HOME arrow Fantascienza arrow Il grande caldo
Martedì 29 Novembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Il grande caldo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
sabato 01 agosto 2009

Il grande caldo
Titolo originale: The Big Heat
USA: 1953  Regia di: Fritz Lang  Genere: Thriller   Durata: 90'
Interpreti: Gloria Grahame, Lee Marvin, Glenn Ford, Jocelyn Brando, Alexander Scourby, Jeanette Nolan, Peter Whitney, Willis Bouchey
Sito web:
Nelle sale dal: 1953
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli

Il grande caldoIl veterano Fritz Lang rinfresca la tradizione noir, con questa pellicola debitrice dei film che lo resero famoso al grande pubblico.
Questa volta vira la rotta verso un poliziesco dai toni cupi e polemici.
Glenn Ford interpreta un sergente che ama la famiglia e vive in un mondo corrotto e maledetto.
La sua indagine personale su un suicidio di un collega, lo porta a scoprire i legami tra i membri del suo amato distintivo e la criminalità organizzata.
Il sadico capo mafioso orchestra la morte dell’amante del suicida(a causa della sua volontà di ribellione) e della moglie del protagonista(per far desistere il buon poliziotto dalla volontà di pulizia del marcio).
Il braccio destro di Lagana(il capo) sfigura la sua amante, determinandone la fatale  vendetta. Fritz Lang continua a generare tensione attraverso il semplice fuoricampo, come succedeva ai tempi di “M – Il mostro di Dussendorf).
Questa volta da esempio della propria maestria nell’ overture del suicidio dell’uomo, dove ci mostra il grilletto schiacciato, ma non la pallottola che trafigge il poliziotto.
Questo escamotage viene riproposto anche nell’esemplare scena della bruciatura con il caffè, dove allo spettatore viene celato il volto sfigurato della brava Gloria Grahame. Il suo viso manicheo, tra bellezza ed orrore, non assomiglia alla dinamica testuale del film.
Infatti il tempo è sinonimo di mutazione. Il buon poliziotto diviene come i sadici criminali, imitandoli per indole assassina e violenza gratuita; anche il braccio destro di
Lagana(Lee Marvin) impone la sua presenza con maltrattamenti di donne e goffi discorsi da gangster castrato. Fritz Lang non orchestra una sinfonia pari al suo precedente “Furia”, ma sfiora il suo capolavoro per asciuttezza e dinamicità.
Glenn Ford presta il suo interessante volto per un ruolo che vive della dicotomia lavoro – giustizia.
La critica al sistema corrotto della modernità è in anticipo sui  tempi. Lang dimostra assieme a Robert Aldrich, di essere l’unico regista in grado di costruire esemplari noir dopo gli anni d’oro del cinema classico.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere