Sabato 25 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Hindsight PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 16
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
domenica 15 gennaio 2012

Hindsight
Titolo originale: Pureun Sogeum
Corea: 2011. Regia di: Lee Hyun-seung Hitoshi Genere: Thriller Durata: 121'
Interpreti: Song Kang-ho, Shin Se-kyung, Yoon Yeo-jeong, Chun Jung-myung, Kim Min-jun
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Caramellato
Scarica il Pressbook del film
Hindsight su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

hindsight_leggero.pngIl leggendario gangster Yoon Doo-hun si è ritirato a vita privata a Busan, e sogna di aprire un ristorante. Frequentando la scuola di cucina, incontra la giovane Se-bin, senza sapere che la ragazza ha il compito di sorvegliarlo.
Ritorno alla regia di Lee Hyun-seung a undici anni dagli slittamenti temporali de “Il Mare”, mélò che meritò il dubbio onore di un remake americano, “Hindsight” si è rivelato un flop sia di critica che di pubblico, nonostante la presenza di un grande attore come Song Kang-ho.

Neanche lui, infatti, è in grado di operare miracoli, avendo a disposizione una sceneggiatura (dello stesso regista) improbabile, con dialoghi risibili e personaggi monodimensionali.
Un fallimento di alto profilo visti i nomi coinvolti, ma senza dubbio meritato.
Caramellato nella fotografia ai limiti dell’intollerabilità, alla maniera di alcune commedie coreane, “Hindsight” soffre di una sceneggiatura farraginosa, inutilmente complicata e densa di clichè, che si accumulano l’uno sull’altro senza costrutto.

La miscela di generi (mélò, commedia, gangster movie) operata da Lee è auspicabile se si è in grado di assicurare un certo grado di coerenza all’insieme, altrimenti c’è il rischio di inabissarsi nel velleitario, come infatti è accaduto al regista. L’incipit è ridicolmente esasperato: Se-bin spara a Doo-hun, che precipita in slow-motion in una salina. A questo punto parte il provvidenziale flashback, che ci svela i retroscena della vicenda. In punto di morte il boss Man-gil, investito da un’auto, ha designato Yoon come suo successore. Accade però che non tutti condividano questa sua decisione, e che il malcapitato Yoon venga prima posto sotto sorveglianza, e poi condannato a morte.
Le inevitabili complicazioni coinvolgono una gang di Busan con cui Eun-jung, amica di Se-bin, è pesantemente indebitata, e la mafia di Seoul, che affida il contratto a un’agenzia di hitman, guidata con pugno di ferro dalla venerabile Yoon Yeo-jeong di “The Housemaid”, la quale, occhialoni anni ’60 compresi, nel ruolo di Madame Kang non avrebbe sfigurato nella parodia “Dachimawa Lee di Ryoo Seung-wan.
Il nocciolo della questione è che Doo-hun e Se-bin s’innamorano, e la ragazza è alquanto riluttante a portare a termine l’incarico.
Tutto è glamour in maniera fastidiosamente artificiosa, dalle ambientazioni alla stucchevole fotografia di Kim Byeong-seo, fino alle oleografiche inquadrature dei panorami e della spiaggia di Busan, che non stonerebbero in un calendario dell’ente del turismo.

Lo stile eccessivo, glassato e stucchevole contrasta in maniera stridente con la materia del film, e non valgono due sequenze ottimamente costruite, quali l’aggressione a Doon-ho nell’appartamento o l’inseguimento in auto nella campagna, a risollevare le cose. Un confuso plot secondario che coinvolge Eun-jung, Se-bin e una partita d’eroina si accredita tra le divagazioni non necessarie, mentre il finale, assurdo e imbarazzante, affonda definitivamente “Hindsight”.
Tra l’altro il titolo internazionale è immotivato, mentre quello originale (sale blu) ha a che fare con le ossessioni culinarie di Doo-hun, con la salina in cui si ambienta il sottofinale, e con un escamotage conclusivo che è meglio non svelare.
Viene voglia di raccomandare a Lee Hyun-seong di attendere altri undici anni prima di proporre la sua prossima opera, e magari di affidarsi nel frattempo a uno sceneggiatore professionista.
L’inconsistenza dei caratteri è infatti, assieme allo stile fine a se stesso, l’altro grande problema del film.

Né Se-bin, ex promessa del tiro al bersaglio la cui carriera è stata stroncata da un incidente stradale, né il serafico Doo-hun sono minimamente credibili, e non valgono le scandalizzate osservazioni di One-Eye sulla differenza d’età della coppia, nè il fatto che i due piccioncini trascorrano una serata al karaoke o andando a vedere “Sunny”, a farci credere nemmeno per un attimo alle loro schermaglie amorose.
Song Kang-ho se la cava con la consueta professionalità e un impegno degno di miglior causa, sopravvivendo con dignità all’insipienza dello script, e anche Shin Se-kyung (Se-bin) è discretamente brava nel ruolo della killer controvoglia. Sostanzialmente una storia d’amore tra un’assassina e il suo bersaglio, “Hindsight” si può raccomandare solo ai fan di Song Kang-ho, mentre gli altri possono tranquillamente astenersi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere