Domenica 26 Giugno 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Headhunters - Cacciatori di teste PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 23
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
martedì 02 aprile 2013

Titolo: Headhunters - Cacciatori di teste
Titolo originale: Headhunters
Norvegia, Danimarca, Germania: 2011. Regia di: Morten Tyldum Genere: Thriller Durata: 101'
Interpreti: Aksel Hennie, Nikolaj Coster-Waldau, Synnøve Macody Lund, Eivind Sander, Julie R. Ølgaard, Kyrre Haugen Sydness, Reidar Sørensen, Nils Jørgen Kaalstad, Joachim Rafaelsen
Sito web ufficiale: www.magpictures.com/headhunters
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Prossimamente
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Magnetico
Headhunters - Cacciatori di teste su Facebook

headhunters_leggero.pngRicorda un po' le aperture del cinema dei rovesci finanziari visti da Hollywood,un po' "Wall Street",un po' "The Company Men",un po' "Margin Call",l'inizio di questo "Headhunters",film norvegese diretto da Morten Tyldum e ispirato all'omonimo bestseller dello scrittore Jo Nesbo,un crudo cocktail di affaracci,complicazioni,sarcasmo e umorismo macabro.

Il film si presenta intrigante fin dall'incipit,una tesa presentazione in voice over di Roger Brown (Aksel Hennie) eccellenza del furto di opere d'arte e abile ed elegante falsario,la cui piccola statura in teoria non darebbe problemi alla splendida fidanzata Diane (Synnove Macody Lung),status quo del fascino biondo nordico.
Con lei Roger condivide un tenore di vita invidiabile,macchine,lusso e un apparamento rubato ai sogni,ma per avere tutto questo - confessa la voce fuori campo di Brown - "c'è bisogno di denaro,molto denaro",e "se non si gioca,non si può vincere ! " Una manciata di minuti,secchi e veloci,e il regista ha già saputo rubare l'attenzione,senza sbirciare gli "Ocean's" di Hollywood o il beat di Guy Ritchie,e i tratti di Roger sono già scolpiti nel palcoscenico e nell'immaginario.

Ci si convince subito di un cinema diverso dalla folla di genere,di un linguaggio schietto,immediato e sferzante ma non cliccato dai clichès e l'attenzione ubbidisce senza fiatare ai richiami degli eventi,in una ipnosi che si spegne solo al comando dei titoli di coda. Quando all'inaugurazione di una galleria d'arte Diane incontra Clas Greve (Nicolaj Coster-Waldau),uomo alto,fascinoso,sicuro di sè ed ex CEO di una multinazionale,Roger patisce il peso della gelosia e della paura. Ma Greve possiede anche un Rubens e Brown decide di seguire le regole della sua prassi,però mentre commette il furto,si accorge,dal cellulare dimenticato da Diane,che la fidanzata è stata in quell'appartamento. Greve è sì bello,ma è anche un ex militare in Bolivia,sopravvissuto a guerriglie e torture,fiero,vendicativo e senza ombre di rimorsi.
Gli eventi precipitano in un vortice che ingoia il protagonista in un maelstrom che scaraventa Brown verso un fondale senza fine. Film di incredibile energia e di rara confezione,"Headhunters" ha due anime : il ritmo serrato e quasi ossessivo e l'empatia al calor bianco del protagonista. E se il regista ha saputo armonizzare queste due virtù per farle lavorare insieme con l'effetto sortito,all'onore per la competenza professionale va aggiunto il merito dell'eccellente lavoro svolto.

"Headhunters" non ha reclamato presenze nelle Hit Lists (il film è del 2011,perchè non gli hanno aperto le sale in Italia?),ma di certo è consigliere preparato e silenzioso dei mille titoli del catalogo inerte e ripetitivo del thriller e dell'action movie d'ordinanza,pilloloni scenici e chiassosi. In "Headhunters",al contrario,la sferza del dialogo,delle espressioni,dei movimenti costituisce il nerbo di un racconto con il fuoco ostinatamente fisso sul protagonista,i suoi sguardi,le sue parole in diretta o da fuori campo,la sua mimica in continuo divenire.
Un onnipresente score leggero e jazzato accompagna il crescendo degli avvenimenti,una instancabile scalata di occasioni per stupirsi,dove il clima è rovente,l'energia è intensissima e i fatti si susseguono con guizzi e svolte con ogni previsione contraddetta dagli schizzi della sorpresa. Il film volta pagina in continuazione,naturale e disinvolto,intenso e senza frazioni,come una lettura affascinante di un testo ipnotico e irrinunciabile,dove nessuna figura resta anonima,ma al contrario reclama sinergia e partecipazione,in un compendio di identità,carattere e personalità. In una processione di passaggi di ruolo e colpi di scena che trascende i capitoli da vocabolario muffo,"Headhunters" - lontano da Hollywood - è un ruvido e affascinante intreccio di sesso,tradimenti,crimini,sospetti,furti e complotti,tessuto in una forma di spettacolo essenziale ed intrigante,auspicabile ospite cosmopolita in ogni sala di buon spettacolo,dove tempo e respiro scandiscono un'emozione sempre viva dai titoli di testa fino ad un epilogo da brivido per ogni spina dorsale.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere