HOME arrow RECENSIONI:
Giovedì 22 Agosto 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
peppermint_banner.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Ultime recensioni inserite ordinate per data
Morto tra una settimana … o ti ridiamo i soldi PDF Stampa
Commedia1
Scritto da Ciro Andreotti   
venerdì 22 marzo 2019

Titolo: Morto tra una settimana … o ti ridiamo i soldi 
Titolo originale: Dead in a Week: Or Your Money Back
Regno Unito 2018 Regia di: Tom Edmunds Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Tom Wilkinson, Aneurin Barnard, Christopher Eccleston, Gethin Anthony, Marion Bailey, Nigel Lindsay, Freya Mavor, Velibor Topic, Marcia Warren, Eileen Nicholas
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 22/11/2018
Voto: 6,5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Piacevole Sorpresa...
Scarica il Pressbook del film
Morto tra una settimana … o ti ridiamo i soldi su Facebook

morto_tra_una_settimana_locandina.jpgWilliam è un aspirante scrittore ventenne che ha deciso di farla finita. Una sera, lungo un ponte dal quale ha deciso di gettarsi, s’imbatte in uno strano personaggio che gli consegna un biglietto da visita nel quale si presenta come assassino professionista. Leslie, il nome dell’uomo, svolge da sempre la professione di killer e il contratto che potrebbe stipulare con William gli è necessario per raggiungere la soglia minima di omicidi che gli permetterà di proseguire a lavorare evitando così di andare in pensione.

La narrazione della morte su commissione, già esplorata dal mondo del cinema - basti ricordare ‘Ho affittato un killer’ del regista finlandese Kaurismäki - prende forma nell’ Inghilterra contemporanea grazie a una storia dalla comicità surreale e nerissima scritta e diretta dall’esordiente Tom Edmunds in una sorta di ammodernamento delle commedie a tinte noir del passato: ‘Arsenico e vecchi merletti’, di Frank Capra, su tutte.

Tom Wilkinson, nel ruolo di un sicario con l’hobby della morte, che non teme minimamente di raccontare come “questa sia la mia vita”, vive in un evidente paradosso che lo accompagna da un’intera carriera, trascorsa all’ombra di mitragliatori browning e pistole Glock, fra silenziatori e appostamenti che durano intere giornate, sempre pronto a ritornare in tempo a casa per consumare la cena assieme alla moglie - impersonata dall’esperta attrice di teatro Marcia Warren - con l’hobby del ricamo e che per quanto appoggi le scelte professionali del marito lo vorrebbe finalmente a casa a godersi la meritata pensione.

Proprio il rapporto fra Leslie e sua moglie è il pilastro sul quale si regge una black comedy che rappresenta una piacevole scoperta della stagione cinematografica in corso. Scontata la conclusione ma piacevole la resa di un film assistito dalle situazioni surreali che di volta in volta si vengono a creare, non sfugge di certo alla regola di tale comicità nemmeno la ripetuta sfortuna che colpisce il giovane William - il trentaduenne Aneurin Barnard che svolge il suo compito senza infamia né particolari lodi - nei vari tentativi di suicidio regolarmente falliti.

Alla fine è tutto il meccanismo narrativo che consente alla pellicola di giungere a una conclusione a suo modo inattesa, a dimostrazione che non serve essere necessariamente dotati di una bandiera a stelle e strisce, e di fiumi di denaro, per confezionare opere non di cassetta ma al tempo stesso efficaci.

Trailer

 
Se Son Rose... (dvd) PDF Stampa
Commedia
Scritto da Luca Orsatti   
sabato 16 marzo 2019

Titolo: Se Son Rose...
Titolo originale: Se Son Rose...
Caratteristiche del dvd in vendita dal 12 Febbraio 2019.

Film
Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!"?
se_son_rose_2_dvd.jpg È quello che accade a Leonardo Giustini, giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web. Sua figlia, stanca di vedere il padre campione di un'inarrestabile rincorsa al disimpegno, decide di mandare il fatale messaggino......
È da questa premessa che prende le mosse “Se son rose”, la tredicesima fatica di Leonardo Pieraccioni. Leonardo, giornalista cinquantenne divorziato, ha da tempo rinunciato all’amore, preferendo vivere rapporti “liberi” con donne più giovani.
Sarà la figlia 15enne Yolanda a fargli intraprendere un “viaggio nel tempo”, alla ricerca delle cause che quel vero amore lo hanno soffocato e fatto finire anzitempo. Autobiografico e vicino ai temi che da sempre ha affrontato, “Se son rose” può essere considerato l’atto finale della commedia romantica alla Pieraccioni.
Dopo aver declinato l’amore in tutte le sue forme ed essersi barcamenato tra donne bellissime e giovanissime, a cinquantanni il regista e attore toscano scopre che un solo amore dura davvero nel tempo: quello per un figlio. Se il protagonista Leonardo è un piacione, eterno Peter Pan, sono soprattuto le donne a brillare in questo film corale.
Se Caterina Murino e Antonia Truppo riescono a rendere riconoscibili le due ex, strappando più di una risata, Claudia Pandolfi è realistica e credibile nel ruolo di Fabiola, mamma di Yolanda, Michela Andreozzi è intensa in quello di Angelica, primo amore del protagonista, e Gabriella Pession è un’Elettra schizzata e divertentissima.
Insomma, dopo alcune pellicole non esattamente riuscite, “Se son rose”, seppure con qualche difettuccio nella trama e qualche stereotipo di troppo, è un film divertente, leggero e godibile. Perfetto per ogni situazione.

Video
Prodotto dalla Medusa Film e distribuito da Warner Home Video, "Se Son Rose" viene presentato nel formato cinematografico di 2,40:1 anamorfico. La confezione è una semplice Amaray, carina graficamente ma priva di Artwork interno. Il dvd gode di un quadro video di qualità e, grazie ad un Bitrate medio particolarmente generoso che si attesta oltre i 7,20 Mbps/sec, le immagini risultano sempre estremamente limpide, luminose e ricche di dettagli. Ottimi i colori dai toni caldi ma decisi. Anche le riprese in penombra non risultano mai impastate e riscono a regalarci un quadro video più che dignitoso che ci permette di cogliere molteplici sfumature. Perfetti gli incarnati resi sempre in modo naturale. Un ottimo dvd!

Audio
Comparto audio molto buono per il genere di film.Troviamo una traccia Dolby Digital 5.1. squillante, ricca di dettagli e adeguata al tipo di prodotto. Ottima la pulizia del suono che ci permette di godere di dialoghi cristallini per tutta la durata del film, non facendoci perdere nessuna battuta. Interessanti i discreti effetti di ambienza che si possono percipire nelle varie scene e buona la riproduzione della colonna sonora.

Extra
Comparto extra ottimo, troviamo oltre all'immancabile Trailer  e le Papere sul set (7,34) un interessante "Backstage" (13,17) dove il regista e il cast ci parlano del film e dei personaggi che lo compongono.

Trailer

 
Cruel Intentions - Prima regola non innamorarsi PDF Stampa
Drammatico1
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 11 marzo 2019

Titolo: Cruel Intentions - Prima regola non innamorarsi
Titolo originale: Cruel Intentions
USA 1999 Regia di: Roger Kumble Genere: Drammatico Durata: 95'
Interpreti: Ryan Philippe, Sarah Michelle Gellar, Rees Whiterspoon, Selma Blair, Louise Fletcher, Joshua Jackson, Eric Mabius
Suono: John Morris, Bob Newlan
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 27/08/1999
Voto: 6,5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Gradevole...
Scarica il Pressbook del film
Cruel Intentions - Prima regola non innamorarsi su Facebook

cruel_intentions_prima_regola_non_innamorarsi.jpgSebastian Valmont e la sua sorellastra Kathryn, sono due ricchi studenti dell’Upper East Side di Manatthan. Sebastian trascorre le sue giornate seducendo ragazze e annotando ogni sua conquista su un diario dal quale non si separa mai, mentre Kathryn si finge una ragazza molto religiosa che si occupa d’introdurre nell’esclusiva Manchester High School, Cecile, figlia di un’amica di famiglia. Sebastian nel frattempo è attratto dalla possibilità di sedurre Annette Hargrove, ragazza che desidera rimanere vergine fino al matrimonio.

Prendete una coppia di ricchi rampolli della borghesia di Manhattan, aggiungete una spruzzata del marchese De Sade e date a un giovane regista trentenne in rampa di lancio la possibilità di riscrivere Les Liaisons Dangereuses di De Laclos, già portato al cinema nel 1988 con la regia di Stephen Frears. Agitate e otterrete un prodotto a uso e consumo delle nuove generazioni con un possibile nuovo Leonardo Di Caprio - Ryan Philippe - che insidia ogni adolescente femmina della città di New York e una sorellastra con l’aspetto gelido di Sarah Michelle Gellar pronta a fingersi la più santa delle educande.

Molto efficace la sceneggiatura creata dall’allora esordiente Roger Kumble, che da lì rimase invischiato nel successo inatteso di questa suo primo lavoro, pluripremiato agli MTV awards dell’anno 2000 e capace di catturare l’attenzione per la letteratura riadattata in una veste contemporanea e unita al suono delle hit musicali del momento, pregevole la soundtrack curata da Freeman e Sheamur.
Un successo firmato da un intreccio molto ben orchestrato e con riprese capaci di fare impallidire il miglior Woody Allen, in grado di restituirci una ‘Big Apple’ come di rado la si era vista, anche se limitrofa solamente alle zone di Park Avenue e sempre senza muoversi di molto dagli Hamptons, in uno sfavillio di dollari e servitù, molto prima che Gossip Girl entrasse a fare parte del nostro immaginario.

Pellicola godibile - decisamente meno apprezzabili sia il prequel, diretto dallo stesso Kumble, che il sequel datato 2004 - e in grado di lanciare, o confermare, nuovi attori che avrebbero solcato i mari dei prodotti degli anni duemila, da Ryan Philippe, all’ ex moglie Reese Whiterspoon. Da Joshua Jackson, fino alla già citata Sarah Michelle Gellar per concludere con Selma Blair, nel ruolo della sprovveduta Cecile. Piacerà molto agli appassionati di teen - drama sullo sfondo di un liceo esclusivo.

Trailer

 
Spider - man: un nuovo universo PDF Stampa
Animazione
Scritto da Ciro Andreotti   
lunedì 11 marzo 2019

Titolo: Spider - man: un nuovo universo 
Titolo originale: Spider - Man: Into the Spider - Verse
USA 2018 Regia di: Bob Persichetti, Peter Ramsey, Rodney Rothman Genere: Animazione Durata: 118'
Interpreti (Voci): Hailee Steinfeld, Jake Johnson, Brian Tyree Henry, Shameik Moore, Liev Schreiber, Lily Tomlin, Mahershala Ali
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 24/12/2018
Voto: 6,5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Ringiovanito...
Scarica il Pressbook del film
Spider - man: un nuovo universo su Facebook

spider_man_un_nuovo_universo.jpgIl giovane Miles Morales, studente newyorkese che trova numerose difficoltà nell’ integrarsi nel suo nuovo liceo, è un fans di Spider - Man, figlio di un’infermiera e di un poliziotto e con un rapporto speciale con suo zio Aaron. Morso da un ragno, Miles s’impossessa di poteri molto simili a quelli del suo idolo e al tempo stesso diventa l’involontario testimone dello scontro fra Spider - Man e il multimiliardario criminale Wilson Fisk, meglio noto come Kingpin.

Le difficoltà dell’adolescenza possono generare numerosi mondi differenti e altrettante responsabilità, declinate a seconda di chi le deve osservare, perché alla fine, pur cambiando l’ordine degli addendi e aggiungendovi numerosi mondi paralleli, il risultato non cambia.
Il mondo di Spider - Man, anzi i mondi dei differenti Spider – Man, tornano sul grande schermo con nuove dosi d’ironia e voglia di ripartire ancora una volta e in tal caso sotto forma di un cartone capace di vincere la statuetta Oscar nella categoria lungometraggi animati, mantenendo alto l’interesse di numerosi fans attenti al destino della ‘casa delle meraviglie’, soprattutto adesso che Stan Lee è venuto meno.

Il giovane Miles, americano di seconda generazione e portoricano di origine, capace quindi di attirare l’attenzione di nuove minoranze, è il fresco vincitore di una borsa di studio per un prestigioso liceo di Brooklyn, nel quale, come spesso capita nel mondo Marvel, fatica a integrarsi. Spiazzato davanti al baratro dell’età adulta ad assisterlo nelle difficoltà quotidiane c’è suo zio Aaron, inviso al fratello poliziotto a causa di vecchie incomprensioni. A unire i due la comune passione per i graffiti.

Lungometraggio dotato di una solida dose di computer grafica unita a disegni creati manualmente e a una sceneggiatura molto accattivante, capace di racchiudere fra le sue pieghe anche la nostra nazione grazie al lavoro di Sara Pichelli, disegnatrice fra le migliori del mondo dei comics a stelle e strisce e che ha firmato viso e movenze del giovane Morales.
Film che piacerà molto agli amanti del ‘solito’ Uomo Ragno ma anche a chi vuole sentire il messaggio di giustizia, classico dei fumetti Marvel, declinato secondo una nuova modalità.

Trailer

 
Lethal Weapon (Seconda Stagione) (dvd) PDF Stampa
Azione
Scritto da Davide Sorghini   
mercoledì 06 marzo 2019

Titolo: Lethal Weapon (Seconda Stagione)
Titolo originale: Lethal Weapon (Season 2)
Caratteristiche del dvd in vendita dal 16 Gennaio 2019.

Film
La seconda stagione riparte proprio da dove avevamo lasciato i due protagonisti, con Riggs in Messico pronto adlethal_weapon_dvd.jpg affrontare i vertici di un cartello della droga e con Murtaugh che si trova in macchina deciso a raggiungerlo e a fermarlo prima che compia qualcosa da cui non potrà più tornare indietro.... Da qui, gli episodi si snodano in numerose vicende che mettono a repentaglio, spesso e volentieri, la vita dei due colleghi di avventure e dei propri cari, rivelando, di episodio in episodio, nuove verità sul conto del loro passato, in primis, i continui flashback sull’infanzia di Riggs col suo odiato padre Nathan, incarnato da Rex Linn. E ritroviamo anche figure secondarie care al serial, come la dottoressa Maureen Cahill di Jordana Brewster, il capitano Brooks Avery di Kevin Raham, la signora Murtaugh di Keesha Sharp e il medico legale Bernard Scorsese di Johnathan Fernandez; senza dimenticare la presenza guest di Thomas Lennon nei panni del truffaldino Leo Getz (ruolo che al cinema fu di Joe Pesci). Inoltre, questo secondo appuntamento con “Lethal weapon” – dietro la cui macchina produttiva vi è il nome di McG, regista hollywoodiano al quale dobbiamo film come il dittico “Charlie’s angels” e il quarto “Terminator” – include la partecipazione di attori noti del piccolo schermo come Adrian Pasdar, Swoosie Kurtz ed Ernie Hudson. I ventidue episodi di “ – La seconda stagione completa” sono racchiusi in quattro dischi riposti in unica custodia amaray inserita in slip case cartonato e dispensatori, ognuno, di scene eliminate come contenuti speciali (nove minuti nel primo, sette nel secondo, dodici nel terzo e tredici nel quarto). L'imprevedibilità di Riggs creerà non pochi problemi al distretto di polizia in cui si ritrova a collaborare al punto che nel corso della stagione di Lethal Weapon arriverà un nuovo personaggio, interpretato da Michelle Hurd, chiamata a riportare ordine nel distretto. Gina Santos, questo il nome del personaggio, è una vecchia collega di Murtaugh, con cui ha avuto una sorta di flirt in passato, che prenderà le redini della stazione dal capitano Avery (Kevin Rahm) costretto, momentaneamente, a farsi da parte. In fondo gestire il caos che ad ogni indagine Riggs crea in città con tanto di danni che la polizia è costretta a pagare, non è una questione proprio semplice da affrontare. La seconda stagione di Lethal Weapon arriva in Italia mentre negli Stati Uniti si deve ancora decidere il futuro della serie tv condizionato più dalle frizioni interne al cast che sono trapelate attraverso i media che dagli ascolti. Infatti, prodotta da Warner Bros e in onda su FOX, la serie tv grazie al suo mix di azione e divertimento che fece la fortuna anche della saga cinematografica, si è garantita un buon riscontro di pubblico con 8,7 milioni di spettatori di media non solo nella sua messa in onda tv ma anche grazie alle diverse piattaforme attraverso cui è reperibile negli Stati Uniti. ....

Video
Prodotto e distribuito da Warner Home Video la seconda stagione completa di "Lethal Weapon" viene distribuita solo in formato dvd e non in Blu Ray come per la prima stagione. La serie è presentata con un formato video di 1.78:1 anamorfico buono, caratterizzato da una qualità video convincente per il tipo di supporto. I 22 episodi sono divisi su quattro dischi in un cofanetto Lipcase classico con all'interno un'amaray con artwork interno minimale, dove sono impressi tutti gli episodi. A livello tecnico la qualità dell'immagine è sufficiente, con un quadro video abbastanza pulito e privo di particolari difetti anche se le scene con scarsa luminosità risultano poco definite e con un certo rumore video. Non si riscontrano particolari problemi, i contrasti sono buoni con un discreto bilanciamento dei bianchi. Comunque il giudizio globale risulta leggermente inferiore rispetto ad altre edizioni in dvd. Peccato!

Audio
Sono presenti due tracce audio: Dolby Digital 5.1 per Inglese e un semplice Dolby 2.0 per l'italiano. La traccia italiana ha una dinamica scarsa e risulta adatta ad un semplice ascolto televisivo. I dialoghi in linea generale sono sempre chiari e la colonna sonora è accettabile. Di tutt'altro piglio la traccia in Dolby Digital 5.1, particolarmente coinvolgente e ricca di effetti.

Extra
Comparto extra risicato, composto da una galleria di scene eliminate!

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 46 - 54 di 4633

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere