Venerdì 30 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Cani di paglia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 54
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 12 dicembre 2011

Cani di paglia
Titolo originale: Straw Dogs
USA: 2011. Regia di: Rod Lurie Genere: Thriller Durata: 111'
Interpreti: Laz Alonso, Alexander Skarsgård, James Marsden, Kate Bosworth, Willa Holland, James Woods, Dominic Purcell, Walton Goggins, Anson Mount, Rhys Coiro, Billy Lush, Drew Powell, Rick LaCour, Megan Adelle, Kelly Holleman, Kip Cummings, Tim J. Smith
Sito web ufficiale: www.strawdogsmovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Infiammabile
Scarica il Pressbook del film
Cani di paglia su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

canidipaglia_leggero.pngDiscriminante importante quella della significato della violenza,nel cinema di ogni tempo.
La brutalità nei film può portare con sè il senso di una tematica sviluppata in un'analisi concreta di contenuti,come pure l'accezione di una gratuità solo visiva e privata di ogni peso qualitativo o valore simbolico.
L'abuso della dignità umana ha molte facce e molti nomi nel calendario di un cinema sempre più teso a sondare le pieghe di qualsiasi società e sempre meno incline a ossequiare i tabù imposti dall'epoca che lo accoglie. "Funny Games","L'ultima casa a sinistra","The Bleeding House",e via dicendo,sono le viscere dello stupro dell'intimità,dove la profanazione degli affetti e delle mura di casa è l'abbassamento della condizione umana allo stadio animale.
Dove la prevaricazione si dilata a lambire i territori meno esplorati della psicologia,affrontando gli studi sugli equilibri malati fra oltraggio e vendetta,il cinema allunga lo sguardo su uno scenario più ampio,che può e deve raccogliere le realtà che fanno a sfondo al racconto.
Se regista e sceneggiatore non riuscissero a focalizzare il palcoscenico sociale della storia,il rischio di frattura fra ambientazione storica e significato sarebbe inevitabile.

"Cane di paglia" di Peckinpah (1971),fu il luogo dei peccati di una Nazione affondata in Vietnam e testimone dei nuovi fermenti di una società al risveglio dalle illusioni infrante del decennio precedente e dei movimenti alternativi meno utopistici e più politici,dei quali la corrente femminista concretizzava l'idealismo più esasperato e carnale. Dustin Hoffman perpetrava la sua vendetta sullo sfondo agitato delle nuove sensazioni e nuovi timori di una Nazione inquieta e scossa dagli avvenimenti che avrebbero segnato un'era.
Al lavoro del regista Rod Lurie,"Straw Dogs",va riconosciuto un respiro ed un'anima propria,declinando ogni invito alla sua lettura come rifacimento dell' originale di Peckinpah.

David Sumner (James Marsden) e sua moglie Amy (Kate Bosworth) sono diretti a Blackwater,Mississippi,per trasferirsi nella casa dove Amy è cresciuta. David è uno sceneggiatore e cerca nell'isolamento della provincia la pace per poter portare a termine uno script sulla Stalingrado del 1943. Amy è una attrice e questo ritorno alla vecchia casa la fa sentire isolata e annoiata. Non passa molto tempo dl loro arrivo in paese,che la coppia incontra Charlie (Alexander Skarsgard),vecchia fiamma di Amy,di cui si intuiscono subito le intenzioni.
David lo assume,con la sua squadra,per riparare il tetto della casa,ma alle incessanti provocazioni del gruppo,seguiranno le minacce e le intimidazioni che porteranno David ad un punto di non ritorno,dove la tragedia si consumerà nell'annullamento di vite sprecate. Pur rimanendo fedele nella trama,il film di Lurie va inserito in differenti contesti storici,dai quali trae i contenuti fedeli alla sua epoca. Se Peckinpah poneva l'accento sull'isolamento di David e Amy nella campagna inglese,Lurie grava pesantemente sugli stereotipi della provincia sudista americana,aperta nelle sue realtà più aspre e controverse. Viene fotografata una comunità immersa nella sottocultura che vibra della diffidenza e del sospetto,respira dell'isolamento e si allarga al rifiuto delle leggi e dei regolamenti della convivenza e dell'accettazione.
Lurie illustra uno scontro di modelli culturali e su questo conflitto imbastisce il senso di tensione che innerva il contrasto fra la tolleranza di David,l'ambigua prudenza di Amy e l'ostilità grossolana di una comunità disfunzionale ed avversa,in cui il regista lucida le ombre di una realtà razzista mai sepolta nella terra della provincia americana sudista,dilaniata dalla prevaricazione di colore e origine,appuntando sulla divisa dello sceriffo afroamericano (Laz Alonso) i meriti di veterano della guerra in Iraq.

Mentre il film di Peckinpah è dominato dalla figura di Hoffman,su cui il regista fissa l'obiettivo per fargli narrare lo stravolgimento interiore del protagonista e il suo dilaniante sconcerto per una nuova identità rivelata,il racconto di Lurie si apre ad uno spaccato sociale invaso dal senso di una violenza più universale e dilagante su ogni piano dell'opera,come il grido di un coro di umanità ammalata. Più che sulle pulsioni intime di un uomo represso e seviziato,l'accento è posto sulla percezione visiva della bestialità e della ferocia tradotte in ogni linguaggio espressivo.
Così,nella sequenza della caccia,il cervo che muore è la caduta dell'innocenza violata e la carezza di David sul manto dell'animale ucciso è il tocco sporco di mani ignobili sul corpo violato di Amy.
Lo scomodo erotismo raccontato nel film di Peckinpah,in "Straw Dogs" invade la scena con i tratti del cinema di questa epoca. L'ambiguità intrigante che pervade le sequenze erotiche di Peckinpah,qui si fa aperta aggressione ai sensi e l'altalena fra le scene di stupro e di caccia è il dialogo morboso fra dignità lacerata e sacrilegio della vita.

L'pilogo è segnato dai rumori sordi e ossessivi di lunghe sequenze fortemente tormentate dagli spettri dell'odio e della violenza,montate su un ritmo frenetico scandito dai battiti della ferocia oleosa che imbratta protagonista e audience,chiamati al crudele tribunale di una vendetta impietosa.
Nè in "Cane di paglia" nè in "Straw Dogs" Amy confessa la violenza subita,ma in entrambe le versioni le sue mani sono alzate a difesa dei diritti alla santità della vita privata e a una dovuta giustizia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere