HOME arrow PROSSIMAMENTE: arrow A Castiglione del Lago il Cinema come ponte tra culture
Domenica 28 Novembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
A Castiglione del Lago il Cinema come ponte tra culture PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
venerdì 31 maggio 2019

A Castiglione del Lago il Cinema come ponte tra culture

SAVINA (CEI): "Non c'è altra strada se non quella dell'incontro. L'unico modo è quello di farsi prossimo alla diversità"

Stili di vita occidentali e tradizioni mediorientali sono oggi così inonciliabili? Da Europa e Stati Uniti a Iraq, Iran e Curdistan quanto si perde della propria identità e quanto si ritrova? E la vita in Occidente è davvero così lontana dai precetti di alcune religioni o possiamo trovare insieme una via di conciliazione?
Ne hanno parlato durante il primo degli appuntamenti in Piazza di Castiglione Cinema 2019 – RdC Incontra Don Giuliano Savina, Direttore Ufficio Nazionale CEI per l'Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso, Phaim Bhuiyan, Fariborz Kamkari regista e scrittore del romanzo che dà titolo all'incontro "Manuale di viaggio per giovani imam in occidente" con la giornalista Laura Sivlia Battaglia.

"Il cinema è uno strumento molto importante per parlare di dialogo interreligioso perché consente di evidenziare attraverso le immagini alcuni aspetti particolari di religioni e fedi" - ha spiegato Don Giuliano Savina, Direttore Ufficio Nazionale CEI per L'Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso..
"Sono convinto che non si possa parlare di dialogo interreligioso se non si studia, se non si legge e se non ci si ci informa. Questo perché il dialogo interreligioso richiede ascolto dell'altro e conoscenza dell'altro dalla prospettiva di come l'altro percepisce se stesso e crede e cerca una fede. La cinematografia potrebbe zoommare alcuni di questi aspetti per poter aiutare colui che vede ad aprirsi e soprattutto a non aver paura di aprirsi. Non c'è altra strada se non quella dell'incontro.
L'unico modo è quello di farsi prossimo alla diversità" - conclude Don Giuliano Savina.

Per Phaim Bhuiyan, regista di Bangla che ha ricevuto ieri la candidatura ai nastri d'argento come migliore regista esordiente "il ruolo del cinema è quello di fare cultura. Molte persone non conoscono i relativi mondi e il cinema è un mezzo per unire tutti e poter diffondere il diverso da noi. In generale c'è molta ignoranza e speriamo che il cinema possa essere sempre più un ponte tra culture".

Per Fariborz Kamkari, regista di Pizza e datteri film emblematico che rappresenta l'essenza di due culture diverse "il cinema è uno strumento molto efficace di comunicazione che mi aiuta a raccontare la realtà e permette agli altri di conoscere anche altre culture e la realtà vista da dentro. Spesso i media restituiscono un'immagine diversa dalla realtà.
Mi accorgo che c'è un grande controllo sulle notizie che arrivano da fuori. Vedo che tanta realtà non viene raccontata o distorta a favore dei grandi poteri. Il cinema mi dà la possibilità di raccontare quello che ho vissuto sula mia pelle".

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere