceve la parte peggiore

Chi te vo' bene cchiù de mamma, te 'nganna
Chi ti vuole bene più della mamma, ti inganna

Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna
Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia

Chi vo' mettere pede a ogni preta, nun arriva a la casa.
Con La pignoleria non si conclude nulla.

Chi ha fatto chicchnichì, mm po' fa chicchiricò.
Non si può cambiare idea da un momento all'altro.

Datte da fa': 'a jurnata è 'nu muòrzo!
Datti da fare, la giornata è un boccone

Da nu malo pavatore piglia chello ca può.
Da un cattivo pagatore, prendi quello che puoi.

Dicette Pulicenella: Pé mancanza 'e denare, quanta scampagnate ca m'aggio perzo!"
Disse Pulcinella: per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!

È meglio a tene' 'a mala spina ca nu malo vicino.
È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.

E' malatie veneno a cavallo e se ne vanno a père.
E' la guarigione che è lenta!

E' male tiempo 'e mare e 'o cefalo va caro.
E' il momento di tirare le cinghia.

E' miso 'e curtielle 'nnanz' 'o puorco.
Riferito a chi non sa apprezzare quel che gli si offre.

E pariente d' 'a coppola traseno e 'ntruppechèano.
Che possano cadere per le scale i parenti malevoli.

E' voglia e l'abbuffà 'e rum... nu strunz nun addeventa maje babbà!
Purtroppo chi è stupido, lo è per sempre e non cambierà mai.

Chi bella vo' parè, pene e gguaje hadda pate'
Chi vuole apparire bella, deve sopportare pene e guai

Chi ha pietà d' 'a carne 'e ll'ate, 'a soja s' 'a magnano 'e cane.
Bisogna pensare al prossimo, ma anche a se stessi.

Chillo comme se galleja.
Quello fa il galletto!

Chillo è nu ciuccio cu 'a vasta 'ncuollo.
Quello è un gran lavoratore.

Chillo tene 'a saraca 'int' 'a sacca.
Quello nasconde qualcosa, non tue la dice tutta.

Iammo 'a ffa 'mbressa.
Facciamo presto, sbrighiamoci!

Iammo 'a franco cu' 'a chiesia.
Non ci costa niente.

Iammo 'a franco.
Parliamoci francamente.

Iammo bello, ch' 'abbiate 'nce simmo.
Coraggio, che siamo partiti, abbiamo cominciato.

Iammo cuoncio dicette 'a vitella a 'o voje.
Piano piano, con calma.

Iammuncenne, siente a me, dicette 'a patella a 'u scuoglio.
Si dice ironicamente di due persone l' una più pigra dell'altra.

A lo pover’ommo e a la mala femmena dalle lo sujo e lassali ghì.
Meglio perderli, che guadagnarli.

Sciò sciò ciucciuvè!
Vade retro, jettatore!

Sempe che so’ lupe, malanno aggia lo meglio.
Anche il miglìor malfattore è un ma/fattore.

Se sciogliono ‘e cane e s’attaccano ‘e pprete.
È sbagliato lasciare libere le persone pericolose e legare quelle bene.

Se se... Sfatte a cavallo d’ ‘o casecavallo!
Sbagli, se pensi di averla avuta vinta!

Chello ca nun voglio, all’uorto me nasce.
Succede sempre quello che non si vorrebbe.

Vuoje spellate maje tirano cane.
Se non tratti bene gli animali, non ti renderanno mai.

Chello ca pe’ te nun vuoje, pe’ ll’autre nun sia.
Non lo auguro né a te, né a nessuno

Chillo ca nun vò sentì, fa’ vedé ca nun sente.
Chi dice di non sentire, è il peggior sordo.

'A cunfidenza è 'a mamma d''a mala criànza.
La troppa confidenza porta, alle volte, alla scostumanza.

Addò mangiano duie, ponno mangià pure tre.
Dove mangiano due persone, possono mangiare anche tre.

Addò cieche e addò fuoche
vedi solo quello che vuoi vedere.

Addò 'nce stanno fèmmene, 'nce stanno appìecceche e chiacchiere.
Perchè tale è la loro peculiarità.

Addò vàje truòve guàje.
Purtroppo il mondo è afflitto da mille e mille guai ed ognuno di noi ha i suoi.

A famma fa ascì 'o lupo da 'u bosco.
Il bisogno può indurre gli uomini anche a compiere cattive azioni.

A femmena bella s'appretende, a brutta se marita.
La donna bella si fa pretendere, mentre la bella si sposa.

Irsene cu' 'na mana 'nnanze e 'n'ata arreto.
Andarsene senza guadagnarci niente.

I serviture nun songo autre che ventre.
I servi pensano soltanto a mangiare.

I' so' chillo ca votta 'o carro p' 'a scesa.
Io son quello che manda avanti la baracca.

I strunze saglieno sempe 'a galle.
I cattivi riescono sempre a farsi notare.

I' te conosco piro.
Ti conosco bene, ti conosco da quando eri bambino.

A casa d' 'o ferraro 'o spito 'e lignamme.
A casa del fabbro lo spiedo di legno!

A' altare sgarrupàto nun s'appicciano cannèle.
Alle donne ormai anziane non si fanno moine.

A bona mercanzia trova prièsto a ghjì pe' 'n'àutria via.
Tutte le cose belle e buone trovano sempre chi le desidera e le prende.

A chi pazzèa cu' 'o ciuccio nun le mancano càuce.
Chi bazzica in un brutto ambiente deve sopportare le conseguenze.

A chi troppo s'acàla 'o culo se vede.
Chi si umilia in maniera eccessiva fa vedere mancanza di carattere .

A cicala canta, canta e po' schiàtta.
I tipi superficiali se la spassano continuamente e poi fanno una brutta fine.

A collera è fatta a cuòppo e chi s''a piglia se schiatta 'ncuòrpo.
Irritarsi finisce a tutto danno di colui che si arrabbia.

A lo ffriere siénte l'addore! A li cunte siénte lo chianto!
Al momento di friggere senti l'odore! Al momento di pagare senti i pianti!

A mugliera 'e ll'ate è sempe cchiu' bella
La moglie degli altri è sempre più bella

A gatta pe' gghji' 'e pressa, facette 'e figlie cecate
La gatta per fare presto fece i figli ciechi

O cane fa 'e canielle e 'o lupo fa 'e lupilli.
Il cane fa cagnolini e il lupo fa lupetti.

O cane mozzeca sempe 'o stracciato.
Le disgrazie colpiscono sempre chi è già disgraziato

O ciuccio è ferito ma nun è muorto.
Hai vinto la battaglia ma non la guerra.

O ciuccio chiammaje recchia longa 'o cavallo.
L'asino chiamò "orecchie lunghe" il cavallo

O cunfessore se po' dicere quacche buscìa, o miedeco no.
Al confessore si può dire qualche bugia, al medico no.

O geluso more curnuto.
Il geloso muore tradito.

O meglie cumpagno, t'appiccia a muntagna!
Anche il tuo miglior amico può tradirti alle spalle.

O peggio surdo è chillo ca nun vo' sèntere.
Il peggior sordo è quello che non vuole sentire.

L'arco 'a matina 'o tiempo s'arruina.
L'arcobaleno di mattina il tempo si rovina

L'arco 'a sera 'o tiempo è sincero.
L'arcobaleno di sera buon tempo si spera.

L'acqua è poca e 'a papera nun galleggia
L'acqua è poca e la papera non galleggia

L'albero s'adderezza quanno è piccerillo.
L'albero si raddrizza quando è piccolo.

L'arraglia d' 'o ciuccio nun arriva n'cielo.
Il raglio dell'asino non può arrivare in cielo.

L'aseno pota e Dio fa' l'uva.
Tutto va bene, col volere di Dio.

L'ommo cu 'a parola e 'o voju cu 'e corna.
Bisogna mantenere quanto promesso.

Là truove a mamma e tata.
E' a casa tua che trovi chi ami e chi ti ama.

Mentre 'o miedeco sturéa, 'o malato se ne more.
Mentre il medico studia, il malato muore.

Quanno si' 'a 'ncunia, statte; quanno si' martiello, vatte.
Quando sei incudine, statti; quando sei martello, batti.

Quann' 'o peducchio saglie 'ngloria, perde 'a scienza e 'a memoria.
Quando il pidocchio sale in gloria, perde la ragione e la memoria.

Quann' 'o mellone jesce russo, ognuno ne vo' 'na fella.
Quando il cocomero è rosso, ognuno vuole una fetta.

Quanno vott 'o vient 'e terra 'o pesc nun zomp int 'a tiella.
Quando c'è il vento maestrale, il pesce non entra nella padella.

Quanno se magna, se cuntratta cu 'a morte.
Quando si mangia si ha a che fare con la morte.

Ra coppo 'o cuotto l'acqua vulluta.
I guai non vengono mai soli.

Ringrazià nu puorco pe' na cogliandra.
Ringraziare chi ti ha regalato una cosa perfettamente inutile.

Va' cchiù 'nu buono nomme ca 'na massaria.
Una buona nominata è una ricchezza.

Va' chiano, ca nisciuno te secuta!
Non correre, che nessuno ti insegue

Va' chiano, ca vaco 'e pressa - dicette Munzignore a 'o cucchiere.
Chi va piano va sano e va lontano.

Va' chiano, mierulo, ca 'a via è petrosa.
La prudenza ed il sapere vivere non sono mai sufficienti.

Vaco facenno 'na messa pezzuta.
Vado in giro a chiedere soldi o favori.

Vaco p'aiuto e trovo sgarrupo.
Cerco aiuto e trovo invece difficoltà.

Vaco pe' ... culo e trovo 'nu cazzo.
Vado per trovare una cosa ... e invece chi mi trovo?

A ppava' e a mmuri', quanno cchiù tarde è pussìbbele
Pagare e morire, quando più tardi è possibile

A morte nun tene crianza.
La morte non ha educazione.

Ammore verace è quanno s'appicceca e se fa' pace
Il vero amore è quando si litiga e si fa la pace

A meglia parola è chella ca nun se dice
La miglior parola è quella che non si dice

Astipat'o mil' pe' quann' t'ven a sete
Conserva la mela per quando avrai sete

A casa d' 'o 'inpiso nun parlà 'e corda.
Chi ha sofferto non ha bisogno di chi glielo rammenti.

A casa cape quanto vò' 'o diavolo s' 'a porta.
La casa che ha due ingressi si presta a troppi... marchingegni!

A femmena pe' ll'ommo addeventa pazza, l'ommo p' 'a femmena addeventa fesso.
Ci sono uomini che per una donna si rimbecilliscono.

A la femmena s'accommène lo tenere la casa coieta.
Spetta alla donna mantenere l'armonia in casa.

A lavà a capa 'o ciuccio se perde l'aqua e 'o sapone.
Per far capire una cosa ad un testardo si perde tempo e denaro. (grazie a Luigi Schettino)

A lo pover'ommo e a la mala femmena dalle lo sujo e lassali ghì.
Meglio perderli, che guadagnarli.

A mala nuttata e 'a figlia femmena.
Va tutto storto.

A mamma d' 'e strunze è sempre prena.
La mamma degli imbecilli è sempre incinta.

Attacca 'sta gregna.
Trova il bandolo della matassa.

Attacca 'o ciuccio 'a 'ddò vole 'o padrone.
Fai quello che il capo ti chiede.

Bannera vecchia, annore 'e capitanio.
Bandiera vecchia onor di capitano.

Bella tavernara, cunto caro.
Se la locandiera è bella,il conto sarà salato.

Bello juoco dura poco.
Ogni bel gioco dura poco.

Besogna ajutarse a ccauce e a mmuorze.
Nella vita bisogna aiutarsi a calci ed a morsi

Bona maretata né socra né carnata.
Per essere ben maritata non bisogna avère né suocera né cognata.

Brutta, brù, chi pittore te pittaje?
Ritornello con cui si schernisce una donna brutta ma spiritosa.

Brutto 'e faccia e bello 'e core.
Brutto di faccia ma bello dentro, buono.

Vennere 'a gatta 'int' 'o sacco.
Vendere una cosa senza che il compratore possa controllarne lo stato.

Ventre chino canta e nun cammisa janca.
Le spese per il sostentamento sono più necessarie di quelle per l'eleganza.

Viaggia' comm' 'a 'nu bauglio.
Viaggiare senza divertirsi, senza interessarsi, senza prender parte a nulla, come un peso morto.

Viata chella casa addo' 'nce trase 'na chiereca rasa
Beata quella casa dove entra un sacerdote

Viato chi se 'nzora e piglia sogra.
Beato chi si sposa ed acquista una suocera.

Vi' che cape 'e casecavalle... té, té.
Guarda un po' che cretino! che ha combinato.

Vi' che cape 'e cazzo m'aggia suppurta'!
Vedi che individuo inutile mi devo sorbire.

O peggio trave d' 'a casa è chillo ca schiocca.
Il familiare più insopportabile è quello che non è mai contento di niente e che ha sempre da ridire.

O puorco miettence 'a sciassa, sempe 'a coda 'nce pare.
Anche se vesti il maiale, la coda si vedrà sempre.

O purpo se coce 'int all'acqua soja.
Ogni cosa va fatta secondo le regole giuste!

O sparagno nun è maje guadagno.
Il risparmio non è mai guadagno.

O vizio d' 'o lupo tanto dura, che pilo po' mutare e no natura.
Il Lupo perde il pelo, ma non il vizio.

Ogne bella scarpa addeventa scarpone.
Ogni bella scarpa diventa scarpone.

Vi' che culo a mandulino ...
Come è bello l'ovale ... rotondo del sedere di una fanciulla.

Chi chieja ‘o sarvietto a tavula, è segno che llà nun ‘nce vo magnà cchiù.
Non piegare il tovagliolo a tavola quando si è ospite per non risultare maleducato.

Chi cammina pe’ ll’ombra, sempe offenne ‘a luce.
Chi trama nell‘ombra, odia la luce.

Chi co lo zuoppo prateca, ‘ncapo ll’arino zoppeca.
Chi va con lo zoppo...

Chi ciajeta, lecca...
Chi chiede insistentemente, spesso ottiene qualcosa.

Chi cchiù pensa ‘e sapere è cchiù ‘gnunante.
Chi ritiene di sapere, spesso non sa.

Chi corre ‘e pressa, more ‘nnoce.
Lo stress uccide!

Chi crede ‘e guadagnà, perde ‘a mmità.
Chi ipoteca il guadagno, se ne ritrova la metà.

Chi cuffèja, resta cuffiato.
Chi prede in giro, verrà preso in giro.

Chi cunfessa e ‘mpiso, e chi fà ammore và ‘mparaviso.
Meglio fare l’amore, che il malvivente!

Chi graffio fere, de cortellaccio more.
Chi di spada ferisce, di spada perisce!

Chi de speranze campa, disperato more.
Chi di speranza campa disperato muore.

Chi te dice che te vo cchiù bene de mamma e tata, te ‘nganna.
Nessuno può volerti più bene dei tuoi genitori.

Dicette chillo: chi pecora se fa Io lupo s' 'o magna.
Chi si fa pecora il lupo se Io mangia

Buono è l'amico, caro è 'o parente, ma povera 'a sacca toia si nun c'è stace niente.
Va bene a voler bene ad amici e parenti, ma attento a non spendere troppo per loro. .

Cane c'abbaia, nun inozzeca.
Spesso chi urla non fa paura.

Ce truamme a ballà... e ballamme.
Ormai siamo in questa situazione e affrontiamola.

Chesto e peggio a chi accada 'a gatta dint' 'o sacco.
L'incauto acquisto seta merita chi lo fa.

Chi more'e maruzze e funge,porca chella mamma ca s"o chiagne.
Chi non merita compassione.

Chi nasce prencepe, nun adda fà cose 'e serviilo.
Chi nasce signore deve vivere da signore.

Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.
Se non si vuoi migliorare, si resta come si è.

Chi nun tene denare è nu saputo e n'aseno.
Chi non ha soldi non è nessuno.

Chi pecora se fa, 'o lupo s' 'o magna.
Chi si dimostra umile pecora, viene mangiato dal vorace lupo.

Chisto è nu munno ammunnato.
Ma tu vedi che razza di mondo.

Comme è 'a musica, accussì abballamo
Com'è la situazione così ci comportiamo

Cu' 'a faccia tosta se campa 'a casa.
Bisogna avere la faccia tosta per tirare avanti la famiglia.

Cu 'o judizio se campa 'a casa.
Ci vuol giudizio per buscarsi il pane.

Cu vicino se cucina.
Meglio avere rapporti di buon vicinato.

Dicette 'o mbriac, si over co o mun aggir a casarella mia semp pa acca adda passa!
Disse l'ubriaco se è vero che il mondo gira la mia casa qui deve passare!

Dicette 'o pappice 'nfaccia a noce: damme 'o tiempo ca te spertoso.
Disse il tarlo alla noce: dammi il tempo per bucarti.

D' 'a mattina se canosce 'o buono journo.
Il buongiorno si vede dal mattino.

È comme 'a maruzza: tutto chello ca tene s' 'o pporta 'ncuollo.
È un vagabondo, che non avendo fissa dimora si porta tutto appresso.

È meglio pane e cepolla 'a casa toja cagalline e fasano 'ncasa d'autre.
Meglio pane e cipolle a casa tua, che gallina e fagiano in casa d'altri.

E ciucce s'appiccecano e 'e varrile se scassano.
Le liti a volte danneggiano chi non c'entra per niente.

E cane longhe addeventano sierpe.
E' meglio portare subito a termine una cosa.

E denare so' 'a voce 'e ll'ommo
I soldi sono la voce dell'uomo

Facimmo anpressa, ca ‘o gallo canta matina.
Non perdiamo tempo, diamoci da fare.

Cane ca s’è scuttato d’acqua caura, ave paura pure ‘e l’acqua fredda.
Chi è rimasto scottato una volta, sta bene in guardia.

Cane no ‘nvitato a nozze, nun ce vada, ca coglie sotto.
Se non sei nvitato, non presentarti. Non sei desiderato.

Carne cruda e pesce cuotto.
È consigliabile mangiare la carne al sangue e il pesce ben cotto.

‘E ciucce s’appiccecano e ‘e varrile se scassano.
Le liti a volte danneggiano chi non c’entra per niente.

E cane longhe addeventano sierpe.
E’ meglio portare subito a termine una cosa.

E’ malatie veneno a cavallo e se ne vanno a père.
E’ la guarigione che è lenta!

E’ male tiempo ‘e mare e ‘o cefalo va caro.
E’ il momento di fare economia, di tirare le cinghia.

Hé miso ‘e curtielle ‘nnanz’ ‘o puorco.
Riferito a chi non sa apprezzare quel che gli si offre.

L’ommo cu ‘a parola e ‘o voju cu ‘e corna.
Bisogna mantenere quanto promesso.

O purpo se coce ‘int all’acqua soja.
Ogni cosa va fatta secondo le regole giuste!

O vizio d’ ‘o lupo tanto dura, che pilo po’ mutare e no natura.
Il Lupo perde il pelo, ma non il vizio.

I' cammino cu' 'a carrozza d' 'o scarpariello.
Io vado a piedi.

I' co' lo mio' tu co' lo tuoio; amico co' tutti, tristo co' nesciuno.
Ognuno viva con quello che possiede, sia amico di tutti, nemico di nessuno.

I' dico ca chiove, ma nun già che delluvia...
Va bene, siamo in un bel pasticcio, ma non c'è addirittura da disperarsi.

Iere facive 'o guappo a mare e mo fai 'o strunzo 'int' 'a spasella.
Ieri ti davi tante arie e ora sei Ii' immobile...

Ieva facenne 'o fesso.
Faceva il buffone.

Ie cu ‘o chiummo e cu ‘o cumpasso.
Agire in ogni occasione con estrema attenzione.

'I fesse fanno 'a festa e 'i dritte se spassano.
Gli stupidi pagano e gli intelligenti se la spassano a spese loro.

I' magne 'e mele acèvere e a te s'alliano è diente.
Io mi sacrifico e tu ti senti male?

Chi nun tene libbertà, non fà ridere.
Poveraccio chi ha perso la libertà!

Chi nun tocca, nun prova.
Bisogna sbatterci il naso per crederci.

Chiò chiò paparacchiò, cevezo mio.
Riferito ai creduloni.

Chi nun vò perdere, ca nun ghioca.
Bisogna saper perdere.

Chi nun ave niente, nun ave che perdere.
Chi ha niente, niente perde.

Chi ‘o conta ‘nce mette ‘a jonta.
Un fatto raccontato si arricchisce sempre della fantasia di chi lo racconta.

Chi ogge chiagne, dimane ride.
Il mondo gira.

Chiove ‘int’ ‘a terra soja
Gli va tutto bene.

Chi se schifa, vene schifato.
Chi ha schifo degli altri, prima o poi verrà schifato.

Chi magna a Natale e pava a Pasca, fa nu buono Natale e mala Pasca.
I debiti risolvono le cose solo temporaneamente

Nun chiammà triste,ca peggio te vène.
Non lamentarti del male, chè ti verrà peggio.

Miètte speranza a rrecchie:campe assaje!.
Spera in ciò che odi:vivrai a lungo.

L'ausa' e 'o strausa' so' dduje malanne.
Timidezza e ardimento sono due mali.

Ddio ne libera 'e pezziènte sagliute.
Dio ci liberi dai poveri arricchiti.

Chi tène sante, va 'Mparaviso.
Chi ha santi, va in Paradiso.

Rotta cu rrotta, miètte 'a pezza.
Rotta con rotta, metti la toppa.

A gatta,quanno sent'àddore d''o pesce,maccarune nun ne vò cchiù.
La gatta,quando sente l'odore del pesce,non vuole più i maccheroni.

Femmena curtulella, diavulo, pigliatèlla
Donna bassina, divolo, prendila.

A femmena è 'nu vrasiere ca s'aùsa sul''a sera.
La donna è un braciere che si adopera soltanto di sera.

Dulore 'e mola, dulore 'e core.
Mal di denti, mal di cuore.

Se dice 'o peccato, ma no 'o peccatore.
Si dice il peccato, non il peccatore.

A collera è petrosa: va 'ncuòrpo e fa 'e ppertose.
La collera è sassosa, entra in corpo e perfora.

A' casa d''o puveriello nun manca maje 'a tuzzella.
In casa del povero non manca mai il tozzo di pane.

A raggiona è d''e fesse.
La ragione è degli stupidi.

A vita è 'n'affacciata 'e fenesta.
La vita è un affacciarsi alla finestra.

Tutto arriva a chi sape aspettà.
Tutto arriva a chi sa aspettare.

O palazzo è àveto e 'a signora è sorda.
Il palazzo è alto e la signora è sorda.

Sul'à morte nu''nc'è rimedio.
Soltanto alla morte non c'è rimedio.

Suonno porta suonno.
Sonno porta sonno.

'Na bona matenata fa 'na bona jurnata.
Una buona mattina fa una buona giornata.

Fattella cu chi è megli''e te e fanc''e spese.
Pratica chi è migliore di te e sostiene le spese.

Chi troppo s'acala, 'o culo mmòsta.
Chi troppo s'inchina, mostra il sedere.

Chi vo' mettere 'o pede 'ncopp'a ttutt''e pprète, nun arriva maje.
Chi vuol poggiare il piede su tutte le pietre, non arriva mai a destinazione.

Chi tène male cerevelle, hadda tènere bone gamme.
Chi ha cattivo cervello, deve avere buone gambe.

A' casa d''e sunature nun se portano serenate.
A casa dei sonatori non si portano serenate.

'O pesce gruosso se magna 'o piccerillo.
Il pesce grosso mangia quello piccolo.

O cane mòzzeca ò stracciato.
Il cane morde lo straccione.

Cane e cane nun se mòzzecano.
Fra cani non ci si morde.

Chiuovo nuovo caccia 'o viecchio.
Chiodo nuovo scaccia il vecchio.

Dio t’arrassa da una femmena ca parla latino.
Dio ci liberi dalle donne troppo colte!

Duorme zetella, ca ‘a sciorta veglia.
Aspetta e spera.

E chiacchiere so’ femmene e ‘e fatte mascule.
Le cose serie, le portano a fine gli uomini.

E denare d’ ‘a bella se ne vanno ‘nchianchetto.
Le donne dilapidano fortune in cosmetici.

E femmene ne sanno una cchiù d’ ‘o diavolo.
La donna ne sa una più del diavolo.

E femmene nun sanno tene’ tre cicere ‘nmocca.
I segreti non sono per le donne.

E femmene sò comm’ ‘e mellune: ogni ciento, una.
Le donne sono come le angurie: solo una su cento è buona.

E femmene songo sacche.
Le donne chiedono sempre soldi.

E monache ‘e casa: ‘o diavolo jesce e trase.
Diffidate delle donne che hanno deciso di condurre vita pia!

E pparole d’ ‘e femmene se teneno pe’ serenata.
Le parole delle donne vanno tenute in poco conto.

Ogne riccio, nu capriccio.
Riferito alle donne ricciolute.

O negra della femmena ca troppo se ‘mprena d’ ‘e parole ‘e ll’uommene.
Disgraziata quella donna che crede negli uomini.

Pare ‘o tavulino d’ ‘a bizzoca: na vota penne annanza e na vota arreto.
Non riesce a prendere una decisione.

P’‘e femmene annurata e cchiù pena ‘a vriogna ca ‘a mode.
Per una donna onesta la vergogna è peggiore della morte.

Puozze avè a sciorta d’ ‘a brutta.
Spesso le donne brutte sono le più fortunate nel trovare marito.

Quanno ‘a femmena è bona, pò sta’ ‘nmiezo a n’armata.
La donna onesta può stare anche fra un reggimento di soldati.

A casa mia e:"Jèsce fora".
La casa è mia e dovrei uscirne.

Chi rompe pava e chi scassa acconcia.
Chi rompe paga e chi danneggia ripara.

Chi va pe' cchistu mare, chisti pisce piglia.
Chi va per questo mare, questi pesci prende.

E cafune 'o Signore 'e lluvaje 'a crianza.
Alla gente di campagna il Signore tolse l'educazione.

Jastemma senza colpa, addo' jèsce, llà còcca.
Bestemmia ingiustificata si corica dov'è uscita.

Addò 'nc'è gusto nu' nc'è perdenza.
Dove c'è gusto non c'è perdita.

Chi vo' 'o mmal''e chesta casa, hadda crepà apprimma ca trase.
Chi vuole il male di questa casa, deve crepare prima d'entrarvi.

Acqua ca nun scorre fa pantano e fète.
Acqua che ristagna si appantana e diviene maleodorante.

Chi nasce tunno nun pò murì quatro.
Chi nasce rotondo non può morire quadrato.

Ll'acqua scarzeggia e 'a papera nun galleggia.
L'acqua scarseggia e l'oca non galleggia.

Pur''e mmure tènono 'e rrecchie.
Anche i muri hanno le orecchie.

Tutt''o llassato è perduto.
Tutto ciò che si lascia è perso.

Senza denare nun se cantano messe", disse zi' mòneco à badessa.
Senza denaro non si cantano messe", disse il monaco alla badessa.

A lo ffriere siénte l'addore! A li cunte siénte lo chianto!
Al momento di friggere senti l'odore! Al momento di pagare senti i pianti!

Sparte ricchezza e addeventa puvertà
Dividi la ricchezza e diventerà povertà

O' cunfessore se po' dicere quacche buscìa, o miedeco no
Al confessore si può dire qualche bugia, al medico no

Guajo 'ncomune, mez' allerezza
Mal comune, mezza gaudio

A vicchiaja è 'na brutta bestia
La vecchiaia è una brutta bestia

A canocchie a canocchie Pullecenèlla accedètte 'a muglièra.
A poco a poco, e quasi senza accorgercene, possiamo combinare grossi guai.

A casa cu' ddòje porte 'o diàvulo s' la porta!
Perché offre maggiori chances alle tresche amorose di ciascun coniuge.

À casa d' 'o jucatore nun c'è àutro che dulore.
Perché in genere il vizio del gioco prima o poi porta alla miseria.

Accìde cchiù la lengua ca 'a spata.
Sono più terribili le maldicenze che le armi

Accussi va o munno: chi nàta e chi va a fùnno.
In questo mondo c'è sempre chi emerge é chi va a fondo.

A cepolla manco 'e cane 1'addòrano.
Nessuno vuole interessarsi di cose tristi e lacrimevoli.

A cera se strùje e 'a prucessione nun cammina.
Quando si indugia troppo in una cosa o si perde del tempo inutilmente.

A cervèlla'e ll'ommo è'na sfoglia 'e cepolle.
La mente dell'uomo è delicata ma, nello stesso tempo, molto complicata e capace di qualsiasi cosa.

A chiàgnere'nu muorto so' làcreme pèrze.
Chi e morto è morto e le lagrime sono ormai inutili.

A chi le fète ancora 'a vocca le latte s'alleccàsse le piatte!
I giovani devono stare al proprio posto e non intromettersi nelle faccende dei grandi.

A chillu santo ca nun fa bene nun cercà né quanno va' né quanno vène.
E' perfettamente inutile rivolgersi a persone che non possono o non. vogliono aiutarti.

A gatta scippa pure quanno l'accarizze.
La gatta graffia anche quando la si accarezza.

A gatta,quanno nun pò arrivà ò llardo,dice ca fète.
La gatta,quando non può raggiungere il lardo, dice che puzza.

Chi chiagne fotte a chi ride.
Chi piange frega chi ride.

Armàmmoce e gghiate.
Armiamoci e andate.

Attacca 'o ciuccio addò vò 'o patrone.
Lega l'asino dove vuole il padrone.

A vicchiaja, 'e ccàuze rosse.
In vecchiaia, le calze rosse.

A pazzia va 'nfièto.
Lo scherzo comincia a puzzare.

Và scavà e vide ca truove.
Và a scavare e vedi che troverai.

Veder far,venir la voglia.
Veder fare, venir la voglia.

Nun vo' tirà e nun vo' scurtecà.
Non vuoi tirare,nè scorticare.

Nu' sputà 'ncielo,ca 'nfaccia te torna.
Non sputare in cielo,chè ti ricadrà sul volto.

'Nu poco è bella 'a pazzìa.
Lo scherzo è bello per un pò.

Cumpagno: tu fatiche e i' magno!.
Compagno: tu lavori e io mangio!.

T'aggia 'mparà e pò t'aggia perdere....
Devo insegnarti (il mestiere) e poi devo perderti....

A che gghiuòco jucammo?
A quale gioco giochiamo?

O sacco vacante allerto nun se mantène.
Il sacco vuoto non si regge all'impiedi.

'E cchiacchiere s''e pporta 'o viento; 'e maccarune jèncheno 'a panza.
Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia.

Chi serve ‘ncorte, a lo pagliaro more.
Chi serve un padrone, muore povero.

A ‘o munno quatto cose te fanno cunzulà: ‘a fenìmena, l’argiamma, lo suonno e lu magnà.
Al mondo quattro cose sono le più belle: la donna, il denaro, il sonno e il buon cibo.

A prena s’abbnitisce e ‘a zitella se scemunisce.
La donna incinta si imbruttisce e la zitella si inacidisce.

A quattro cose non credere maje: cielo chiaro ‘e vierno, nuvolo d’està, lacreme ‘e femmene e carità ‘e muonece.
Non devi credere mai a quattro cose: ad un cielo chiaro d’inverno alle nuvole estive, al pianto delle donne e alla carità dei monaci.

A ‘sta vunnella non ce so’ foje p’appennere.
E' una donna di cui non si può dir male.

Chella ca l’aia ‘tu vota, l’alza sempe.
Se una donna ha una certa indole ce l’avrà sempre

Bella tavernara, cunto caro.
Se la locandiera è bella, il conto sarà salato.

Chi a femmene vo’ bene, e nun è locco, se nne va ‘nfummo peggio d’ ‘o tabacco.
Per una donna si può perdere veramente la testa.

Chi a femmene crede, paraviso nun vede,
Poveraccio chi crede nelle donne.

Chi bella vo’ parè, pene e guaie adda patè’.
Per essere belle le donne si sottopongono anche a privazioni e sacrifici.

Chi bona razza vo’ fa’, cu ‘a femmena adda accummincià.
Per avviare bene la famiglia ci vuole per primo figlio una femmina.

Chi pe’ denare ‘a brutta se piglia, va pe’ mettere ‘o grano e arrecoglie paglia.
Chi sposa una donna brutta, se ne pente.

Chi se mette appaura, nun se cocca cu ‘e femmene belle.
Nella vita bisogna anche osare.

Chi se ‘mpaccia cu ‘e femmene, malanne semmena.
Guai a chi si mette con le donne.

Cu femmene, cu’ judece e cu sbirre, nun te fidà maje.
Non fidarti di donne, giudici e poliziotti.

De femmene oneste una ‘nce steva e addiventaje Madonna
Ce stata solo una donna onesta e diventò Madonna.

Quanno ‘a femmene vo’ filà, fila pure cu ‘o spruoccolo.
La donna che vuole qualcosa, la ottiene sempre.

Quant’è bella, quant’è bella; me pare ‘o culo d’ ‘a tiella.
Riferito a donna vanitosa.

Quant’è bona Maria: va sola p’ ‘a via.
Riferito a donna in gamba.

Morte e marito nun aspettà maje quanno veneno.
La morte e il marito vengono quando meno te li aspetti.

Muglierema ‘ncannaccata, marito ‘ncurniciato.
Certo, quei gioielli, dovranno pur venire da qualche parte.

Na muglìera brutta è peggio ‘e nu diebbito.
La moglie brutta è peggiore di un debito.

Nè a figlio, né a scularo, né a muglmera se ‘mposta bona cera.
Figli, scolari e mogli bisogna trattarli sempre con distacco.

Scarpa larga e mugliera brutta fanno bona riuscita.
Non danno problemi.

Né nozze senza canto, né muorto senza pianto, né vigilia senza santo.
Certe cose devono andare per forza in un modo.

Nun è pussibbele avere grieco e cappucce, la votta chiena e’ a mugliera ‘mbriaca.
Non si può avere tutto nella vita.

Nun ve ‘ntricate fra marito e mugliera.
Fra moglie e marito non mettere il dito.

‘O bbuono marito fa’ ‘a bbona mugliera.
Il marito deve fare un po’ da guida, in famiglia.

Chi troppo parla, è facile ca sgarra.
Chi parla troppo, prima o poi sbaglia.

Chi troppo se fida, resta ‘ngannato.
Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.

Chi troppo parla, niente cumbina.
Chi parla troppo, conclude poco.

Abbruscià ‘o paglione.
Scappare senza pagare.

Aità: sciusceme ‘mmocca e’ ‘a patane me coce.
Riferito a persone lente di riflessi.

A lana, quanno nun se vatte, s’ammatarazza.
A volte i figli vanno anche trattati con severità.

A lietto astritto, cucchete ‘nmiezo.
Adattati.

All’avvucato se dice la verità: s’adda vede’ isso po’ comme ‘mbruglià.
Ad ognuno il suo compito.

Ancora non è prena Marianna e già hanno spaso ‘e fasciature.
Quando si fanno i preparativi troppo anticipati.

A mal’evera subbeto cresce.
L’erba cattiva si diffonde in fretta.

A mana dritta nun sape chello che fa ‘a mana mancina.
Fai le cose con discrezione.

Ambasciatore nun pava pene.
Ambasciator non porta pene.

A meglia mericina: vino ‘e campagna e purpette ‘e cucina.
Mangiare e bere sono le cose migliori.

Fattella cu chi è meglio ‘e te e fance ‘e spese.
Frequenta gente per bene e rimettici le spese.

Fernuto mi guaio, n’accumencia n’ato.
I guai non finiscono mai.

Tu si’ nu guaio ‘e notte.
Sei un gran seccatore.

Tutta pe’ te se fa’ sta festa.
Come vedi, ci stiamo adoperando per te.

Fernesce tutto a tarallucce e vino.
Va a finire tutto a baldoria.

Figlio ‘e vuto, figlio perduto.
Se non si riesce ad avere figli, meglio rassegnarsi.

L’accio senz’acqua se secca.
Una cosa a cui tieni, va seguita.

L’acqua ‘nfraceta ‘e bastimiente a mare.
Gli ubriaconi così dicono.

Lassame fa’ ‘o speziale.
Fammi fare; ho da fare.

L’è ghiuto ‘o sanghe all’uocchie.
Non ha capito più niente.

Le manca sempre diciannove sorde p’appara’ na lira.
Non ce la fa mai.

Levammo ‘a frasca.
La seduta è sciolta.

Le vanno ‘e scarpe astrette.
Non si trova a suo agio.

Nu pazzo pe' casa e na croce pe' chiesa.
Ogni famiglia ha un membro un po' strambo, come ogni chiesa ha una croce.

'Nce capimmo a sische, diceva 'o mierulo 'a mugliera.
Ci si può capire anche a fischi...

Nisciuno è nato 'mparato.
Nessuno è nato istruito.

'N tiempo 'e tempesta ogni pertuso è puorto.
Nelle tempeste ogni buco è buono per ripararsi.

Nun è povero chi arrepezza, è povero chi nun tene 'a pezza.
Non è povero chi rammenda, ma chi non ha il materiale per rammendare.

O pesce fète d' 'a capa.
Il pesce puzza dalla testa.

O pazzo fa 'a festa e 'o savio s' 'a gode.
Il pazzo fa la festa e il saggio se la gode.

O pesce gruosso se magna 'o piccerillo.
Il pesce grande mangia il piccolo.

O patrone songh'io, ma chi cumanna è mia moglie.
Il capo famiglia sono io ma chi comanda è mia moglie!

O pazzo 'a casa torna.
La "scappatella" prima o poi si conclude con un ritorno a casa.

O peggio passo è chillo d' 'a porta.
Il momento più brutto è quello in cui ci si chiude la porta alle spalle.

A ogne casa nce ave ‘a sta ‘na croce.
I guai non mancano mai, in una casa.

Aùrie ‘e chiazza e trivolo’e casa.
Certe persone sono allegre fuori di casa e odiose con i familiari.

Allonga la via e va a la casa.
Prudenza, se ci tieni a tornare a casa.

A vera ricchezza d’ ‘a casa songo ‘e figlie.
I figli rendono ricca la casa più povera.

Chi vo’ mettere pede a ogni preta, nun arriva a la casa.
Con La pignoleria non si conclude nulla.

Cu’ ‘a faccia tosta se campa la casa.
Bisogna avere la faccia tosta per tirare avanti la famiglia.

‘E pariente d’ ‘a coppola traseno e ‘ntruppechèano.
Che possano cadere per le scale i parenti malevoli.

È meglio a tene’ ‘a mala spina ca nu malo vicino.
È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.

Fatte ‘o lietto, ca nun saje a chi aspietti, arricèttate ‘a casa, ca nun saje chi trase.
Meglio stare sempre in ordine, per qualunque evenienza.

Guarda e ‘nun ‘nciampà ‘nnanz’ ‘a porta d’ ‘a casa toja.
Non criticare gli altri, pensa a te! Tu non sei migliore degli altri!

Cu ‘o judizio se campa ‘a casa.
Ci vuol giudizio per buscarsi il pane.

Là truove a mamma e tata.
E’ a casa tua che trovi chi ami e chi ti ama.

Ncasa d’ ‘e sunature viene a fa’ ‘a serenata?
A casa dei suonatori vieni a fare la serenata?

Nu pazzo pe’ casa e na croce pe’ chiesa.
Ogni famiglia ha un membro un po’ strambo, come ogni chiesa ha una croce.

Va' 'o piglia 'Agnane!
Vai a quel paese ...

Varca storta viaggia deritto.
Non si pu'o mai dire nella vita: talvolta proprio quei giovani che sembravano promettere male o quei matrimoni che all'inizio sembravano mal riusciti si avvianno bene.

Va tanto 'na 'ntruppecata ca 'na caruta.
Un urtone pu'o e'ssere dannoso quanto una caduta.

Va te spile 'e rrecchie a san Pascale!
Se non ci senti bene vedi che devi fare! (si dice a persona che finge di non sentire).

Vattènne 'mbrellino 'e seta!
Vuoi far la raffinata proprio con me?! Vai, vai.

Vatté' nun me fa' schiatta' 'a vozzola.
Piantala, non farini arrabbiare, mi fai scoppiar dalla rabbia, dal grande urlare.

Vatte 'o fierro quann' 'è cauro!
Batti il ferro quando è caldo

Vedè 'a mala parata.
Vedersela brutta –

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_home_1.png twitter_home_1.png facebook_home_1.png SiteBook


Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Aberdeen Far East Festival
Coming Home Cannes 2014
The Five
Montage Florence Korea Film Fest
Our Sunhi Florence Korea Film Fest
Why don’t you play in hell? Venezia 2013
Secretly, Greatly Florence Korea Film Fest
Hide and Seek Film d'apertura del Florence Korea Film Fest
Hwayi: A Monster Boy
The Face Reader
The White Storm
R100 Toronto Film Festival
The Terror Live
No Man’s Land
Real Toronto Film Festival
Unbeatable
Blind Detective Courmayeur Noir in Festival
A Woman and War Anteprima Torino film festival
Snowpiercer Festival di Roma
Il tocco del peccato Festival di Roma
Young Detective Dee: Rise of the Sea Dragon Festival di Roma
Gli articolii più letti
Box Office
I Top Movie del Week-End dal 4 al 6 Luglio 2014
1 Le origini del male
2 Babysitting
3 Maleficent
4 Insieme per forza
5 Tutte contro lui
6 Big Wedding
7 Jersey Boys
8 Edge of Tomorrow - Senza domani
9 Goool!
10 X-Men - Giorni di un futuro passato
In Blu-Ray a Settembre 2014
The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro
Distretto 13 - Le Brigate della Morte
Need for Speed
Vehicle 19
Oculus - Il riflesso del male
La città verrà distrutta all'alba (1973)
Noi 4
Non buttiamoci giù
Godzilla (2014)
Gigolò per caso
A Single Shot
We Are What We Are
Lei
Coriolanus
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
Ti ricordi di me?
Evil Things - Cose cattive
Archivio per genere
Sondaggi