HOME arrow PROSSIMAMENTE: arrow Oscar 2014: chi saranno i vincitori?
Giovedì 27 Gennaio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Oscar 2014: chi saranno i vincitori? PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
domenica 02 marzo 2014

Oscar 2014: chi saranno i vincitori?

Poche ore ci separano dall’evento cinematografico dell’anno, vale a dire la serata degli Oscar. Una lunga maratona da seguire con tanta attenzione, scandendone passo passo gli sviluppi, dall’intensa vigilia che ha preceduto le nomination agli Oscar fino alla scrupolosa descrizione di ogni categoria.
Perciò cos’altro resta prima dell’evento vero e proprio? Ma è chiaro, le nostre preferenze/previsioni. Un gioco, come sempre.
Un passatempo che ci vede impegnati in questa nostra corsa verso la luccicante notte losangelina, i cui verdetti appaiono quest’anno oltremodo incerti. Ecco il nostro punto della situazione.

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI

Qui non dovrebbe davvero esserci storia. A conti fatti i cosiddetti riconoscimenti tecnici parrebbero quelli più scontati, se non altro in termini di merito. Gravity sta guidando con mano sicura pressoché tutte le classifiche che stanno comparendo in questi ultimi giorni, ed effettivamente non riconoscere la fondatezza di quest’andazzo sarebbe poco veritiero.
In un modo o nell’altro è questo il film dell’anno.

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

Bisogna ammettere che una delle “scottature” più rilevanti di quest’annata è stata la pressoché totale estromissione dall’appuntamento di quest’anno dei Coen. Di conseguenza un po’ ci speriamo in un premio che quantomeno marchi la presenza di A proposito di Davis. D’altronde non ruberebbe nulla, visto anche che parliamo di un film in qualche misura incentrato anche sulla musica. E visto che magari la miglior colonna sonora sarebbe fuorviante, riconoscere il lavoro operato con la registrazione dal vivo di certi brani potrebbe rivelarsi un’idea tutt’altro che malvagia.

MIGLIOR SONORO

Evochiamo (siamo costretti) nuovamente la barriera Gravity. Partendo da tale presupposto, tra i candidati non ci è dispiaciuto affatto All is Lost, altro film che a quanto pare l’Academy non ha gradito particolarmente. Anche in questo caso valgono le condizioni: un film totalmente ambientato in mezzo all’Oceano si rivela riuscito non solo in relazione a ciò che si vede ma soprattutto alla qualità di ciò che si sente. In tal senso il film di Chandor potrebbe dire la sua – Gravity permettendo, s’intende.

MIGLIOR SCENOGRAFIA

È vero, Il grande Gatsby si è rivelato ben lungi dall’essere quel fenomeno cinematografico del 2013 che doveva essere. Cionondimeno non si può glissare sulla “grandiosità” di tutto quel contorno che nel caso di Luhrmann non è mai mero contorno, anzi. Non si tratta di mero zelo ecumenico, visto che al di là di tutto poco si può imputare alla cura delle location ne Il grande Gatsby. Pompose, esagerate, tutto quello che si vuole. Ma il lavoro c’è e non è esattamente trascurabile.

MIGLIORE COLONNA SONORA

In questo caso ci uniformiamo a quello che sembra l’esito più probabile e diciamo Gravity. Un po’ per bilanciare il fatto che, in piena coscienza, finora abbiamo preferito altri film a questo. Ma in realtà diciamo che non abbiamo visto ancora Her e passa la paura.

MIGLIOR BRANO ORIGINALE

Riproponiamo la medesima preferenza esposta in sede di Golden Globe. A noi Let It Go piace e siamo pure convinti che alla fine la spunterà. Non ci dispiace affatto The Moon Song di Karen O, ed in questi casi ci sarebbe sempre da fare calcoli che al momento, in tutta onestà, poco o nulla ci interessano. Certo è che se Her dovesse malauguratamente restare a secco, la canzone originale potrebbe rappresentare una sorta di “contentino” per nulla disprezzabile. Vedremo.

MIGLIOR MAKE-UP E PARRUCCO

Dallas Buyers Club. Anzi no. Matthew McConaughey. Senza nulla togliere alla trasformazione di Leto, la metamorfosi più impressionante è proprio quella dell’attore che improvvisamente si è visto balzare da una situazione di caduta ad un’ascesa che chissà dove lo porterà, già a partire proprio da questi Oscar.

MIGLIOR MONTAGGIO

Qualora non si fosse capito, fosse per noi daremmo tutto a Gravity. Ma poiché chi scrive rientra nella categoria di persone alle quali il «sopravvalutatissimo» American Hustle è piaciuto, è su di lui che intendiamo brevemente soffermarci.
Anche perché proprio il montaggio rappresenta uno degli elementi a tratti trainanti del film, specie in quel quarto d’ora da montagne russe al casinò. E poiché, a dispetto delle non poche nomination, pare che la serata di domani non si profila particolarmente benevola per David O. Russell e soci, chissà che qualcuno non si ricordi il motivo per cui questo film si sta presentando con ben dieci (!) nomination. Occhio pure a Captain Phillips, che nella misura in cui riesce tanto deve riconoscere al suo ritmo profondamente serrato.

MIGLIORI COSTUMI

Neanche il tempo, eccoci tornare a bomba su American Hustle. Forse questo sarebbe il meno criticabile tra i premi potenzialmente conferibili. Certo, come sopra per le scenografie, anche qui terremmo d’occhio Il grande Gatsby, che quanto a costumi non si lascia certo dimenticare. Poi magari viene fuori l’outsider, ma il gioco ci pare si svolga essenzialmente tra questi due.

MIGLIORE FOTOGRAFIA

Glissare così impunemente anche stavolta sul lavoro di Lubezki sarebbe troppo. Qui Gravity vince facile, e per capire la portata di questa nostra forte affermazione basta citare almeno altri due tra i concorrenti per il premio, ossia A proposito di Davis e Nebraska, che quanto a fotografia sono né più né meno due ottimi prodotti. Solo che Gravity…

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Qui il discorso comincia a farsi serio. A quanto pare Jared Leto è già lì con la statuetta tra le mani, ma noi non siamo sinceramente convinti. Se c’è una cosa che in 12 anni schiavo ci ha convinto senza riserve è proprio la prova di Michael Fassbender, che al di là di ogni logica o calcolo subentrante riteniamo il migliore tra i nominati in questa categoria. Vincerà Leto, ok. Ma noi dissentiamo già adesso.

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Qui chi scegli? Lupita Nyong’o sembra essere in pole ma noi propendiamo per Julia Roberts. Non solo perché I segreti di Osage County è un film che abbiamo apprezzato, ma perché la Roberts è chiamata a un ruolo da gigante e lo porta a casa con bravura e dignità.

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

Ci spiace dirlo, ma non ce lo vediamo tanto Miyazaki mentre ritira il suo secondo Oscar dopo La città incantata. Eppure per noi Si alza il vento è in assoluto il miglior film d’animazione visto negli ultimissimi anni, e basta solo pensare a quella proiezione di Venezia per non avere dubbi circa la nostra ininfluente scelta. Solo che certe dinamiche contano ed alla fine della fiera Frozen probabilmente sarà l’unico a non tornare a casa a mani vuote.

MIGLIOR DOCUMENTARIO

Tra i candidati abbiamo visto solo The Act of Killing: un pugno nello stomaco notevole. E a quanto pare l’idea non dispiace nella West Coast, quindi niente di strano che la scelta possa cadere su questo film, così poco nelle corde di quell’ambiente ma non per questo non meritevole. Anche se non ci dispiacerebbe recuperare anche gli altri, specie The Square di cui si dice un gran bene.

MIGLIOR FILM STRANIERO

Bando alle superstizioni, non vediamo quale altro film possa vincere se non La grande bellezza. Con un Golden Globe e un BAFTA già in cassaforte sarebbe davvero sorprendente, anche alla luce dell’accoglienza in generale riservatagli oltreoceano, se non fosse lui a spuntarla. Insomma, oltre alla superstizione nella spazzatura ci buttiamo pure il campanilismo.

MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE


Eccoci alle categorie roventi. Partiamo con ciò che vorremmo noi, ossia un riconoscimento a Before Midnight. Sarebbe un po’ il coronamento di una trilogia tutta durata quasi vent’anni, oltre che di un regista di una certa levatura come Linklater. Detto ciò, 12 anni schiavo probabilmente è in testa, con The Wolf of Wall Street pronto a fare lo sgambetto alla prima occasione buona.

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

Paghiamo di nuovo lo scotto di non aver visto Her, che alcuni danno per favorito, altri per preferito. Così su due piedi American Hustle ci pare che abbia più chance di tutti, sebbene Blue Jasmine ha certamente voce in capitolo. Tolti questi tre non sapremmo che altro pensare.

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Questa l’abbiamo in qualche modo propiziata poco sopra. Il nome più e più volte pronunciato, in queste ore così come nell’ultimo mese, è senz’altro quello di Matthew McConaughey. A noi sta bene.

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Sono trascorsi mesi da quando da queste parti consegnammo virtualmente quest’Oscar, e da allora non abbiamo cambiato idea: Cate Blanchett è la nostra favorita. Tuttavia non si può certo consegnare così sbrigativamente all’oblio un’ottima Amy Adams nonché (perché no?) anche Sandra Bullock. Quest’ultima, la cui prova è tutto fuorché deludente, vive dell’onda montante per Gravity, inutile negarlo. Della Adams si potrebbe dire lo stesso, solo che American Hustle a parte lì in mezzo se non è la migliore poco ci manca. Capiremo a breve se il polverone che ha investito Allen nelle ultime settimane farà la differenza nell’ambito di una categoria dall’esito che pareva scontato.

MIGLIOR REGISTA

Allora. Posto che McQueen e Cuarón se la giocano alla pari quanto a percentuali, molto potrebbe dipendere dall’epilogo relativo al miglior film. Mancheremmo d’immaginazione, o più semplicemente siamo così pigri che non vogliamo nemmeno sforzarci a capire chi dei potrebbe spuntarla. Quindi diciamo Cuarón, che per noi ha già vinto, così come…

MIGLIOR FILM

Gravity. Per quanto ci riguarda è indiscutibilmente questo il film dell’anno. Lo diciamo da tempi non sospetti, sebbene non fossimo affatto i soli (ma certamente fra i primi) a scorgere la portata di questo complesso e travagliato lavoro.
Una statuetta, per quanto blasonata, non potrà certo cambiare una realtà già acquisita.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere