HOME arrow RECENSIONI: arrow Bates motel
Giovedì 13 Agosto 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
crawl_banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
jumanji2-728x140.png
Bates motel PDF Stampa E-mail
Scritto da Chicco D'Aquino   
domenica 15 dicembre 2019

Bates motel, Usa, 2013-17

bates_motel.jpeg Se oggi uno psicanalista, sopravvissuto all’olocoausto del freudianesimo, (abbasso il lettino viva la new old age, cioè le analisi a breve termine) probabilmente plaudirebbe a questa accurata ricostruzione della vita di Norman Bates prima e dopo Psyco.

A dispetto degli autori, Carlton Cuse e Kerry Herin che negando la paternità al gran guru del thriller Alfred Hitchcock dimostrano un'alterigia senza pari, Bates motel attinge  a piene mani dal capolavoro del 1960, ricostruendone scene e sceneggiatura, sforzo filmico quantitativamente  monumentale e qualitativamente elevato a dar lustro a un genere che spesso si autoavvita e si involve, lasciando i più attoniti del già visto e sperimentato. In questo caso siamo di fronte a un meccanismo narrativo complesso, prismatico, in cui i personaggi sono legati da vissuti in comune, incosapevolmente attori di una vicenda che dal complesso di Edipo trae linfa e nutrimento ma anche disperazione e dissoluzione. L’ambientazione è precisa quanto basta così come la recitazione dei protagonisti, e in primis quella di Bates, interpretata dal giovane talento Freddie Higmore, impeccabile e calato a pennello nella parte (o più propriamente nelle parti interiorizzate e scisse) del giovane schizofrenico di bell’aspetto, timido e impacciato, ma anche spavaldo e determinato nelle efferatezze.
Ma Norman non esisterebbe se non fosse legato alla madre, Norma senza enne, mamma-amante-moglie-sorella-amica, un’universo totalizzante e immobilizzante, che gioca qui il vero ruolo dominante.  Seduttiva ma severa, autoritaria ma amorevole, dura ma anche sentimentale Norma è la quintessenza del principio di contraddizione, la creatrice di un perenne doppio vincolo che àncora Norman alle catene dei suoi desiderata inespressi, luogo duale inesplorato e avvinghiato a sé che non tollera alterità e dissonanze di sorta. Un meccanismo perfetto che non prevede interferenze, un'io diviso che ha come dimora un inconscio tormentato e tremendamente autonomo.

I personaggi che si affastellano intorno alla coppia edipica non fanno altro che rinforzarne il legame, catene intrafamiliari che ben felici avrebbero reso i terapeuti della famiglia, di derivazione sistemica o della scuola di Palo Alto o ancora i mille cultori delle oramai marketizzate filosofie orientali.
Costruiti con attenzione, ognuno con specifiche caratteristiche funzionali al menage folle della diade Norma-Norman entrano a far parte della dinamica complessiva, ne colorano lo svolgimento, soggetti e oggetti di una storia autoreferenziale, autocentrata.Insomma, un gioco a somma zero.

La serie, articolata in cinque stagioni per cinquanta episodi, è stata trasmessa dal 2013 al 2017 dal canale statunitense A&E ha ottenuto, tra i numerosi riconoscimenti tre nomination ai premi Emmy, un premio e nove nomination ai Critics' Choice TV Award.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere