Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
7 Days PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 43
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
martedì 19 ottobre 2010

7 Days
Titolo originale: Les 7 jours du talion
Canada: 2010. Regia di: Daniel Grou Genere: Thriller Durata: 110'
Interpreti: Claude Legault, Rémy Girard, Martin Dubreuil, Fanny Mallette, Rose-Marie Coallier, Alexandre Goyette, Dominique Quesnel, Pascale Delhaes, Maxime Bessette
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Vendicativo
Scarica il Pressbook del film
7 Days su Facebook

Seven DaysBruno è un medico la cui figlia di otto anni viene violentata e uccisa. Dopo pochi giorni il detective incaricato dell'indagine gli fa sapere che il colpevole è stato identificato e che la sua condanna è certa. L'uomo si organizza allora per rapire l'assassino di sua figlia e mettere in pratica la sua vendetta.

Bruno è un medico, con una bella moglie e una deliziosa figlia di otto anni. Un giorno la ragazzina viene violentata e uccisa e da quel momento Bruno cessa di vivere. Il suo solo pensiero è la vendetta. Infatti appena il colpevole viene catturato Bruno si organizza meticolosamente per mettere a punto il suo piano. Rapirà l'assassino e lo torturerà per sette giorni, fino al compleanno della sua defunta figlioletta, dopo di che si costituirà alle autorità.

Di fronte all'ineluttabile, o peggio all'inspiegabile, Bruno sceglie la strada della vendetta. Spesso confusa con il gesto catartico capace di annullare il dolore e di restituire la pace a un uomo afflitto, la vendetta ha però il solo pregio di sollevare momentaneamente lo spirito. Niente di più. Finito il semplice gesto magico volto a negare la morte, o negarne l'effetto, si resta soli col proprio dolore, proprio quel dolore che si voleva così disperatamente eludere uccidendo chi ha ucciso. Bruno ha dapprima una comprensibile reazione di shock di fronte all'inaspettato, ma poi semplicemente rifiuta di accettare l'accaduto e si dedica a cancellarne le tracce sostituendosi all'assassino, nell'illusione che il gesto cancelli il passato e renda vivibile il presente. Il tutto è raccontato con uno stile asciutto, da cinegiornale, quasi a voler rimarcare la quotidianità di simili accadimenti, e nello stesso tempo la loro spendibilità mediatica. A pochi giorni dall'accaduto l'intero paese dà voce, tramite le telecamere del giornale della sera, al sostegno corale di una nazione nei confronti di un padre afflitto.

Poche le voci discordanti, e curiosamente provengono da un'altra vittima, madre di una delle poverette che hanno avuto la sfortuna di incrociare il cammino dell'assassino. Ma Bruno non tollera contrasti e decide di andare oltre, coinvolge la donna nelle sue attività distruggendone il faticoso equilibrio conquistato nei lunghi anni solitari dopo la morte della figlia.
E non è ancora tutto. Il killer si accorge presto che Bruno non prova il suo stesso piacere nell'infliggere il dolore e glielo fa notare. A questo punto la situazione degenera e lo spettatore, che pure riluttante aveva seguito la discesa negli inferi di un uomo qualunque, si trova di fronte a una scelta assai ardua. Il bivio è semplicemente quello tra la rassegnazione e la negazione. Tutto qua. Non c'è altro e lo spettatore lo scopre molto prima del protagonista, accecato dalla paura di esser in parte responsabile dell'accaduto. Come se si potesse mai davvero proteggere un figlio dalla realtà della vita.

La regia segue silenziosa e leggermente didascalica le discutibili scelte del protagonista, un potente Claude Legault, che senza troppa enfasi dà voce al dolore dell'umana impotenza. Mentre la fotografia tetra e senza nessuna patinatura sottolinea la triste atmosfera di perdita. L'intero cast sostiene il durissimo peso di una storia nera e senza speranza, mentre Daniel Grou lascia il suo protagonista esattamente a metà, tra la scelta di accettare il dolore o tentarne l'annullamento tramite lo stesso gesto che lo ha scatenato. Ma quello che lo spettatore intuisce da subito è che nulla di quello che Bruno farà gli potrà restituire la pace. Oltretutto l'intero cammino del protagonista è costellato di persone che questa cosa la sanno da tempo, a cominciare dal detective incaricato delle indagini che ha consegnato alla giustizia l'assassino della sua stessa moglie. Certo questo non gli ha evitato il dolore, ma lo ha almeno messo in contatto con l'unica cosa da fare di fronte alla perdita: accettarne il peso e continuare la propria vita.

Bruno però non sa bene come gestire il tutto e si perde un po' per strada. Esattamente come Daniel Grou che da un certo momento in poi sembra indeciso sulla strada da prendere. Non siamo di fronte a un vero e proprio revenge movie, e nemmeno a uno slasher. Però le considerazioni che avrebbero potuto trovare posto in una storia simile, quelle che sole possono motivare le scelte del protagonista, sono rimandate per la maggior parte all'intuito dello spettatore.
Il quale da solo capisce che la vendetta non è la strada e sempre da solo assiste impotente all'avanzare della consapevolezza nell'animo del protagonista. E mentre la nazione intera chiede sangue e vendetta lo spettatore, così come Bruno, si trova di fronte al fatto che spesso a nascondersi dietro l'opinione pubblica non sono i sentimenti più nobili.
E la fine della storia non sarà altro che l'ennesimo live show, con le telecamere puntate sul volto devastato di un uomo morto che ha operato la sua vendetta, ma che non ha per questo riacquistato la sua vita.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere