HOME arrow IN DVD: arrow Thriller arrow La scomparsa di Alice Creed
Venerdì 9 Dicembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
La scomparsa di Alice Creed PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 68
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
giovedì 16 settembre 2010

La scomparsa di Alice Creed
Titolo originale: The Disappearance of Alice Creed
Gran Bretagna: 2009. Regia di: J. Blakeson Genere: Thriller Durata: 96'
Interpreti: Gemma Arterton, Martin Compston, Eddie Marsan
Sito web ufficiale: www.alicecreed.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Prossimamente

Voto: 6
Trailer 
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Multifaccia
Scarica il Pressbook del film
La scomparsa di Alice Creed su Facebook

La Scomparsa di Alice CreedVic e Danny organizzano con cura il rapimento di Alice Creed, figlia di un facoltoso uomo d'affari cui chiedono un riscatto di due milioni di sterline. Il piano sembra andare piuttosto bene, ma dopo il pagamento la situazione precipita di colpo.

La Scomparsa di Alice Creed non parla realmente di una sparizione. E nemmeno di Alice.
Tutto quello che vedremo a un primo sguardo sembra essere un bizzarro triangolo, composto da due uomini e una donna. Due rapitori e un ostaggio.
Ma già dalla seconda occhiata appare chiaro che le carte in tavola verranno mescolate e che quello che sembra un assetto irremovibile nasconde, in verità, più di una combinazione possibile.
Forse Danny non è chi sostiene di essere e magari neanche Alice è una vittima casuale delle mire di due delinquenti. Ma tutto questo ci verrà svelato per gradi. Intanto sin dal primo fotogramma assistiamo alla preparazione meticolosa e accurata del piano di due uomini, i quali allestiscono una prigione insonorizzata all'interno di un appartamento e vi conducono una ragazza bendata e immobilizzata.
La ragazza in questione è il loro ostaggio, in cambio del quale hanno chiesto alla famiglia due milioni di sterline.
Fin qua tutto nella norma. Lei viene imbavagliata e ammanettata al letto, mentre i due si mettono in contatto con il padre.
Ma Danny e Vic hanno un legame che appare strano sin da subito a chi li guarda.
Un legame in cui Danny sembra essere succube dell'amico e nello stesso tempo indolente manipolatore delle sue direttive. Vic dal canto suo appare un bel po' sopra le righe, e leggermente paranoico. Ma quest'ultima dev'essere causata dalla tensione e la sua meticolosità deve senza dubbio derivare da una grande esperienza nelle attività criminose.
Del resto i due si sono conosciuti in prigione. Ma questa è un'altra storia. O forse no. Poi c'è da considerare la scelta dell'ostaggio, che Danny potrebbe conoscere da prima. E a questo punto la faccenda si ingarbuglia un bel po'.
E i tre finiscono molto più lontano di come prevedeva il piano iniziale.

Terzo lavoro di un regista non particolarmente ispirato, se non per quel che riguarda la stesura della sceneggiatura che risulta molto ben congegnata, questo thriller claustrofobico deve moltissimo alla costruzione della sottile tensione presente tra i tre personaggi, che alberga in ogni fotogramma fino all'esplosione finale di inaspettata, seppure inevitabile, cattiveria. I tre si muovono nello spazio ristretto da tutti i vincoli immaginabili all'interno di un triangolo, in cui la paranoia è fin dall'inizio ospite indesiderata e per la gran parte del tempo padrona della scena.
Vic inizialmente sembra avere la situazione in mano, ma la sua continua vigilanza non potrà impedire la degenerazione, dal momento che Danny conosce già Alice e che lei non è affatto intenzionata a restare inerme in attesa di esser salvata. Il lento spostarsi degli equilibri all'interno della stanza in cui Alice giace immobile, ma straordinariamente attenta a non farsi sfuggire nessuna opportunità, è la parte più interessante dell'intero plot.
E sarà con una sorta di complicità che lo spettatore seguirà l'evolversi delle infinite possibili combinazioni, le quali finiranno per sovvertire un piano non così accurato come poteva apparire. La paranoia, che permea il pensiero di Vic e come un contagio si propagherà anche agli altri, rende scivoloso ogni possibile appiglio e difficile ogni decisione che si dovrà prendere.
Presto lo spettatore intuisce che, nonostante lo svantaggio iniziale, Alice è attivamente protagonista dell'evolversi dei fatti nella stessa misura in cui lo sono i suoi rapitori, e che le sue scelte avranno un peso molto grosso sul finale non previsto che aspetterà i tre.

La recitazione, solitamente punto forte dei thriller a basso costo e con una location limitata, anche in questo caso regge bene l'intero peso della riuscita rappresentazione, mentre fotografia e regia risultano piuttosto routinarie. Ma nel complesso l'opera regge bene, quanto basta perché allo spettatore importi di sapere come andrà a finire.
E di questi tempi è molto più di quel che ci viene solitamente offerto, putroppo ormai nella maggioranza dei casi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere