HOME arrow Recensioni Novità arrow The Handmaid's Tale
Martedì 12 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
The Handmaid's Tale PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
venerdì 17 novembre 2017

The Handmaid's Tale

the_handmaids_tale.jpgIn quelli che un tempo erano gli Stati Uniti, e che oggi sono chiamati Gilead, una dittatura impone all’universo femminile la suddivisione in caste di cui ‘le ancelle’ rappresentano il gradino più basso. Le ancelle, fra le quali spicca la figura di Difred, sono le sole donne fertili e per questo sono relegate alle semplici attività riproduttive.

“Siamo solamente degli uteri con le gambe”

Una frase che da sola racchiude significato e trama di questo serial arrivato al termine della prima stagione, ma quasi immediatamente rinnovato per una seconda.
Una frase che però non può esaurire il mondo di Gilead e i pensieri di Elisabeth Moss - alias Difred – vincitrice dell’Emmy 2017 quale migliore attrice protagonista di una serie drammatica, che dopo Top of The Lake e Mad Men ha saputo aggiungere al suo curriculum un ruolo pieno di lacrime, molti pensieri ed espressioni corporee capaci di enfatizzare la disperazione di chi ha visto la propria figlia allontanata con la forza, che ha perso i contatti con un marito probabilmente giustiziato e che ha dovuto capire velocemente come stesse cambiando il mondo che la circonda.
Un mondo dove le caste possono rappresentare la tua sola via di salvezza e se sei una donna è meglio che tu sia fertile, anche se questo ti relega alla schiavitù sessuale.

Il ‘Racconto dell’Ancella’, questo l’omonimo titolo del romanzo femminista datato 1985 e scritto da Margaret Atwood, è riproposto nuovamente dopo il fallimentare tentativo cinematografico d’inizio anni ’90. Un tentativo che vedeva fra i protagonisti un cast stellare costituito da Robert Duvall, Faye Dunaway e Natasha Richardson, nel ruolo di Difred.

Trailer sottotitolato

In questo caso il progetto voluto da Bruce Miller offre un maggiore respiro a una narrazione che non poteva esaurirsi in una semplice pellicola; consentendo uno sguardo d’insieme sulla società di Gilead. Uno sguardo capace di gettare la luce su un mondo maschilista che è una metafora della nostra società, con pregiudizi costituiti sulla base di ruoli predeterminati e che seguono stereotipi religiosi in cui la funzione principale dell’universo femminile è la procreazione e l’uomo non può mai essere fonte di errore.

Una serie aiutata da un cast di primo livello, oltre a Elisabeth Moss da sottolineare il ruolo di Joseph Fiennes nella parte di un diplomatico non troppo amante della schiavitù femminile, e che vi piacerà se saprete apprezzare le realtà distopiche, se amate un’epoca contemporanea mascherata da tardo XVIII secolo, se saprete apprezzare le iperboli narrative e, esattamente come Difred, se saprete immergervi nei vostri pensieri ed elucubrazioni. Guardate quindi il triste di destino di Gilead e di certo non ve ne pentirete.

Titolo Originale: id.
Ideatore: Bruce Miller.
Soggetto: Basato sul romanzo omonimo di Margaret Atwood del 1985.
Musiche: Adam Taylor
Nazione: USA
Anno: 2017 - in corso
Genere: drammatico – distopico
Durata: 10 episodi da 47’ – 60’ circa l’uno
Sito Internet: https://www.hulu.com/the-handmaids-tale
Cast: Elisabeth Moss, Joeseph Fiennes, Yvonne Strahovsky, Alexis Bledel, Madeline Brewer, Ann Dowd, Samira Wiley, Max Minghella
Uscita: Negli USA il primo episodio è stato trasmesso in data 26 aprile 2017 sul canale on-demand HULU. In Italia tutti gli episodi sono usciti per la piattaforma TIM Vision, in data 26 settembre 2017.
Produzione: MGM Television, Gilead Productions
Distribuzione: HULU (USA) - TIM Vision (Italia)
Voto: 8,5

Ciro Andreotti

 
Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere