Martedì 12 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Mindhunter PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
venerdì 17 novembre 2017

Mindhunter

mindhunter.jpgNel 1977 l’agente dell’FBI Holden Ford, il suo collega e studioso di scienze comportamentali Bill Tench e la psicologa Wendy Carr, crearono e catalogarono una serie d’interviste eseguite in carcere con gli assassini più spietati di tutti gli Stati Uniti. Lo scopo della ricerca era capire il comportamento di questi assassini e creare una serie di protocolli capaci di individuare nuovi pluriomicidi....

Già in precedenza il mondo dei serial killer era stato scrutato, preso in esame e restituito al piccolo schermo sotto forma di serie televisiva. A farne le spese è stata per ultima la family di Charles Manson nella serie Aquarius, con protagonista l’ex agente di X-Files David Duchovny in un serial non del tutto riuscito ma che ha saputo spalancare al pubblico le porte del mondo degli assassini seriali, o ‘sequenziali’, come inizialmente sono definiti dall’agente Holden Ford, realmente esistiti e non inventati. In tal caso la serie in parte girata da David Fincher, due gli episodi firmati dal regista di Seven e di Zodiac, e quindi avvezzo al mondo del male nelle sue forme più aberranti, è liberamente ispirata dal saggio omonimo scritto dal duo di agenti Olshaker e Douglas, coloro che per primi analizzarono il mondo degli assassini seriali per creare gli schemi di ‘profilazione’ del singolo omicida.

Trailer Italiano

Una fotografia accurata e cupa apre la strada a una sceneggiatura che pare quella di una pièce teatrale, giocata fra le celle dove sono reclusi gli assassini con i quali i due protagonisti devono inevitabilmente socializzare.
Una socializzazione che ovviamente non li può escludere, dovendo prima di tutto superare le naturali e reciproche diffidenze dettate dalla grande differenza di età e di carattere.

Il primo (Ford) è un uomo giovane, impersonato da uno dei protagonisti di Glee: Jonathan Groff, che lentamente si sta avvicinando al mondo delle scienze comportamentali e che progressivamente apprende sul campo quel che i serial killer sono pronti a svelargli, facendone tesoro e in seguito usandolo contro di loro.
Dall’altro lato Tench, portato in scena dal 53enne Holt McCallany, attore con una solida carriera fatta di cinema, teatro e TV; è un’agente sulla quarantina con poca pazienza e poca voglia di essere incline alla comprensione nei confronti di efferati assassini. In mezzo ai due si apre anche l’inevitabile diffidenza nella quale versa l’FBI, che ancora non sa a cosa stiano lavorando i due agenti. 

Una serie già rinnovata per una nuova stagione e che quindi sa giocare il proprio successo più sui sentimenti e la psicologia dei singoli personaggi: buoni, cattivi o ‘cattivissimi’ che siano, più che su una trama degna di un hard - boiled e alla quale è difficile sfuggire fin dalla prima puntata.

Titolo originale: id.
Ideatore: Joe Penhall
Regia: David Fincher, Andrew Douglas, Asif Kapadia, Tobias Lindholm
Soggetto:  basato sul romanzo ‘Mindhunter: La storia vera del primo cacciatore di serial killer americano’ scritto da Mark Olshaker e John E. Douglas. Edito in Italia da Longanesi
Musiche: Jason Hill
Fotografia: Erik Messerschmidt, Christopher Probst 
Scenografia: Steve Arnold
Nazione: USA
Anno:  2017 – in produzione
Genere: Drammatico, poliziesco
Durata: 10 episodi da 35’ - 60’ circa l’uno
Sito:  https://www.netflix.com/it/title/80114855
Cast: Johnathan Groff, Holt McCallany, Anna Torv, Hannah Gross, Cotter Smith
Uscita: tutti gli episodi sono usciti contemporaneamente, sulla piattaforma Netflix il 13 ottobre 2017.
Produzione: Denver and Delilah, Jen X Productions, Panic Pictures
Voto: 7,5

Ciro Andreotti

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere