HOME arrow SERIE TV: arrow Black Mirror
Giovedì 28 Maggio 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
crawl_banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
luomo_invisibile_banner.jpg
Black Mirror PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
mercoledì 04 dicembre 2013

Black Mirror

Ideatore: Charlie Brooker
Sceneggiatore: Charlie Brooker e Jesse Armstrong
Musiche:
Nazione: Regno Unito
Anno: 2011 - 2013
Genere: Drammatico - Fantascienza
Durata: 6 episodi da 45’ circa
Sito Internet:
Cast: Rory Kinnear, Lydia Wilson, Rupert Everett, nick Hendrix, Amit Shah, Allen Leech
Uscita:  La serie è stata trasmessa in Italia su Sky Cinema 1 dal 10 ottobre 2012 e è visionabile su Rai 4 a partire dal 23 novembre 2013
Produzione: Endemol
Distribuzione: 
Voto: 8

In Inghilterra in un imprecisato presente, o in un futuro prossimo venturo, si snodano sei storie riguardanti l’uso dei social network, della tecnologia e di come i vari mezzi di comunicazione di ultima generazione o futuri possano variare la percezione collettiva della realtà.

black-mirror-serietv_leggero.pngCos’è il Black Mirror, ovvero ‘lo specchio nero’, nella fantasia del regista e ideatore delle due mini serie, Charlie Brooker, uno che la sa lunga di mezzi di comunicazione, avendo lavorato e lavorando in radio, in tv e on-line: “E’ quella superficie translucida e seducente che solo uno schermo di una tv, di un PC o di uno smartphone possono offrire”.

Black Mirror è quindi una versione contemporanea di “The Twilight Zone”, meglio conosciuto alle nostre latitudini come “Ai confini della realtà”, in un periodo, quello odierno, in cui non sono più la ‘semplice’ fantascienza, l’imprevisto e le invasioni aliene preannunciate a farle da padrone, ma bensì qualche cosa di più concreto e già oggi palpabilissimo.
In Black Mirror tutti e sei gli episodi risultano essere fra loro scollegati in termini di continuum narrativo, in una sorta di novità del genere,  ma al tempo stesso sono uniti da un minimo comun denominatore, l’impiego spasmodico che nel corso degli episodi si fa dei social network, della visione delle trasmissioni TV, dell’uso dei sondaggi politici capaci di spingere chiunque a compiere le azioni più strane e inconsulte solo per raggiungere un miglior consenso popolare.
Queste le chiavi di lettura di una fiction che a oggi vanta solo sei episodi, tutti costruiti, chi più chi meno, con una rara carica di efficacia. Sei critiche feroci alla nostra società o prossima ventura. Storie capaci di  toccare il mondo della politica, dei reality, dei futuri prossimi venturi, degni degli angoli più reconditi nell’immaginario di Orwell o Huxley, fino ad arrivare ai ricordi filtrati da tecnologie che oggi appaiono come fantascientifiche ma in fin dei conti non troppo irraggiungibili.

Due serie costruite sempre variando il cast degli interpreti, sempre cercando di colpire nel pieno dello stomaco lo spettatore, diventando forse una critica troppo feroce e per questo sin troppo ‘politically correct’ e parziale nei confronti di tutto quello che è tecnologico. Se avete apprezzato “The Twilight Zone” o simili non potete rinunciare a Black Mirror astenetevi se perditempo e smanettoni innamorati del vostro smartphone.

Ciro Andreotti

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere