HOME arrow RECENSIONI:
Venerdì 17 Agosto 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
tomb_raider_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Ultime recensioni inserite ordinate per data
Io sono tempesta PDF Stampa
Commedia1
Scritto da Ciro Andreotti   
domenica 05 agosto 2018

Titolo: Io sono tempesta 
Titolo originale: Io sono tempesta
Italia 2018 Regia di: Daniele Lucchetti Green Genere: Commedia Durata: 98'
Interpreti: Marco Giallini, Elio Germano, Eleonora Danco, Marcello Fonte, Jo Sung Francesco Ghenghi, Carlo Bigini
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 12/04/2018
Voto: 5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Vacuo...
Scarica il Pressbook del film
Io sono tempesta  su Facebook

io_sono_tempesta.jpgNuma Tempesta è un affarista romano che acquista alberghi e altri immobili per rivenderli ai migliori offerenti. Per non terminare in prigione per evasione fiscale è costretto a scontare un anno di servizi sociali presso un centro Caritas. In questo centro incontrerà Bruno, padre single, vittima di un tracollo finanziario, abbandonato dalla moglie e sempre seguito dal figlio adolescente. Numa si avvicinerà inizialmente con supponenza alla vita dei senza tetto presenti nel centro e quando s’accorgerà che il solo modo per sopravvivere è coalizzarsi con loro, cercherà di usare questa empatia a proprio vantaggio.

Se in Numa Tempesta, personaggio carismatico, pieno di fiuto per gli affari, che nel suo lavoro intravede la sola valvola di sfogo e affermazione sociale, avete intravisto molti dei personaggi che vengono celebrati nelle pagine dei rotocalchi da ombrellone, avete visto giusto.
Se a questo primo stereotipo aggiungete un attore del calibro di Marco Giallini al quale affiancare Elio Germano coatto quanto lui, ma non certo griffato Armani, potreste aver fatto centro, o quasi.

Perché l’ultimo sforzo del regista Daniele Luchetti riesce a strappare risate e riflessioni ma è, a visione ultimata, fin troppo vacuo esattamente come le elucubrazioni del personaggio protagonista, con molte buone idee da sviluppare ma che alla fine rimangono tali, stroncate da uno sviluppo narrativo insufficiente a giustificare un dispiegamento di cast di questo livello e nel quale risulta difficile non notare Marcello Fonte, recentemente premiato a Cannes per Dogman di Matteo Garrone, qui nel ruolo di un senza tetto che rovista nei rifiuti.

Un vero peccato perché la cialtroneria di Numa - Marco Giallini - Tempesta e dell’uomo comune caduto in disgrazia, ma pur sempre amato dal figlio che mai si sognerebbe di abbandonarlo, e dipinto da Elio Germano, avrebbero meritato ben altri approfondimenti narrativi purtroppo lasciati fin troppo in fase embrionale.

Trailer

 
Suits (Quinta Stagione) (dvd) PDF Stampa
Drammatico
Scritto da Francesca Caruso   
mercoledì 01 agosto 2018

Titolo: Suits (Quinta Stagione)
Titolo originale: Suits (Season 5)
Caratteristiche del dvd in vendita dal 18 Luglio 2018.

Film
A luglio è arrivata sugli scaffali dei negozi e negli store online la quinta stagione di “Suits”, targata Universalsuits_5.cover.jpg Pictures Home Entertainment, una stagione strepitosa, elettrizzante e ricca di suspense. In questa nuova serie di “Suits” si avvicendano le storie degli avvocati più glamour di New York: Harvey Specter, Mike Ross, Louis Litt, Jessica Pearson. Harvey dovrà vedersela con un nemico davvero ostico: gli attacchi di panico, venuti dopo l’ “abbandono” di Donna, sua fedele e insostituibile segretaria per 12 anni. Louis si scontra ancora una volta con Harvey, non solo a causa del suo ego, ma per sua sorella Esther, la quale scombussolerà per un po’ gli animi dei due nemici/amici. Ciò che lascerà indiscutibilmente incollati allo schermo sarà l’arresto di Mike negli uffici dello studio legale Pearson Specter Litt al 50° piano e di come il procuratore Anita Gibbs farà di tutto pur di sbattere in prigione Mike e i suoi diretti superiori. Riuscirà Mike a trovare una soluzione su misura per questo difficile problema? Che sia un impostore diventa di dominio pubblico. Come gestiranno la situazione Jessica, Harvey e Louis? Sono 16 appassionanti episodi, con un crescendo di stupore e adrenalina man mano che la storia si evolve. Nella prima parte si trovano battute e gag divertenti, marchio di fabbrica di “Suits”, una leggerezza che stempera i toni, pur affrontando argomenti della quotidianità del vivere umano. Avere gli attacchi di panico e farsi seguire da uno psicologo per comprendere come affrontarli e scoprire da dove sono scaturiti. Aiutare i più deboli: questa è la serie in cui Mike capisce che il suo dono deve essere messo al servizio delle persone che non possono permettersi un bravo avvocato e vengono schiacciate dal sistema, a volte (fin troppo spesso) cieco e iniquo. L’amicizia tra Mike e Harvey si rafforza ancora di più, dimostrando un attaccamento e una lealtà reciproca che tocca il cuore e piace. Questo è un bell’esempio di un affetto genuino e sincero, che non sarebbe male ritrovare più spesso nella realtà di tutti i giorni nelle persone a noi più care, in amici che non ci voltino le spalle alle prime difficoltà, ma che ci aiutano come possono, a 360°. Ci sarà un nuovo personaggio che darà del filo da torcere ai nostri e che lascerà sicuramente una forte impressione. Anita Gibbs sarà odiata all’unanimità, o quasi, e ci si troverà perfettamente d’accordo con Donna quando trovandosi faccia a faccia le dirà: “Non pensavo che sarei arrivata a dirlo di un’altra donna, ma lei è una fredda puttana senza cuore”. E la Gibbs per tutta risposta: “È vero”. “Suits 5” è un altro fiore all’occhiello della Universal Pictures, che si può vedere e rivedere comodamente a casa in Dvd, nell’attesa dell’uscita della sesta stagione, ugualmente sorprendente e appassionante, prevista per settembre. Preparatevi a rimanere strabiliati. Buona Visione!!....

Video
Il cofanetto dvd di “Suits 5” contiene tutti i 16 episodi della stagione su quattro dischi, prodotto e distribuito dalla Universal Pictures Home Entertainment viene presentato nel formato anamorfico 1.78:1. La fotografia è fatta talmente bene, che si dà per assodato che una macchina da presa sia sospesa fuori dagli uffici del 50° piano della Pearson Specter Litt a riprendere gli attori durante la performance. L’illuminazione a giorno è perfettamente naturale e le gigantografie delle vedute esterne (cielo e grattacieli) sembrano reali a tutti gli effetti. Ben illuminato l’incarnato dei volti e le scene in notturna sono perfettamente calibrate. La durata complessiva dei 16 episodi è poco più di 11 ore. Il cofanetto è confezionato in un’Amaray trasparente e possiede un Artwork interno, in cui sono presenti Harvey e Mike e la sinossi di ciascun episodio.

Audio
Il comparto audio di questa quinta stagione di “Suits” è essenziale e soddisfacente: possiede il Dolby Digital 5.1 sia per l’Italiano che per l’Inglese, ed è provvisto dei sottotitoli in italiano. I dialoghi sono puliti e ben calibrati, gli effetti sonori e ambientali sono resi adeguatamente rispetto a ogni scena. La colonna sonora scelta per questa stagione è più che in linea con l’azione che lo spettatore vede dipanarsi davanti ai propri occhi, tenendolo sempre carico. Il doppiaggio italiano è impeccabile, come per tutte le precedenti stagioni di “Suits”.

Extra
Unico neo è la mancanza nel cofanetto dvd di contenuti speciali. Non sarebbe dispiaciuto potersi godere il backstage, qualche video promo o trailer, almeno. Sarà per la prossima stagione …

Francesca Caruso
 
Io c’è PDF Stampa
Commedia1
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 30 luglio 2018

Titolo: Io c’è 
Titolo originale: Io c’è
USA 2018 Regia di: Alessandro Aronadio Green Genere: Commedia Durata: 100'
Interpreti: Edoardo Leo, Giuseppe Battiston, Margherita Buy, Giulia Michelini, Massimiliano Bruno, Gegia, Gisella Burinato
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 29/03/2018
Voto: 5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Macchinoso...
Scarica il Pressbook del film
Io c’è  su Facebook

io_c.jpgMassimo, proprietario di un B&B nel cuore di Roma, a causa della crisi e della vicinanza con una struttura gestita da suore, rischia il fallimento.
Per non cedere la sua proprietà al cognato e con l’aiuto della sorella e del marito della sua ex moglie, uno scrittore studioso di filosofia, decide di creare una nuova religione e adibire il suo B&B a luogo di culto, per riuscire a non pagare le tasse. La cosa però gli sfuggirà velocemente di mano.

Alessandro Aronadio traveste Edoardo Leo con Kimono di ordinanza e con le basi ben solide per la creazione di una religione politeista ove ognuno è protagonista delle proprie scelte, dove il Tofu è bandito, perché odiato dallo stesso fondatore, dove ai precetti e ai divieti sono sostituiti i suggerimenti, dove l’entità divina non è qui per colpirci e giudicarci ma solo il singolo può decidere cosa sia meglio per ciascuno di noi.
Ecco lo Ionismo, religione truffa creata per evadere il fisco sotto forma di precetti che affondano le loro basi ideologiche su un mix di tutte le altre religioni e nella ferma convinzione che se i B&B gestiti da preti e suore hanno il diritto di non pagare le tasse, chi siamo noi per non poter fare altrettanto.

Da notare come il territorio della commedia avesse già calcato il tema finto - religioso grazie a Richard Pearce e Steve Martin nel Vendesi Miracolo, del 1992; se in quel caso la narrazione aveva catturato l’attenzione del pubblico con una storia d’amore e predicazioni in itinere, questa volta, a dispetto del precedente Orecchie, successo del 2016 firmato sempre dallo stesso Aronadio, l’obiettivo non viene centrato forse a causa delle eccessive pretese iniziali di natura morale.
La sceneggiatura, che ha tutte le peculiarità di una trama laica esattamente come la religione che professa, non riesce a donare ai tre protagonisti: Margherita Buy, Edoardo Leo, Giuseppe Battiston, coadiuvati da una piccola parte offerta a Giulia Michelini e a un cameo offerto a Massimiliano Bruno, il giusto appeal per dare vita a una storia che risulta alla fine lenta, macchinosa e poco sviluppata. Un vero peccato per una splendida occasione troppo maldestramente e superficialmente sprecata.

Trailer

 
The Manchurian candidate (dvd) PDF Stampa
Thriller
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 30 luglio 2018

Titolo: The Manchurian candidate
Titolo originale: The Manchurian candidate
Caratteristiche del dvd in vendita dal 18 Luglio 2018.

Film
Il Maggiore Bennett Marco è un reduce dalla prima guerra del golfo salvato per miracolo da un’imboscata dalthe-manchurian-candidate.jpg sergente Raymond Shaw. Grazie a questo eroico gesto Shaw viene travolto da un’ondata di popolarità capace di farlo candidare alla vicepresidenza degli Stati Uniti sotto l’ala protettrice della madre, la celebre senatrice Eleanor Shaw. Nel frattempo, una volta tornato in patria, Marco è tormentato da continue allucinazioni che non gli danno tregua e scopre che nella sua stessa condizione sono anche i suoi ex commilitoni.
Il Maggiore non riesce a ricordare con precisione il salvataggio da parte del sergente Shaw e inizia a sospettare che in realtà tutto quello che sta accadendo sia frutto di una macchinazione.
Il remake del film del 1962, all’epoca diretto da John Frankenheimer, vede oggi Denzel Washington alle prese con coloro che si celano dietro agli incubi che l’affliggono, non un trauma che facilmente colpisce i reduci di qualunque guerra, ma bensì la più classica delle teorie del complotto di matrice USA. Se nel primo film era il pericolo rosso, e per la precisione cinese, a colpire i vertici della nazione americana; in tal caso è una multinazionale avida di potere a minare la base stessa della democrazia a stelle e strisce. Il romanzo di Rich Condon fra le mani del regista de Il silenzio degli Innocenti: Jonathan Demme e dei co sceneggiatori Daniel Pyne e Dean Georgaris diventa sia una spy story a forti tinte thriller e anche un inno all’inutilità e all’ opportunismo di qualunque conflitto, oltre che atto d’accusa contro chi manovra le fila della politica. Al solito maestoso Denzel Washington nel ruolo di un reduce senza pace apparente, all’attore originario della ‘Grande Mela’ fa da contraltare Meryl Streep in quello della morbosa senatrice Eleanor Shaw, madre del candidato alla casa bianca, per finire con Liev Schreiber, diventato noto per la serie di Scream, che sulla metà degli anni ’90, e fino ai primi anni 2000, riuscì a donargli una dose di meritata fortuna, e che qui interpreta senza colpo ferire un uomo facile agli sbalzi d’umore e vittima involontaria dei voleri di una madre dispotica. Presente un cameo del regista Roger Corman nel ruolo di un politico avido di potere; il tutto viene unito da una sana dose di pathos acuito da continui flashback provenienti dalle azioni di guerra del maggiore Marco. Pellicola che piacerà molto agli amanti del miglior Le Carrè, astenersi coloro che non amano eccessivamente i thriller complottisti e fin troppo classici.

Video
Il Dvd di “The Manchurian candidate” prodotto e distribuito da Universal viene presentato nel formato 2.35:1 anamorfico. L’immagine, per il tipo di supporto,  è ben definita e piacevoe. Buono l’incarnato dei volti. Le riprese in penombra o di notte sono buone e i neri sono resi bene, con i contorni ben demarcati.

Audio
Il Dvd si avvale di un comparto audio soddisfacente, composto da due tracce in DTS HD 5.1 per l’Italiano e l’Inglese, con i sottotitoli per entrambe le lingue. Tanto gli effetti sonori ambientali quanto i dialoghi sono ben armonizzati, rimanendo sempre nitidi, puliti e dal volume bilanciato.

Extra
Comparto extra particolarmente ricco con oltre 40 minuti di materiale da visionare.
"Commentary By director Jonathan Demme And ScreenPlay Co-Writer Daniel Pyne" Commento in lingua inglese e con sottotitoli in lingua italiana o inglese di tutta la pellicola, è anche possibile accedere direttamente alle singole scene.
"The Enemy Within: Inside The Manchurian Candidate" (14.07) Intervista alla troupe e riprese provenienti dal backstage di The Manchurian Candidate.
"The Cast of The Manchurian Candidate" (11.57) Cortometraggio esclusivamente in lingua inglese, e in assenza di sottotitoli, riguardante la scelta del cast da parte del regista e interviste con ciascun componente il cast.
"Deleted Extended Scenes" – Cinque scene tagliate, o ridotte, nella successiva versione definitiva. Tutte le scene sono visibili con, o in assenza, del commento del regista Jonathan Demme e del co sceneggiatore Daniel Pyne. "Outtakes" altre due scene tagliate provenienti da due interviste rilasciate nel corso della pellicola da Eleanor Shaw (Meryl Streep).
"Liev Schreiber Screen Test" (02.55) Una scena girata da Liev Schreiber (Raymond Shaw) nel corso della pellicola
"Political Pundits" (10.00) Opinioni politiche riguardanti come la gente orienti le proprie scelte in prossimità delle elezioni negli USA.

 
Elementary (Quinta Stagione) (dvd) PDF Stampa
Thriller
Scritto da Davide Sorghini   
giovedì 26 luglio 2018

Titolo: Elementary (Quinta Stagione)
Titolo originale: Elementary (Season 5)
Caratteristiche del dvd in vendita dal 04 Luglio 2018.

Film
Elementary è una rivisitazione in chiave moderna del personaggio di Sherlock Holmes e del suo aiutante Watson.elementary_5.jpg Gioca su questo ma cambia le regole. Sherlock Holmes è pazzo, ecco tutto. Abbiamo di fronte un personaggio nuovo, fuori dagli schemi, con un'intelligenza straordinaria, che vive la vita come vuole senza pensare alle conseguenze. Le sue follie e le sue perversioni lo portano ad abusare di alcool e droghe. Per potersi riprendere da questo periodo e ritornare sulla retta via, il padre decide di affibiare a Sherlock un baby sitter. Ecco che entra in gioco Watson. Un uomo? No, una donna....
Nella quinta stagione è stato introdotto un nuovo personaggio, Shinwell Johnson, estremamente importante per Joan e cardine di tutta la serie. Shinwell è un ex membro di una gang, la SBK (South Bronx Killas), appena uscito di prigione che molti anni prima era stato curato e salvato da Joan dopo che gli avevano sparato. Adesso lo scopo di quest’uomo è quello di redimersi, di distruggere la sua ex gang facendo l’informatore dell’FBI ed infine poter godersi la vita insieme alla figlia. Smantellare una gang così ben radicata, però, non è affatto facile. L’uomo verrà quindi aiutato sia da Joan che da Sherlock in un susseguirsi di colpi di scena. Peculiarità interessante di questa stagione è la capacità di mettere Joan ancora più in primo piano rispetto a Sherlock.  Tra i tanti casi da risolvere, nel corso delle varie puntate, Joan si accorge che Sherlock è piuttosto strano e pensa che sia tornato a drogarsi. Il problema, però, sembra essere un altro. Sherlock vede e parla con una signorina spuntata dal nulla, che lo pressa con domande e lo importuna sempre più frequentemente. Purtroppo questa donna misteriosa altri non è che una figura nella mente di Sherlock, che assomiglia terribilmente alla madre e che crea tanta confusione in lui.... C’è qualcosa che non va in Sherlock, dorme più del solito, dimentica le cose, ha le allucinazioni  e decide quindi di fare una TAC. L'esito di questo delicato esame lo scopriremo nella sesta stagione inoltre un’altra delicata questione resterà sospesa in questo finale. Joan non ci sta a farla passare liscia a Tyus Wilcox, e come darle torto! Quello sbruffone è stato odioso quanto una puntura di zanzara in piena notte!....

Video
Universal Pictures, anche in questo caso, sceglie di continuare a uscire con la quinta stagione completa di "Elementary" solo in formato dvd e di non contare sul formato Blu Ray. La serie è presentata con un formato video di 1.78:1 anamorfico molto buono, caratterizzato da una qualità video convincente per il tipo di supporto. I 24 episodi sono divisi su sei dischi in un cofanetto classico formato da un'amaray con artwork interno minimale, dove sono impressi tutti gli episodi. A livello tecnico la qualità dell'immagine è valida, con un quadro video abbastanza pulito e privo di particolari difetti e anche le scene con scarsa luminosità risultano buone e con un rumore video contenuto. Non si riscontrano particolari problemi, i contrasti sono buoni con un discreto bilanciamento dei bianchi. Il Bitrate medio si attesta sui 4,6 Mbps.

Audio
Sono presenti due tracce audio in formato Dolby Digital 5:1 per Inglese e Italiano dalla buona dinamicità. In questo caso rispetto alla stagione precedente, che era in semplice Dolby 2.0, troviamo un'audio di qualità nettamente superiore. La traccia italiana ha una buona dinamica con un uso inetressante di tutti i canali. I dialoghi risultano sempre chiari e la colonna sonora è resa egregiamente. Peccato per l'assenza dei sottotitoli sia in Inglese che in Italiano.

Extra
Comparto extra assente. Un vero peccato!

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 9 di 4533

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere