HOME arrow Fantascienza arrow Davanti agli occhi
Venerdì 2 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Davanti agli occhi PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 19
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
giovedì 13 novembre 2008

Davanti agli occhi
Titolo originale: The Life Before Her Eyes
USA: 2008. Regia di: Vadim Perelman Genere: Thriller Durata: 90'
Interpreti: Uma Thurman, Evan Rachel Wood, Eva Amurri, Emily Rose Branigan, Gabrielle Brennan, Brett Cullen, Oscar Isaac, Jack Gilpin, Molly Price, Isabel Keating, Jessica Carlson, Adam Chanler-Berat, Peter Conboy, Aldous Davidson
Sito web: www.lifebeforehereyes.com
Nelle sale dal: 02/01/2009
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Confuso

davanti agli occhiBriar Hill,Connecticut. Diana,(Evan Rachel Wood) e Maureen,(Eva Amurri),frequentano lo stesso liceo e condividono,con la tipica spensieratezza adolescenziale,le esperienze che quell'età sa regalare.
La differenza caratteriale che le contraddistingue,cementa la loro amicizia e completa la loro unione goliardica:Esplosiva e disinibita Diana,più contenuta e timidamente prudente Maureen.
Ma la gioia che scandisce le loro movimentate giornate,trova la fine,quando,un giorno,nei bagni della scuola fa irruzione Michael,compagnio di classe delle ragazze,armato di mitra e lasciandosi alle spalle un massacro di professori e studenti,in un bagno di sangue.
Ora la minaccia è rivolta a loro con agghiacciante freddezza a chi dovrà sparare? Non le ucciderà entrambe,ma Michael chiede loro chi delle due sarà la vittima.
Quindici anni dopo,incontriamo Diana (Uma Thurman) e la sua famiglia:il marito Paul (Brett Cullen),docente di arte e la figlia Emma,nel difficile momento del passaggio tra infanzia ed adolesenza ed in crescita con riassunte in sè le caratteristiche ribelli ed insofferenti della madre.
Ma la famiglia,in apparenza felice,nasconde il tarlo di un dramma.
Diana deve affrontare quotidianamente i fantasmi di una realtà mai dimenticata,ma che,lasciatasi alle spalle per un vivere ordinario,le si rivolta costantemente addosso,divorandola e non concedendo nessuna pace.
In un procedere ansioso di immagini disallineate nel tempo,il film sviluppa l'angoscia e la tragedia che matura nell'animo di Diana e si allarga a inviluppare il complesso delle vite che le fanno da contorno.
Non esiste filo continuo,nella narrazione,che è posta processionalmente su differenti piani discontinui fra loro,in processanti flashback,correlati con l'oggi da situazioni,episodi,concetti o parole.
Su precisa intenzione del regista,viene osservata la volontà di Perelman di rispettare i tratti cardine del romanzo di Laura Kasischke,cui il film si ispira.

Richiami ed incessanti visioni alternano situazioni di realtà a dimensioni oniriche che oscillano senza freno temporale fra passato e presente,immaginazione e supposta verità.
Il promettente inizio,che traccia un racconto dal passo lento ma sostenuto e vigoroso,sorretto da una regia di buon nerbo,seppur parca nel regalare emozioni,scivola ben presto in un ridondante infittirsi di immagini articolate fra loro da un labile concetto di connessione temporale e banalmente agganciate l'una all'altra da sogni o illusioni,sicchè lo spettatore tende a perdersi a sua volta o a rinunciare al proprio interesse.
Temi,concetti,parole,perfino musiche,(si noti il motivo ricorrente di "She's not there",tra l'altro presente in anche in "Kill Bill",di Tarantino),si citano,ritornano e ricorrono nei 90 minuti di pellicola,riproponendosi e facendo capolino qua e là,a buon uso dell' acuta attenzione dell'osservatore.
Galleggia nell'animo della protagonista un dramma aggrappato nei suoi intimi recessi,che la divora e che insiste sulla riflessione dell'esaltazione della coscienza,concetto evitato accuratamente all'inizio del film,da Diana,durante un colloquio con la figlia ma riemerso instancabilmente più volte nella seconda parte della pellicola.

Impossibile cercare e trovare continuità nel racconto,come pure risulta arduo identificare la stessa persona seppur cresciuta e maturata,nelle due ottimi attrici,con buona pace delle ricerche del regista.
Uma Thurman è brava e bella,languidamente rapita dal suo personaggio,pur non credendoci molto.
E questo a suo maggior merito.
Evan Rachel Wood ("Across the Universe",nomination al Golden Globe per "Thirteen","Correndo con le forbici in mano"),si propone al meglio nelle vesti di liceale irrequieta,ma perde il confronto con Eva Amurri,più spontanea e sincera,nella consapevolezza della sua comprimarietà.
Perelman guida con una regia dal respiro lento ma ampio ed,inizialmente forte,che però perde pulsione con il procedere della narrazione.
Gli eventi giocano fra loro,rimbalzandosi come eco di voci in una stretta vallata,saltando instancabilmente su più piani non complanari e costruendo un'iperbole che inizia con l'incipit e viene ripresa nelle immagini in chiusura,a formare un racconto cui lo spettatore troverà modo indovinare la chiave d'interpretazione ed una risposta appagante.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere