HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Thriller arrow I Guardiani del Destino
Domenica 2 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
I Guardiani del Destino PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 86
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 11 aprile 2011

I Guardiani del Destino
Titolo originale: The Adjustment Bureau
USA: 2011. Regia di: George Nolfi Genere: Thriller Durata: 106'
Interpreti: Matt Damon, Emily Blunt, Shohreh Aghdashloo, John Slattery, Terence Stamp, Anthony Mackie, Michael Kelly, Anthony Ruivivar, Purva Bedi, Shane McRae, Sandi Carroll, Gregory Lay, Lauren Hodges, Christine Lucas, Juan Pablo Veizaga, John Mitchell, Daniel Dae Kim, David Alan Basche, Liam Ferguson, Venida Evans, Meghan Andrews, Billy Lee, Pedro Pascal, Naeem Uzimann, Sarah Bradford, Laura Kenley, Julie Hays, Jeff Joslin, Chris Kerson, Brit Whittle, Daniel R Cooper, Jim Buckley, Emilio Aquino, Mike DiGiacinto, Susham Bedi, John Bernhardt, Fabrizio Brienza, Bettina Skye
Sito web ufficiale: www.theadjustmentbureau.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 17/06/2011
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Ritmato
Scarica il Pressbook del film
I Guardiani del Destino su Facebook

I Guardiani del DestinoDove il Fato incontra il Caso,la Predestinazione e il libero arbitrio giocano una partita antica quanto la vita. L’intero capitolo della religione occupa gli spazi di un confronto feroce quanto il conflitto fra il Bene e il Male espresso nell’eterno dualismo insito nelle domande fondamentali dell’uomo messo di fronte a scelta e  pagine già scritte dell’esistenza.
Il cristianesimo ne fu vittima nella dolorosa frattura fra cattolicesimo e riforma protestante e il popolo della gente di oggi si agita nell’angoscia di un fatalismo marcato dalla contraddizione di termini già fissati a scherno delle libere decisioni (si leggano i testi di Tim Rice nella song di un Giuda predestinato a sacrificio a beneficio di una Storia che era già stata scritta dall’eternità).
Nei termini parabiblici di “Gli dei di Pegana” di Edward Dunsay,l’incontro tra Caso e Destino nella nebbia degli inizi,portò ad una vittoria ma non fu mai detto quale dei due contendenti ebbe il sopravvento sull’altro.

Non lo spiega neanche George Nolfi,regista di “The Adjustment Bureau” (molto meglio dello spocchioso “I Guardiani del destino”),fantasy psicologico di nobili ambizioni risolte con successo,liberamente ispirato ad un racconto di Philip K. Dick,inesauribile sorgente di spunti per il fantacinema contemporaneo.
Il tema è intrigante e lo svolgimento è veloce ed intelligente,fattosi libero dai fascini abbindolanti del facile box office e disponibile ad una lettura divergente dal corto di Dick per adattarsi ad una versione per il grande schermo in una trasposizione caparbia e coerente. Due concetti astratti oggi indagati per sospetta connivenza con il filosofico,sono al centro di una storia attorno alla quale gravita l’uomo,qui visto come elemento cosostanziale.
Alla classe borghese di Dick Nolfi sostituisce la meccanica di una società impegnata,incarnata in un uomo in corsa alla presidenza degli Stati Uniti e una ballerina di talento,che il regista inserisce sullo sfondo della Manhattan di oggi allo scopo di conferire al racconto un hatu di attualità come ulteriore elemento di aggancio alla  storia di questo tempo.

David Norris (Matt Damon) abile politico alle soglie della presidenza perde l’elezione la stessa sera in cui incontra,mentre prova il suo discorso inaugurale nel bagno del Waldorf di New York,suo quartier generale,Elise (Emily Blunt),in fuga dalla sicurezza.
Fra i due nasce subito una forte attrazione,come se entrambi si fossero sempre aspettati in quel luogo e in quel momento e David,scosso dall’esperienza di quell’incontro ed influenzato dai discorsi di Elise,cambia radicalmente l’impostazione della conferenza al pubblico che lo aspetta,apparendo più sincero e concreto,ma la corsa è perduta per un articolo sul giornale che lo coinvolge in uno scandalo.

Tre anni dopo,David incontra ancora Elise,un puro caso che pare però sotto il controllo di misteriosi individui in abito scuro e Borsalino,che si spostano utilizzando strane porte spaziali e che,si scoprirà,sono incaricato di sorvegliare le scelte di David,in particolare quelle relative alla sua relazione con Elise,secondo le direttive di un Presidente,che vieta ulteriori incontri tra i due.
La permissività di uno degli agenti del Fato,porterà alla rottura degli schemi prefissati e David ed Elise si ritrovano nonostante le proibizioni del Bureau.
Uno di loro,Richardson (John Slattery) spiega a David la situazione,affermando che essi sono sulla Terra per fare in modo che tutto proceda come previsto dal Presidente e David deve sottostare al programma o venire resettato in un’operazione di cancellazione della sua memoria (“Men in Black”) e quindi deve dimenticare Elisa.
David si rifiuta,perché innamorato e perché sente in cuor suo che è lei il suo destino,nonostante Richardson gli assicuri che è il contrario.
L’intervento di Thompson (Terence Stamp),un alto ufficiale della squadra, può condurre ad una soluzione definitiva,ma David resta deciso a frapporre tra lui e le decisioni il proprio libero arbitrio.
L’allegoria religiosa fluttua nel respiro del film,cui tuttavia il regista non ne concede i connotati esclusivi,permeando la narrazione di un senso trascendenza vitale venata di ironia e calibrato umorismo. La regia risulta limpida e sincera.

Le sequenze in apertura che mostrano l’ascesa al seggio di David sono rapide e pulite,montate su un vivace collage di immagini ad alta definizione introduttiva.
L’incontro fra David ed Elisa nel bagno degli uomini è un richiamo al taglio misurato e pacato della commedia Paramount di sei decenni fa,con l’eco favolistico di lustri di fiabe mai dimenticate (“Cindarella”).
Poche sequenze e lo spettatore scivola in una chimica fra protagonisti e generi di cinema con smalto,quasi magico nel suo senso di leggera persuasione.

“Adjustment Bureau” è una corsa col misurato respiro di un frasario d’immagini composto con eleganza e gusto,la narrazione è intelligente e guardinga da ogni forma di retorica nell’ affrontare un tema concreto con il consiglio di una fiaba fantasy.
Le immagini che portano all’epilogo ricordano i nevrotici sprint dell’ ”Uomo di Rio” di Philippe La Broca e i dissensi al matrimonio del “Laureato”,

In coda,le scene sulla terrazza conducono a “The Game”,in una condizione spaziale (il tetto),apparentemente preordinata ma alla quale i protagonisti pervengono varcando le porte delle libere scelte.
Nolfi,esordiente alla regia,ma autore e sceneggiatore ( “Bourne Ultimatum”,”Timeline”…),collauda una narrazione brillante ed energica retta da un umorismo sottile e discreto,che presta al racconto i sornioni lineamenti di una bouillabaisse filmica ritmata dai tempi della commedia e dell’avventura,dove fantasia e realtà si coniugano nei guizzi di un fantathriller finalmente estraneo alle dinamiche di gruppo del cinema di didascalia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere