Mercoledì 17 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Cappuccetto Rosso Sangue PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 59
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
mercoledì 30 marzo 2011

Cappuccetto Rosso Sangue
Titolo originale: Red Riding Hood
USA: 2011. Regia di: Catherine Hardwicke Genere: Thriller Durata: 99'
Interpreti: Amanda Seyfried, Gary Oldman, Billy Burke, Shiloh Fernandez, Max Irons, Virginia Madsen, Lukas Haas, Julie Christie, Michael Shanks, Michael Hogan, Matt Ward, Lauro Chartrand, Cole Heppell, Kacey Rohl, Carmen Lavigne, Dalila Bela, Alexandria Maillot, Joel Graves, Jordan Becker, Jana Berengel, Megan Charpentier, Bella King, Paul Wu, Dj Greenburg, Christine Willes, Cainan Wiebe, Darren Shahlavi, Adrian Holmes, Jen Halley
Sito web ufficiale: www.redridinghood.warnerbros.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 22/04/2011
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Finto
Scarica il Pressbook del film
Cappuccetto Rosso Sangue su Facebook

Cappuccetto Rosso SangueSenza la saga di “Twilight”,l’industria dello spettacolo sarebbe stato privato di una sostanziale porzione di nutrimento per quella fascia di audience di spinta che oggi regge il cinema di largo consumo in un matrimonio celebrato  fra indigenza creativa e utilizzo a perdere.

La regista del primo episodio della serie,Catherine Hardwicke e la sceneggiatrice Melissa Rosenberg hanno centrato il bersaglio soddisfacendo i palati più facili con un prodotto messo sui banconi del mercato più giusto,azzeccando tempi e luoghi e soprattutto psicologia di massa.
In una evidente contraddizione in termini,si assiste allo spettacolo di un cinema che si bea di una scalcagnata marcia di retrocessione qualitativa a beneficio dell’interessenza monetaria che le va dietro in misura inversamente proporzionale al guizzo creativo e allo spessore di temi dall’identità sempre più in crisi. Quindi dove il ricorso ai comic books esondano da un bacino d’utenza affollato alla paranoia e fatalmente in via di esaurimento,l’immaginazione barcolla incerta alla ricerca di nuove sorgenti da dove attingere l’acqua per dare vita ai sogni. E’ così che forse le fiabe nate da una tradizione antica quanto l’immaginario popolare entrano nelle sale dei cinema alla ricerca del proprio pubblico.

La Hardwicke dirige una sceneggiatura di David Johnson e dà la forma a “Cappuccetto rosso sangue” (sia reso omaggio ai titolatori che traducono così l’originale “Red Riding Hood”),fantasy – prodotto da Di Caprio – che sintetizza con grande serietà tutti gli elementi di “Twilight”,”L’uomo lupo”,”La storia infinita”,qualsiasi franchise sessuale dell’età adolescenziale e naturalmente la favola originale,qui chiamata a rappresentanza del solo titolo della pellicola.
Versione a sé stante della storia originale,”Cappuccetto” soffre dei sintomi di una stanca artificiosità e della totale assenza di senso artistico,limitandosi al gonfiore di un respiro ambizioso fitto di simbolismi vuoti e inespressivi.

Nella geografia non precisata di un’Europa del XV secolo,in un villaggio fra i boschi,la giovane Valerie (Amanda Seyfried) ama da sempre il suo Peter (Shiloh Fernandez),con il quale è cresciuta ma che non potrà sposare perché promessa a Henry (Max Irons),figlio del potente Adrian Lazar (Michael Shanks).
Il villaggio vive nel terrore di un lupo mannaro cui la popolazione offre un sacrificio mensile per risparmiare le persone,ma una sera la sorella di Valerie viene trovata morta.
Gli abitanti del villaggio,dopo una deludente caccia al mostro,decidono di chiamare Padre Solomon (Gary Oldman),famoso cacciatore di lupi mannari,che sa perfettamente che gli animali,nelle fasi lunari che si alternano alla luna piena,si ritrasformano in esseri umani e che quindi il mostro è uno degli abitanti del paese.

Valerie,dal canto suo,scopre di poter comprendere le parole del lupo,dal quale viene inseguita fino alla terra consacrata della Chiesa e nutre forti sospetti sia su Henry che su Peter.
L’idea di adattare una storia per bambini ad una fiaba oscura esaurisce i suoi buoni propositi in una farneticante debacle narrativa di esile consistenza e delirante ampollosità.
Segnata qua e là da malinconiche occhiate alla storia originale,solo pretestuali per portare la pellicola ai titoli di coda,il film si dipana in una squallida apologia ai temi adolescenziali dell’erotismo giovanile,all’horror di bocca buona e nella faciloneria di un fantasy provvisorio senza agganci al gusto dei contenuti popolari.
La fotografia è accorta ma di ingenua scontatezza,l’ambientazione,nel connubio fra bosco e villaggio letti nei rispettivi significati di pericolo e sicurezza,è prevedibile e banale,l’atmosfera,dipinta nei colori saturi di un evo da operetta,è artificiosa e pilotata da una narrazione intubata in un respiro macchinoso ed indotto.

“Cappuccetto rosso sangue” è un film che manca di genuinità e patisce di un senso di autocompiacimento artefatto e barocco restando vittima di un’ampollosità che toglie il fiato al sogno e al pathos di una fiaba antica di cui qui resta ben poco di sincero.
Oldman offre forse la più imbarazzante performance della sua carriera,in una grottesca recitazione da retorica teatrale d’altri tempi.
Il triangolo amoroso non supera gli argini di un’ordinaria condizione pruriginosa postpuberale e l’apporto degli FX tocca il fondo nelle sfacciate apparizioni di un lupo rubato alla “Storia Infinita” di trent’anni fa.
Allora “Cappuccetto” non è più fiaba ma veicolo per un indotto commerciale da mercato per adolescenti,privo della leggerezza e del mistero necessari per spiccare il volo verso il sogno e raggiungere la magia dell’immaginazione popolare.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere