HOME arrow RECENSIONI:
Giovedì 30 Giugno 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Ultime recensioni inserite ordinate per data
Creep il chirurgo PDF Stampa
Horror
Scritto da Federico Albani   
giovedì 11 gennaio 2007

Creep-il chirurgo
Creep
durata: 85' video: 1,85:1 formato widescreen anamorfico 16/9 audio: Inglese (Dolby Digital 2,0), Italiano (EX DTS 6.1) sottotitoli: Italiano, Inglese, Italiano per non udenti
extra [*sottotitolati in italiano] : Menù interattivi, Accesso diretto alle scene, Making of*, Documentari*, Finale alternativo, Trailer
custodia: amaray
produzione: IIF

CreepCreep per quanto mi riguarda non è un horror, ma un film drammatico con molti elementi terrificanti, ma dal mio personale giudizio l'intento del regista era sì spaventare, ma soprattutto far pensare a come il nostro voler sentirsi divini possa essere ritorto contro noi stessi in una sorta di ribellione della natura. Il film però non spiega tutto questo e vedendolo con occhio non critico apparirebbe un semplice horror mal fatto e a tratti persino noioso e poco cruento. Con altre analisi invece apparirebbe un dramma psicologico e sociologico sfumato di satira ed elementi macabri per sottolineare la crudezza dell'uomo nei confronti della natura e, a sua volta, l'orrenda ritorsione della natura sull'uomo. La qualità video è molto buona, l'uso di macchine da ripresa a mano nel rincorrere i personaggi rende il tutto molto adrenalinico e terrificante. Ottimo anche il sapiente uso di scenografie e luci che danno un senso di claustrofobia. Un plauso anche alla recitazione, brava Franka Potente, ma ottimo Sean Harris. L'audio è discreto, forse ci volevano più effetti "eco" stando in gallerie e tunnels metropolitani, ma probabilmente non avrebbero giovato la comprensione dei dialoghi che, specie nella seconda parte, sono un punto cardine della storia. Molto buoni i contenuti extra che comprendono oltre al solito trailer anche un making of, un inizio e un finale alternativi e documentari riguardanti gli effetti speciali e l'operazione.
 
Constantine PDF Stampa
Horror
Scritto da Federico Albani   
giovedì 11 gennaio 2007
Constantine
Constantine
durata: 116' video: 2,40:1 formato widescreen anamorfico 16/9 audio: Inglese, Italiano, Spagnolo (Dolby Digital 5.1) sottotitoli: Italiano, Inglese, Spagnolo, Portoghese, Italiano per non udenti, Inglese per non udenti
extra [*sottotitolati in italiano] : Menù interattivi, Accesso diretto alle scene, Commento audio del regista - del produttore - degli sceneggiatori, 2 trailer, Video musicale, "Constantine: dalla striscia allo schermo"*, "La produzione dell'inferno": "La confessione del regista"* - "Scontro con il diavolo"*, - "Le armi del film"*, "Il mondo sotterraneo": "Paesaggio infernale"* - "La creazione di Vermin Man"* - "Le ali dei guerrieri"* - "Il rapimento"*, "Constantine: eroe mitologico"*, 15 scene eliminate con commento del regista*
custodia: slipcase
produzione: Warner

ConstantineIl film propone un'immagine molto contrastata e stilizzata, con abbondante uso di filtri che alterano la naturalezza del croma ma che naturalmente servono a fornire alla pellicola il giusto look. L'encoding nel complesso è molto positivo: tranne qualche riserva sul livello di definizione di alcune scene, l'immagine risulta stabile e ben tratteggiata. Luminosità e contrasto sono ben impostate, elemento vitale data l'ambientazione molto cupa di gran parte del film, i colori come detto risultano poco naturali per l'uso di filtri e in generale per le scelte di fotografia, ma la loro saturazione risulta corretta e l'ampiezza delle sfumature convince in ogni istante. La definizione è sopra la media sebbene capiti un po' troppo spesso di osservare alcune flessioni - comunque piuttosto contenute - sugli elementi di fondo a talvolta anche sui primi piani. Nonostante le apparenze "Constantine" non offre un continuo susseguirsi di scene d'azione che facciano esaltare l'home-theatre: ci si trova di fronte invece ad una traccia discreta, potente all'occorrenza ma che nel complesso mira a creare un ambiente sonoro ricco e pieno di dettagli piuttosto che un Dolby Digital puntato esclusivamente sull'appariscenza. I dialoghi sono sempre puliti, nonostante in un paio di situazioni (conversazioni tra Constantine e il suo autista) si noti un'improvvisa asprezza del parlato. Tutto questo appare fuori dal contesto della traccia che nel suo insieme risulta però molto ben livellata e omogenea. Il surround è costantemente sollecitato da musica e elementi sonori di minore entità, ma dimostra anche una buona dinamica ed ampiezza nei momenti più concitati. Non sorprende più la mancanza dei sottotitoli ai commenti audio dei titoli Warner - e Constantine purtroppo non fa eccezione. Sul disco del film ci sono anche 2 trailer e un video musicale. Buoni invece gli extra del disco ad essi dedicato. Nonostante una non eccessiva durata, mostrano una panoramica abbastanza completa e sufficientemente approfondita della lavorazione. Si comincia con il documentario di 15 minuti sulla trasposizione delle avventure di Hellblazers dalle strisce dei comics allo schermo: viene anche raccontata la nascita del personaggio e le differenze, perlopiù stilistiche, tra il Constantine del fumetto e quello cinematografico. "La produzione dell'inferno" contiene tre featurette: la prima è una "confessione" del regista, una intervista di 5 minuti nella quale il debuttante Francis Lawrence parla delle difficoltà di dirigere un lungometraggio tra i tanti alti e bassi della produzione. "Scontro con il diavolo" mostra il backstage della scena d'apertura del film, spostata dalla originaria location scelta, la Turchia, al Messico. "Le armi del film", come il titolo lascia intendere, parla della creazione dei vari gadget che Constantine usa nel film. Anche "Il mondo sotterraneo" si suddivide in 4 sotto-documentari. Qui si parla di tutto il lavoro di produzione, dalla creazione dello stile del film fino alla realizzazione degli effetti speciali. "Constantine: eroe mitologico" è una breve featurette che analizza i paralleli tra il personaggio e gli elementi "mitologici" che contraddistinguono gli eroi della letteratura. Le scene eliminate sono ben 15, di cui una rappresenta un finale alternativo.
 
Conciati per le feste PDF Stampa
Commedia
Scritto da Luca Calamai   
giovedì 11 gennaio 2007
Conciati per le feste
USA: 2006. Regia di: John Whitesell Genere: Commedia Durata: 100'
Interpreti: Danny DeVito, Matthew Broderick, Kristin Davis, Kristin Chenoweth, Alia Shawkat, Sabrina Aldridge, Kelly Aldridge, Fred Armisen, Dylan Blue
Recensione di: Luca Calamai

 Mettere insieme una persona metodica, riservata ed abitudinaria ed un individuo caciarone, parolaio e casinista è un meccanismo comico alla base di una mole così imponente di film che non vale nemmeno la pena di iniziare ad enumerarli. Quando il tranquillo oculista Steve Finch (Matthew Broderick) si vede arrivare come nuovo vicino di casa il venditore d'auto Buddy Hall (Danny DeVito) già si capisce che non sarà un Natale tranquillo per nessuna della due famiglie. Buddy un giorno vede per caso che la sua nuova dimora non si vede dal satellite e decide di preparare una decorazione natalizia talmente sontuosa da renderlo visibile dallo spazio. Con buona pace della quiete e della serenità di Finch. In un epoca in cui le targhe automobilistiche sono visibili da satellite è davvero curioso che uno dei due protagonisti non riesca a vedere la propria casa. Più che mancanza di creatività, questa "svista" sembra quasi mancanza di rispetto bella e buona da parte dello sceneggiatore nei confronti del pubblico, tanto più che strumenti internet come Google Earth stanno diventando sempre più accessibili e familiari. Conciati per le feste dovrebbe essere una commedia natalizia, quindi una pellicola in grado di veicolare un messaggio positivo che possa portare la celebrazione della più importante festa cristiana alla sua dimensione più autentica, alla riscoperta dei valori più significativi e in grado di riunire gli individui, allontanandoli almeno in questa stagione dai piccoli egoismi quotidiani. Naturalmente dopo una buona dose di conflitto, senza il quale non può essere presente la commedia. Si tratta in buona sostanza della classica guerra di vicinato senza esclusione di colpi, con tanto di escalation, operazioni sotto copertura e soluzioni "atomiche". Nessuna situazione viene però portata fino alle ultime conseguenze, e molte battute restano per così dire sospese, quasi che l'ambientazione natalizia costituisca una specie di limitazione per un umorismo più "cattivo". Il risultato è purtroppo un film piuttosto blando, in cui viene messa in evidenza (e non a scopo apertamente critico) il gusto per il pacchiano e l'esibizionismo tipici di un certo provincialismo statunitense, francamente indigesto dalle parti nostre. Affidare poi la riscoperta dei valori del Natale ad un mare di telefonini usati come candele è francamente troppo. Va bene che ormai il Natale è il periodo d'oro per "spingere" cellulari e tariffe di telefonia, ma non esageriamo...
 
Commediasexi PDF Stampa
Commedia
Scritto da Luca Calamai   
giovedì 11 gennaio 2007
Commediasexi
Italia: 2006. Regia di: Alessandro D'Alatri Genere: Commedia Durata: 94'
Interpreti: Sergio Rubini, Paolo Bonolis, Margherita Buy, Stefania Rocca, Elena Santarelli, Rocco Papaleo, Michele Placido
Recensione di: Luca Calamai

35.jpeg Da quest'anno oltre ai "cinepanettoni" che come tradizione vuole ci propongono/impongono Vanzina e Neri Parenti, sulla tavola natalizia del cinema italiano ci sarà un nuovo prodotto da assaggiare, il "cinepandoro", per stessa affermazione del regista Alessandro D'Alatri a proposito della sua ultima fatica, "Commediasexi". In effetti era da tanto tempo che non si vedeva sul grande schermo un tentativo di proporre al pubblico di Casa nostra, nel fondamentale in quanto redditizio periodo delle Festività, un qualcosa di leggero ma alternativo alla comicità demenzial-trash di Boldi e De Sica. Per questo D'Alatri abbandona l'atmosfera delle sue recenti commedie romantico sociali che hanno dato nuova linfa alla carriera di Fabio Volo ("Casomai" e "La febbre") e tenta l'esperimento di riportare in auge la classica commedia all'italiana, quella che negli anni '60 è stata la punta di diamante del cinema tricolore. Si serve di un cast davvero stellare per raccontare sullo sfondo di una Roma caotica e ruspante il variopinto incastro di vite che lega tra loro politici, ballerine televisive, casalinghe disperate e cuochi dongiovanni, e così via. Quello che ne esce fuori è un pastiche riuscito più per le buone intenzioni che altro: non graffia come dovrebbe la cattiveria necessaria a mettere alla berlina lo spirito un pò cialtrone e sempliciotto dell'italiano medio, pure se non mancano momenti divertenti che a denti stretti fanno sorridere sulla nostra attuale ahimè desolante realtà sociopolitica. Più che per un soggetto che non brilla certo per originalità, a questo cinepandoro manca un altro ingrediente necessario per la ricetta perfetta: una compattezza narrativa certo difficile da trovare in film di questi tipo, dove tanti sono i personaggi da dover gestire (e qualcuno rimane inevitabilmente sacrificato e sottoutilizzato, come Stefania Rocca e Margherita Buy). Ecco che allora e lo sviluppo di partenza interessante di alcuni personaggi rimane irrisolto a scapito di altri, alcuni passaggi banali sfilacciano la farsa, e soprattutto la parte finale risulta tirata un pò via. Quello che manca dunque è proprio un sapore di "coralità", e date le premesse di una compagine di attori davvero di prim'ordine, la cosa lascia un pò l'amaro in bocca per l'impressione di occasione sprecata.
Tutti comunque bravi, c'era da aspettarselo; a sorprendere semmai è Paolo Bonolis, qui al suo esordio sul grande schermo (ma su quello piccolo imperversa da 25 anni), perfettamente calato nel ruolo del fedifrago onorevole, viscido e traffichino al punto giusto. Sopra le righe per copione, il noto presentatore tv fa da perfetto contraltare ad un invece volutamente dimesso e misurato Sergio Rubini.
Che sia nata una nuova coppia cinematografica per le abbuffate sotto l'Albero?

 
Closer (dvd) PDF Stampa
Drammatico
Scritto da Federico Albani   
giovedì 11 gennaio 2007
Closer
Closer
durata: 99' video: 1,85:1 formato widescreen anamorfico 16/9 audio: Italiano, Inglese (Dolby Digital 5.1) sottotitoli: Inglese, Italiano, Italiano per non udenti
extra [*sottotitolati in italiano] : Menù interattivi, Accesso diretto alle scene, Video musicale di "The Blower's Daughter" di Damien Rice, Trailer vari
custodia: amaray
produzione: Sony

CloserMolto piacevole la resa video, curata nei particolari e in grado di offrire una visione del tutto confortevole. Luminosità e contrasto sono calibrati ottimamente, e la qualità dei colori risulta efficace e sostanzialmente naturale. Il livello del dettaglio è elevato e si può apprezzare una buona profondità visiva che non è fortunatamente afflitta da problemi di compressione. Trattandosi di un adattamento cinematografico di un testo teatrale, a dominare la pellicola sono soprattutto i dialoghi che vengono ottimamente riproposti in un ambiente sonoro scarno che lascia spazio solo alla musica. Nei limiti di questa situazione "povera", la qualità risulta comunque soddisfacente ed è in grado di soddisfare le richiesta del film, garantendo un buon supporto alla visione. Sul versante degli extra troviamo solamente il video della splendida canzone "The Blower's Daughter" di Damien Rice.
 
<< Inizio < Prec. 521 522 523 524 525 526 527 528 Pross. > Fine >>

Risultati 4726 - 4734 di 4747

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere