HOME arrow Fantascienza arrow Duplicity
Venerdì 2 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Duplicity PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 16 aprile 2009

Duplicity
Titolo originale: Duplicity
USA: 2009 Regia di: Tony Gilroy Genere: Thriller Durata: 129'
Interpreti: Julia Roberts, Clive Owen, Paul Giamatti, Tom Wilkinson, Carrie Preston, Wayne Duvall, Christopher Denham, Cassidy Gard, Tom Stratford, Brandon Slagle
Sito web: www.duplicitymovie.net
Nelle sale dal: 10/04/2009
Voto: 6,5
Trailer
Scarica ora Duplicity con eMule Official - per velocizzare il download usa Speed Downloading!
Recensione di: Francesca Caruso

duplicity_leggero.jpegDopo Michael Clayton, il regista Tony Gilroy riprende nuovamente le fila intricate degli inganni, delle truffe e delle trappole. Questa volta a farsi la guerra sono due capi d’industria rivali, o per meglio dire le loro spie. Ray Koval è un ex agente segreto britannico, Claire Stenwick è un ex agente della Cia.
Entrambi si mettono al servizio delle due grandi industrie facendo il doppio gioco, per scoprire la formula segreta a cui una delle due sta lavorando, appropriarsene e poi rivenderla al migliore offerente. Tra i due nasce un’intesa affettiva, eppure non si fidano completamente l’uno dell’altra. In questa corsa sfrenata nell’ingannare l’altro sarà chi meno se l’aspetta a rimanere gabbato.
Il film procede lento fin dai titoli di testa, in cui il regista sceglie di utilizzare il ralenti per imprimere l’elemento comico della storia che prende l’avvio con la scena in cui i due capi litigano su una pista d’atterraggio sotto la pioggia battente. La comicità che si voleva conferire al film non attecchisce, gli unici momenti in cui scappa un sorriso si riscontra nel modo di rapprocciarsi e nei dialoghi tra Ray e Claire. L’immobilità del racconto, nel quale lo sviluppo e il procedere degli eventi risultano impercettibili, rendono il film lontano dal coinvolgere lo spettatore e intrattenerlo veramente. Il difetto più visibile è quello di cercare di sostenere l’interesse dello spettatore sulla disputa di due corporazioni operative che di fatto sono immobili, ciò che si dovrebbe fare, ovvero operare, agire, viene meno. Manca lo sviluppo decisivo, l’azione.
Quel po’ di ritmo presente è dato dalle schermaglie amorose dei due protagonisti, che purtroppo risultano essere delle gag staccate dal resto del racconto.
Tony Gilroy,nonostante ciò, mette dei punti a segno in più di un occasione.
Lo spettatore viene posto sin dall’inizio di fronte al doppio, avendo davanti agli occhi lo schermo diviso idealmente a metà, dove sono inquadrati due aerei, due gruppi distinti di individui e i due capi che litigano sulla linea di demarcazione delle due sezioni, ogni cosa è speculare all’altra, persino i movimenti della lotta tra i due, che sembra originare una coreografia di danza. Questi elementi introducono alla duplicità dei comportamenti e degli individui durante tutto il racconto. Nessuno è quello che dice di essere e tutti nascondono il personale fine ultimo.
In effetti ciò su cui il regista voleva porre l’accento erano due amanti totalmente incapaci di essere sinceri l’uno con l’altro, riguardo il proprio lavoro di spie, ma soprattutto sui loro sentimenti.
Entrambi riescono ad essere concentrati sulla loro missione e allo stesso tempo iniziare a prendersi un po’ di libertà nell’innamorarsi.
Attraverso la scelta delle diverse ambientazioni degli uffici delle società concorrenti Gilroy è riuscito a trasmettere le personalità degli imprenditori, il sicuro di sé e apparentemente integerrimo Howard Tully e l’infido e megalomane Dick Garsik. La Burkett & Randle è un luogo pulito, nitido, luminoso in netto contrasto con il senso di clandestinità, oscurità e segretezza dell’agenzia di controspionaggio, al servizio della Omnikrom.
Le trasparenze presenti, grazie alle innumerevoli vetrate, fanno passare l’idea che non ci sia niente da nascondere. Il regista vuole che lo spettatore segua le scoperte che fanno i personaggi ignari di ciò che li attende, lasciandoli nella medesima situazione, depistandoli entrambi fino alla fine.
Gli incontri amorosi tra i due protagonisti avvengono ogni volta in città differenti e bellissime, Dubai, Roma, Londra, Miami e Zurigo. L’intento è quello di stemperare gli animi e la caccia continua, unico neo è che questi inserti sono slegati dal resto del corpo filmico.

Duplicity è un film che avrebbe potuto avere una resa migliore se gli elementi messi in gioco fossero stati compenetrati diversamente, possiede comunque degli aspetti piacevoli.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere