HOME arrow Fantascienza arrow La frode
Mercoledì 17 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
La frode PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 14
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 07 marzo 2013

Titolo: La frode
Titolo originale: Arbitrage
USA: 2012. Regia di: Nicholas Jarecki Genere: Thriller Durata: 107'
Interpreti: Richard Gere, Susan Sarandon, Tim Roth, Brit Marling, Laetitia Casta, Nate Parker, Stuart Margolin, Chris Eigeman, Graydon Carter, Bruce Altman, Larry Pine, Curtiss Cook
Sito web ufficiale: www.arbitrage-film.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 14/03/2013
Voto: 7,5
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Interrogativo
La frode su Facebook

la_frode_leggero.pngCon “La frode” Nicholas Jarecki dirige il suo primo lungometraggio di finzione. Noto come scrittore, sceneggiatore e documentarista, Jarecki si butta a capofitto in una storia – da lui anche sceneggiata – ricca di tensione, di colpi di scena e in cui lo scorrere del tempo ha un ruolo fondamentale. Tutto scorre e, al contempo, tutto è sospeso
Robert Miller sembra essere un uomo baciato dalla fortuna: possiede una società di svariate centinaia di milioni di dollari, una bella famiglia, unita e affettuosa, e successo personale. Sembra, ma così non è. Robert nasconde una falla che lo potrebbe portare presto alla bancarotta, ha un’amante e poco tempo per far firmare un contratto di vendita che lo salverà.

In questo film si muovono agevolmente amore, lealtà, fiducia, inganno e lo sdebitarsi sullo sfondo dell’alta finanza e della ricchezza patinata di cui gode un numero ristretto di americani. Viene messo in evidenza come spesso le persone ricche escano indenni dalle storie più disastrose, mantenendo la facciata immacolata. Nonostante la sua ambiguità si rimane affascinati dal protagonista fin da subito, da quando lo si vede festeggiare il suo 60esimo compleanno in seno alla sua famiglia.
Nel momento in cui si scopre la sua doppiezza, non cambia nulla, si continua a vedere un uomo affascinante e carismatico. Ci si identifica con ciò che gli accade, Robert dà l’impressione di un uomo che ha fatto un errore, grave, ma al quale cerca disperatamente di rimediare, anche se non proprio in maniera legale. Istintivamente si desidera che ci riesca, concedendogli una seconda opportunità.
Quando, poi, subentra un evento che stravolge e peggiora la sua situazione, lo spettatore entra maggiormente in apprensione e si domanda ‘Cosa farà ora? Cosa si inventerà per uscirne indenne?’ Ad interpretare il magnate Robert Miller è stato chiamato Richard Gere, affiancato da Susan Sarandon, nei panni della moglie.

La sua performance è catalizzante ed è stata elogiata dalla stampa americana. Gere si è calato nel suo personaggio creando un’empatia col pubblico. “Quali sono i confini di un comportamento accettabile, non soltanto negli affari o nella politica, ma anche sul piano personale?” - questa è stata la domanda che l’attore si è posto, scaturita dalla lettura della sceneggiatura, che lo ha fatto addentrare immediatamente nel progetto. Robert sa manipolare le persone e le situazioni a suo beneficio, ma lo fa col suo naturale fascino, da non risultare il cattivo della storia, paradossalmente il cattivo è il detective che lo vuole incastrare. “La frode” tiene col fiato in sospeso e quando ormai gli eventi sembrano prendere una direzione, succede qualcosa che spiazza e lascia disorientati per qualche istante proprio come il protagonista. Dopo “Margin Call” si potrebbe parlare di un altro film sull’alta finanza, ma in “La frode” al centro c’è un uomo, la sua morale e ciò che le sue scelte hanno causato, in primis alla sua persona, poi vengono gli altri. La speculazione di cui si fa artefice rappresenta l’ambiente al quale Robert appartiene.

È un uomo dedito a mantenere il proprio status. “Mettiamo che una volta era una brava persona, ma che diventando sempre più ricco la sua vita sia diventata più complicata e corrotta, perché il denaro gli consente di vivere al di là dei confini della morale comune” rivela Jarecki riguardo alla genesi di Robert. Il film vuole scavare a fondo nei dilemmi morali e col procedere della storia si nota come non solo il magnate sia moralmente ambiguo, molti dei personaggi che gli ruotano intorno non sono come appaiono.
Uniche eccezioni sono la figlia Brooke e l’amico Jimmy Grant, che rappresenta la moralità di Robert, quella che ha seppellito in un angolo della sua anima. Il finale porta a fare una riflessione sul mondo in cui viviamo, dove l’apparenza è tutto e ciò che conta è il vestito e la faccia che si indossano ogni giorno, quelli che ti rendono un vincente, il resto è sacrificabile: i principi, l’amore filiale, le responsabilità, la correttezza.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere