HOME arrow Fantascienza arrow La ragazza che giocava con il fuoco
Venerdì 2 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La ragazza che giocava con il fuoco PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
lunedì 28 settembre 2009

La ragazza che giocava con il fuoco
Titolo originale: Flickan som lekte med elden
Svezia: 2009 Regia di: Daniel Alfredson Genere: Thriller Durata: 129'
Interpreti: Noomi Rapace, Michael Nyqvist, Lena Endre, Georgi Staykov, Sofia Ledarp, Micke Spreitz, Per Oscarsson, Paolo Roberto
Sito web: www.uominicheodianoledonne.it
Nelle sale dal: 25/09/2009
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Rivelatore

laragazzachegiocavaconilfuoco_leggero.jpgMikael Blomkvist ,reporter e direttore della rivista Millennium è tornato attivamente ad occuparsi del giornale ed è impegnato in un eclatante caso di trafficking,il mercato del sesso,della prostituzione e il traffico di ragazze immigrate illegalmente in Svezia dalla Russia.
I due giornalisti incaricati di questa inchiesta vengono assassinati,i corpi rinvenuti da Mikael e sull’arma del delitto ci sono le impronte di Lisbeth,la hacker che collaborò con il direttore nell’inchiesta del primo episodio e che,dopo una lunga vacanza all’estero,ha appena fatto ritorno in patria.
Blomkvist non è convinto della colpevolezza della ragazza,sulla quale è stato emesso un mandato di cattura e si mette alla sua ricerca,con la speranza di riuscire a contattare la hacker, a Stoccolma ma ben nascosta,prima della polizia.

Così,mentre il reporter inizia la sua ricerca,Lisbeth ,a sua volta ricercata da una macchiettistica polizia,si mette al lavoro per cercare di capire chi l’ha incastrata e nel corso della sua indagine si troverà a dover far fronte ad una serie di scoperte ed eventi di grande sofferenza.
Con un tempismo che nello showbiz si presenta certamente con i connotati di una furbesca economia del calcolo sulla rispondenza, a quattro mesi dall’uscita di “Uomini che odiano le donne”,arriva sul grande schermo “La ragazza che giocava con il fuoco”,secondo appuntamento con la trasposizione cinematografica del fenomeno letterario “Millennium”,con cui il compianto Stieg Larsson si prese a cuore l’intenzione di rovesciare alcuni canoni ormai cristallizzati negli schemi configurati della politica della sua terra.
Stessi gli interpreti del primo episodio,il giornalista Mikael Blomkvist (Michael Nyqvist) e la disinvolta hacker Lisbeth Salander (Noomi Rapace),diverso l’approccio al fil rouge della trilogia e cambio alla regia,che vede alla manovella per questo secondo atto,Daniel Alfredson.
In “Uomini che odiano le donne” lo spettatore veniva invitato ad esplorare la dimensione interiore dei protagonisti della storia,un viaggio nel misticismo che permea tutta la pellicola e tradotto nelle immagini sofferte di foto e ricordi che,spirando dal passato,portano alla memoria la diafana figura di Harriet,spettro vacuo dell’incertezza esistenziale.
In “Uomini che odiano le donne” Mikael si muove spinto da un frustrante senso di vittimismo in cui si dibatte mentre affronta i dubbi che lo assillano nel corso della ricerca che lo ossessiona.

Nel secondo episodio l’uomo torna ad essere il giornalista di Millennium,la testata che vede orbitare intorno a sé ogni argomento che comporti una verità,scomoda o crudele,ma imprescindibile.
Quindi il reporter si ostina nella ricerca di una spiegazione agli eventi,fino alle condizioni estreme di una rivelazione che lambisce aspetti profondamente morali e politici.
Larsson ha voluto tradurre la cultura mediatica svedese in una storia che vedesse un giornale profondamente impegnato in indagini sociologiche e politiche,rivolte a rivelare verità scomode e celate dietro i poteri forti ed altolocati.
Il regista ha sviluppato questo elemento di natura investigativa nell’intera pellicola,ponendo al centro del racconto l’analisi mediatica e la ricerca giornalistica,modificando il prospetto registico rispetto al primo episodio.
Il materiale a disposizione del filmaker viene sviluppato sul filo delle tre inchieste parallele portate avanti dai protagonisti,con i coinvolgimenti psicoanalitici imbastiti sul conflitto lacerante fra Lisbeth e suo padre,lasciando peraltro uno spazio per la lettura di una sottotrama che si innerva nel contesto sociopolitico di una nazione la cui immagine va rivista nella scena fortemente simbolica della sentenza di morte emessa dal padre nei confronti della figlia inginocchiata sull’orlo della stessa fossa che accolse molti “dissidenti” di uno Stato profondamente socialdemocratico.
Una espressione politica,dunque,innestata nel ritmo di un buon noir che valica i confini di una spettacolarizzazione preminentemente nordeuropea (e a volte si vede fin troppo bene),per riversarsi su un pubblico planetario affascinato dal suo legame con la letteratura poliziesca.
Alfredson afferra la steadycam seguendo i protagonisti molto da vicino,con lenti movimenti ed impostando inquadrature ravvicinatissime,lavorando sui corpi,sui visi,sulle espressioni,sulle mimiche così lontane da Hollywood,come quelle di Lisbeth,donna trasfigurata in una sofferenza retaggio di un continuo sopruso subito nell’adolescenza.
Sul suo corpo e sulla sua persona si leggono i segni concreti della reazione ad uno stato di patimenti mai sopito,di una condizione esistenziale forzata ai limiti estremi dell’una dignità,di una lite interiore con la vita,con cui è in eterno conflitto e nei confronti della quale si pone in atteggiamento di continua provocazione,nella sua sessualità,nella configurazione del proprio corpo e nella sua violenta aggressività.

Il film procede con un ritmo che scandisce il procedere delle indagini,molto attento a svelare le ragioni che hanno portato i protagonisti ad essere quello che sono,così come sono stati conosciuti nel primo film.
Allora si viene a conoscenza dei motivi che hanno spinto Lisbeth ad odiare il padre,al punto di cospargerlo di benzina e dargli fuoco (cfr. Giovanni Ribisi in “The Gift” di Raimi).
Un universo di indizi e ragioni che viene messo a fuoco,spalancandosi in rivelazioni nascoste e confessioni sorprendenti,non sempre con chiarezza e fluidità,ma con qualche difficoltà di comprensione in alcuni passaggi.
Lo spunto del trafficking si dilata in una denuncia sull’abuso sessuale,lo sfruttamento e il mercato della prostituzione,il sesso a pagamento a beneficio della sfera politica e dell’organismo legislativo di una democrazia ipocrita e artefatta,pronta a celarsi dietro le false identità dei suoi rappresentanti e a fornire mezzi illeciti ai rifugiati russi.
Stieg Larsson riversa tutti questi elementi nel secondo capitolo della sua saga “Millennium”,fedelmente tradotto in questo thriller pieno di ombre ed inquietudini,luci e riflessi,gettati su un palcoscenico popolato da persone ed eventi complessi e multiformi.
Tutti raccolti in un insieme che è teatro di un dramma,di una denuncia e di una ricerca che è riscatto,giustizia e verità.

Ami il Cinema? Vuoi vedere le ultimissime novità senza spendere un centesimo? Accedi con eMule Official alla lista di tutti i film che puoi scaricare gratis e usa Speed Downloading per velocizzare tutto in modo semplice!

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere