Venerdì 30 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Bug PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 16
ScarsoOttimo 
Scritto da Denis Zordan   
giovedì 24 luglio 2008

Bug
Titolo originale: Bug
USA: 2006. Regia di: William Friedkin Genere: Thriller Durata: 111'
Interpreti: Lynn Collins, Harry Connick jr., Ashley Judd, Brian F. O'Byrne, Michael Shannon
Sito web: www.bugthemovie.com
Nelle sale dal: In dvd - Inedito
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Denis Zordan

bug_leggero.jpegSe Bug sia davvero il film più intenso e disturbante che ha mai girato, come sostiene il regista, è difficile dirlo, soprattutto trattandosi di un grande come William Friedkin, che in oltre quarant’anni di eccezionale carriera ha messo in fila capolavori quali L’Esorcista, Cruising, il sottovalutato Assassino senza Colpa?, Vivere e Morire a Los Angeles. È invece un fatto che, a distanza di oltre due anni dalla presentazione nella Quinzaine des Réalisateurs cannense, il film è l’unico dell’autore a non aver trovato la via della distribuzione nel nostro paese (magari finirà prima o poi nel tritatutto dell’home video, che di recente ha accolto l’opera seconda di quel Richard Kelly che colpì molti all’esordio con il controverso cult movie Donnie Darko).

A dispetto della sua invisibilità, tuttavia, Bug offre numerosi motivi d’interesse allo spettatore. Agnes White (Ashley Judd) è una donna distrutta: smarrito il figlioletto dieci anni prima in circostanze misteriose e naufragato il matrimonio con un marito violento che ancora la perseguita ed è il probabile autore di telefonate silenziose ed insinuanti, Agnes sopravvive facendo la cameriera e tentando di vincere il terribile senso di colpa che prova. L’incontro con Peter Evans (Michael Shannon), un reduce della Guerra del Golfo ossessionato dalla paura di essere controllato dalle autorità militari e di essere letteralmente infestato da minuscoli insetti da laboratorio che ne abitano il sangue e mordono le carni, sarà devastante: l’uomo la coinvolge nella sua paranoia e, dopo una notte trascorsa in un motel, precipiteranno insieme nel baratro della follia.

Concepito come un dramma da camera e tratto da un testo teatrale sceneggiato dallo stesso autore Tracy Letts, Bug è apparentemente lineare, ingombrante nella sua tematica, prevedibile negli esiti drammaturgici. Ma, escludendo la semplice considerazione che il film appare comunque perfettamente inserito nella carriera del regista, attento indagatore delle paure americane più striscianti e sottili almeno dai tempi del pinteriano Festa di Compleanno (The Birthday Party, 1968), la visione di Bug è così urtante da mettere lo spettatore con le spalle al muro.

In primo luogo, l’oggetto del titolo: il bug (baco) che tormenta Peter e Agnes rimane invisibile, inafferrabile alla vista e si presenta solo come il simbolo di un’angoscia mai completamente sviscerata, se non nei deliri di Peter. Friedkin non concede nulla né allo sguardo voyeuristico né al senso estetico, bandisce il glamour - la splendida Ashley Judd ha lo stesso sex appeal di una serva disfatta e scarmigliata -, toglie ogni abito melodrammatico ai protagonisti e, anziché raccontare con partecipazione due vittime del disadattamento, lascia che, quasi fossimo in un film di Cronenberg, il décor li avvolga letteralmente colorando di cupe dominanti verdi e azzurre il progressivo disfacimento della mente e dei corpi (che come in un contagio psicosomatico si segnano sempre più di piaghe sanguinolente).
In tal modo, la regia si concentra sì su una storia d’amore, ma allucinata e ossessiva, gravata di ricatti emotivi ed esistenziali che comportano il progressivo ottundimento fino al sacrificio finale.
Nello sgradevole lirismo della relazione tra i due protagonisti, del resto adattato ai tempi, Bug pare raccontare una fase della civiltà (e dell’America, un paese ormai sprofondato dentro le sue nevrosi) che finisce per omologare e rendere inestricabili affetti e angosce.

Basti vedere, per analogia, il gelido clima di dissoluzione familiare di film quali Onora il Padre e la Madre di Lumet, o l’ultimo Woody Allen di Sogni e Delitti. Come questi, il film di Friedkin non offre alcuna catarsi né tenerezza o scappatoie di sorta, fa emergere il lato ridicolo tanto delle teorie complottistiche (ridotte ad un cumulo di vaneggiamenti del protagonista) quanto delle posizioni ortodosse e conservatrici, ma soprattutto mostra il limite oltre cui le più basilari relazioni umane rivelano la loro carica di energia distruttiva.
Spiace vedere che, nonostante l’entusiasmo di buona parte della critica americana, questo film non abbia trovato l’attenzione che meriterebbe.

Pur non essendo necessariamente tra i migliori del suo regista, Bug dice cose importanti sul presente, e le dice senza cincischiamenti.
Ottimo il dvd (zona 1) della Lionsgate, che comprende il commento audio di Friedkin, interviste al regista e al cast.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere