Mercoledì 20 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Accident PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
lunedì 30 novembre 2009

Accident
Titolo originale: Accident
Hong Kong: 2009 Regia di: Soi Cheang Pou-Soi Genere: Thriller Durata: 85'
Interpreti: Louis Koo, Richie Je, Feng Tsui-fan, Michelle Ye, Lam Suet
Sito web:
Nelle sale dal: Prossimamente in dvd
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Ambiguo

“Watch out, the world’s behind you
There’s always someone around you”
The Velvet Underground – Sunday Morning


AccidentHo Kwok-Fai, soprannominato Brain, è un killer che organizza incidenti simulati per sbarazzarsi delle vittime prescelte. Un giorno riceve da Wong l’incarico di eliminarne il padre ma, durante l’esecuzione del piano, uno dei suoi collaboratori rimane accidentalmente ucciso.
Brain si convince che qualcuno stia cercando di eliminarlo con le sue stesse armi e inizia a sorvegliare ossessivamente Fong, un agente assicurativo che ritiene implicato nel complotto.

Ritorno in grande stile di Soi Cheang dopo lo scivolone di “Shamo”, “Accident” è impeccabile ma soffre pesantemente della produzione targata Milkyway. L’amorevole abbraccio di Johnnie To, suadente e letale come quello del vampiro, toglie corpo e viscere alla regia incandescente di Soi Cheang. Il risultato è talmente esangue e raggelato che potrebbe essere firmato dai Pang più stylé: fotografia, montaggio e composizione delle inquadrature sono da camera criogenica.

La sceneggiatura del veterano Szeto Kam-yuen, che ha firmato decine di capolavori (da “Espect the Unexpected” a “Dog Bite Dog”), si riserva tutto l’”Unexpected” a disposizione, che invece latita nella regia. La fotografia di Fung Yuen-man si adegua agli standard Milkyway adottando una palette di toni freddi, e il montatore David Richardson (Exiled, Vengeance) completa l’opera. Dimenticate le esplosive sporcature di “Home Sweet Home” o “Dog Bite Dog”, stavolta la discesa di Brain nel delirio paranoico è astratta come un teorema, gelidamente coreografata ma fin troppo ineccepibile, al punto da non riservare nessuna sorpresa. Smussare gli angoli e le imperfezioni che facevano di Soi Cheang il più interessante regista hongkonghese della nuova generazione non sembra un’idea apprezzabile, anche se ha sortito il risultato di far includere il film tra quelli in concorso alla 66. Mostra del Cinema di Venezia.
A parte queste riserve, “Accident” resta comunque uno dei migliori thriller hongkonghesi dell’ultimo anno, superiore al recente “Overheard”, deludente ritorno di Alan Mak e Felix Chong, o al ridicolissimo “Murderer” di Roy Chow, e vanta un’ottima interpretazione di Louis Koo il quale, lavorando di sottrazione, rende benissimo la psicologia dell’ossessionato protagonista.

La deriva paranoica di Brain si innesca quando “Uncle” lascia cadere un mozzicone con tracce di saliva sul luogo del primo assassinio, quello di un boss della mafia cinese, e gli altri componenti del gruppo decidono di recuperarla tenendogli nascosto l’accaduto. Il protagonista inizia a diffidare di loro ben prima che “Fatty” venga investito da un autobus, facendo precipitare irreversibilmente la situazione. Inoltre attraverso la sorveglianza ossessiva di Fong, Brain esperimenta una vita vicaria, vissuta per procura, quella stessa vita che a lui è stata negata da quando la moglie rimase vittima di un incidente stradale.
Soi Cheang costruisce un esercizio in noir, quasi una partitura jazz, il cui tema portante è l’ambiguità.
La parzialità della visione travolge qualsiasi oggettività, e non sappiamo più se quello che vediamo è la realtà o un’interpretazione deviata della stessa. Tutti i segnali disseminati sul cammino di Brain sono suscettibili di una doppia lettura, il furto nel suo appartamento, le amnesie di “Uncle”, il comportamento di “Woman” e di Fong, e il regista è abilissimo nel mantenere questa duplicità, lasciando lo spettatore nell’incertezza fino all’amara conclusione.
Inutile almanaccare riferimenti alla paranoia post-Watergate di Coppola, “Accident” è hongkonghese fino al midollo, intriso delle angosce metropolitane tipiche del cinema dell’ex colonia britannica.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere