Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Buried - Sepolto PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 12 ottobre 2010

Buried - Sepolto
Titolo originale: Buried
Spagna: 2010. Regia di: Rodrigo Cortés Genere: Thriller Durata: 95'
Interpreti: Ryan Reynolds, Robert Paterson, José Luis García Pérez, Stephen Tobolowsky, Samantha Mathis, Warner Loughlin, Ivana Miño, Erik Palladino, Heath Centazzo, Joe Guarneri, Anne Lockhart, Kali Rocha, Chris William Martin, Cade Dundish, Mary Songbird, Kirk Baily, Robert Clotworthy, Michalla Petersen, Juan Hidalgo, Abdelilah Ben Massou, Tess Harper
Sito web ufficiale: www.experienceburied.com
Sito web italiano: 
Nelle sale dal: 15/10/2010
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Geniale
Scarica il Pressbook del film
Buried - Sepolto su Facebook

BuriedDopo il suo esordio alla regia con il film “The Contestant” (Concursante, 2007), che ha ottenuto diversi riconoscimenti e l’apprezzamento del pubblico, Rodrigo Cortés ha realizzato un film ad alta tensione degno del maestro della suspense Alfred Hichcock, dal lavoro del quale il regista ha imparato molto. Cortés è fermamente convinto che una storia per essere grande non ha necessariamente bisogno di grandi ambientazioni o di numerosi personaggi.
Ciò che conta è la storia e come viene raccontata, attraverso una serie di inquadrature e il ritmo che queste scandiscano insieme al personaggio. Il fine primario è quello di catturare l’attenzione dello spettatore e mantenerlo concentrato su ciò che sta guardando fino alla fine.
“Buried” è dotato di una cassa di legno, un personaggio e alcuni espedienti tecnici che hanno reso possibile l’impossibile.

Paul Conroy si ritrova rinchiuso in una cassa di legno deposta sottoterra con un cellulare, un accendino e una matita. Nei primi minuti lo sconcerto e il disorientamento, nel non capire dove si trovi, prendono il sopravvento. Cerca di spingere le pareti della cassa con tutta la forza della disperazione, senza riuscirci. Lo squillo del cellulare attira la sua attenzione, sarà questo l’inizio di un viaggio lungo 90 minuti per riuscire a farsi aiutare dall’esterno.
“Buried” è stato presentato al Sundance Film Festival, tenendo la platea col fiato sospeso. Rodrigo Cortés è riuscito in pieno nel suo scopo primario, il film tiene inchiodato lo spettatore alla sedia facendogli provare fisicamente ciò che accade sullo schermo. Cortés, infatti, considera “Buried” una pellicola molto fisica, quasi tattile, “che deve essere sentita con ogni muscolo del proprio corpo”. Cortés riesce a ottenere tutto ciò con delle scelte stilistiche ben precise. Per 90 minuti la macchina da presa rimane sottoterra, nessuno spiraglio di luce, solo delle voci al cellulare.
Questo perché lo spettatore deve vivere appieno tutte le emozioni e i sentimenti che Paul prova, ed anche le sue condizioni fisiche. La macchina da presa sta sul viso di Paul, sulla pelle, sulle gocce di sudore che gli rigano la guancia, sul sangue misto al terriccio sul collo.

Lo spettatore percepisce concretamente in che condizioni si trovi il suo fisico, un corpo che ha una minima libertà di movimento, e ogni gesto risulta molto gravoso per l’uomo. L’unica realtà che il nostro eroe conosce è un buco nero che lo sta lentamente risucchiando e si aggrappa con la forza della disperazione all’unica connessione col mondo esterno, che gli dimostra quanto siano labili i rapporti umani.
Rodrigo Cortés ha voluto delineare la mediocrità umana e la noncuranza della burocrazia, che ha la capacità di uccidere, metaforicamente, un individuo lentamente. Nei momenti in cui Paul dialoga al cellulare con i vari interlocutori esce fuori uno humour, che stempera la tensione, ma fotografa la realtà in un modo straordinario. Il protagonista viene messo in attesa più volte e rimpallato da un interlocutore all’altro, dovendo non solo raccontare tutto da capo, ma anche sentirsi ammonito se alza la voce o risponde con un tono non consono. Il regista mostra la posizione umana dei vari personaggi che si susseguono al cellulare, uno più di tutti crea lo sdegno nello spettatore, per la meschinità, la freddezza e il totale menefreghismo, non solo individuale ma del sistema.

Cortés riesce eccellentemente a fare tutto ciò in uno spazio limitato, arrivando a costruire un mondo. Ha iniziato dal non pensare alla cassa, per non pensare a una limitazione. L’ha trattata come una qualsiasi altra location. Ha fatto costruire sette casse diverse, che soddisfacessero le necessità differenti, in modo tale da consentire tutti i movimenti di macchina che aveva in mente. Una volta messo a punto gli aspetti tecnici, ha puntato sulle emozioni e ha scrutato nei sentimenti umani, facendo emergere “tutto il catalogo di emozioni umane” (Cortés).
È riuscito a portare un universo intero in una cassa di legno. All’inizio lo spettatore non sa nulla di Paul, questi è solo un uomo sepolto in un buco nero, alla fine dei 90 minuti sa praticamente tutto di lui. Sono delineati il panico, l’angoscia, la rabbia, la frustrazione, la speranza, l’accettazione e molto altro.
La sensazione di claustrofobia dura solo i primissimi minuti, in cui si sente il fiato corto e ansioso di qualcuno che non si vede ancora. Poi le pareti esplodono “non importa più dove sei, ma dove stai andando”(Cortés).

“Buried” è un thriller dominato dalla suspense e dall’azione, dimostrando che la si può ottenere anche in uno spazio esiguo.
È diviso in tre atti, ognuno dei quali finisce con un movimento di macchina, che lascia la situazione in sospeso per alcuni secondi. Questa scelta è visivamente potente e mette colui che guarda nella condizione di avvertire un distacco minimo, che allenta momentaneamente la concitazione a cui è andato incontro fino a quel momento.
Ryan Reynolds è straordinariamente bravo, con piccoli gesti riesce a dare un ventaglio di emozioni vario, facendoli convergere al momento giusto, dimostrando di avere un perfetto senso dei tempi drammatici.
“Buried” è un film magistralmente diretto sotto tutti i punti di vista. È un capolavoro, non si può dire altro.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere