HOME arrow PROSSIMAMENTE: arrow Festival di Cannes 2013, i vincitori
Venerdì 21 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Festival di Cannes 2013, i vincitori PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedì 27 maggio 2013

Festival di Cannes 2013, i vincitori

Il Festival di Cannes 2013 arriva al capolinea con i vincitori di questa 66. edizione. E la Palma d’oro quest’anno si tinge di blu, grazie al titolo internazionale di La Vie d’Adèle, Blue is the warmest colour.
Un trionfo per il capolavoro assoluto del concorso di quest’anno: chi pensava che Steven Spielberg non avrebbe premiato una storia gay si sbagliava di grosso.
Oltre ad essere il re di Hollywood, Spielberg è un cinefilo, un uomo di buon gusto, un democratico. Quindi un grandissimo Presidente. Che ha pure il potere si sovvertire le regole: la Palma vale per tre, perché viene assegnata al regista Abdellatif Kechiche e pure alle due interpreti, Lea Seydoux e Adele Exarchopoulos. Il Lumiere è in delirio, la sala stampa applaude.

Ineccepibile anche il Gran Premio della Giuria assegnato al magnifico Inside Llewyn Davis dei fratelli Coen. Possiamo confermare che i primi due premi sono stati assegnati ai due film più belli del concorso. A ritirare il Gran Premio non ci sono Joel ed Ethan, ma arriva il loro bravissimo attore Oscar Isaac. Oscar: here it comes! Il Premio della Giuria viene assegnato anche ad un film bellissimo, e che non poteva non colpire Spielberg: il toccante Like Father Like Son di Hirokazu Kore-eda.
Sta già facendo molto discutere la Palma al miglior regista, andata ad Amat Escalante per Heli. E in sala stampa ci si chiede perché non Paolo Sorrentino, che torna a casa a mani vuote. La risposta è ovvia: lo stile di Heli e de La Grande Bellezza sono davvero agli antipodi. Uno è rigoroso ed asciutto, l’altro abbondante e pieno di orpelli. Uno può preferire o il primo o il secondo, insomma. Ma per molti Sorrentino va ad unirsi ai “grandi incompresi” di Cannes, come l’altr’anno fu per il Leos Carax di Holy Motors.
Il secondo orientale in concorso, A Touch of Sin, viene premiato per la miglior sceneggiatura: suona come una consolazione per Jia Zhang-ke, che comunque non torna in patria a mani vuote. Due annotazioni: il premio alla sceneggiatura è stato probabilmente assegnato perché si tratta di un film ad episodi. E poi finalmente ci sono due grandi film orientali in competizione, entrambi apprezzati e premiati.

La bravissima Bérénice Bejo di The Past vince il premio come miglior attrice. La Bejo è sorpresissima, ma la sua interpretazione merita davvero, e dopo la Palma a Kechiche e l’impossibilità di abbinarla al premio per le attrici sembrava l’unica scelta possibile. Più a sorpresa arriva il premio per il seppur ottimo Bruce Dern, co-protagonista di Nebraska. L’attore non è presente in sala, e a ritirare il suo premio c’è Payne. Dern batte i favoriti Toni Servillo e il Michael Douglas di Behind the Candelabra. La Giuria non ha così premiato l’ultimo lavoro di Soderbergh prima della pausa.
Curiosità: La Vie d’Adèle è il primo film a tematica gay che vince la Palma d’oro. La vittoria arriva poco dopo che Camera e Senato francese hanno detto sì ai matrimoni gay, e nel momento in cui per questo motivo c’è una tensione nel paese non da poco. Questa volta il cinema batte la realtà.
Vi lasciamo con il riepilogo dei premi della selezione ufficiale. Si chiude una grande edizione del Festival di Cannes

Tutti i premi:

Palma d’Oro al miglior film: La Vie d’Adèle - Abdellatif Kechiche
Grand Prix Speciale della Giuria: Inside Llewyn Davis - Fratelli Coen
Prix d’interprétation féminine (migliore attrice): Bérénice Bejo - The Past
Prix d’interprétation masculine (miglior attore): Bruce Dern - Nebraska
Prix de la mise en scène (miglior regista): Amat Escalante per Heli
Prix du scénario (miglior sceneggiatore): Jia Zhang-ke - A Touch of Sin
Premio della giuria: Like Father Like Son - Hirokazu Kore-eda
Camera d’Or (miglior opera prima di tutte le sezioni): Ilo Ilo - Anthony Chen [Quinzaine]
Palma d’oro al miglior cortometraggio: Safe - Moon Byung-gon
Menzioni speciali: Whale Valley - Gudmundur Arnar Gudmundsson e Adriano Valerio - 37°4 S

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere