Lunedì 26 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
London Boulevard PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 20 giugno 2011

London Boulevard
Titolo originale: London Boulevard
USA, Gran Bretagna: 2010. Regia di: William Monahan Genere: Thriller Durata: 103'
Interpreti: Keira Knightley, Colin Farrell, Jamie Campbell Bower, Anna Friel, Ray Winstone, David Thewlis, Eddie Marsan, Stephen Graham, Ophelia Lovibond, Ben Chaplin, Matt King, Velibor Topic, Lee Boardman, Donald Sumpter, Sanjeev Bhaskar, Elly Fairman, Kerry Shale, Jonathan Cullen, Nick Bartlett, Alan Williams, Julian Littman, Giles Terera
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 10/06/2011
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Rimasticato
Scarica il Pressbook del film
London Boulevard su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

London BoulevardMonaham è uno scrittore e sceneggiatore statunitense, assurto a fama mondiale grazie agli scripts dell’epico “ Le crociate “ diretto da Ridley Scott e soprattutto “ The Departed “ di Martin Scorsese, per cui ha ottenuto l’Oscar per la migliore sceneggiatura.
Adesso debutta alla regia con un film di genere colto, un film ‘ vecchissimo ‘, sull’ineluttabilità del destino, con tanti rimandi al cinema autorale anni Cinquanta e Sessanta. Ma proprio per i debiti narrativi alti del genere, e per un film che risulta ondivago e fuorifuoco, realizza una storia drammaturgicamente sfocata, in alcuni passaggi approssimativa e banale.
Al punto che un attore bravo e dalla recitazione complessa come Colin Farrell si lascia andare ad una recitazione senza respiro e un attrice come Keira Knightley fa da pandant spurio alla storia ed anche la
sua bellezza scompare del tutto.
Anche i rimandi ‘ colti ‘ sfuggono alla presa registica, come ad esempio quando l’ex detenuto cita una poesia di Rilke o quando la storia si sviluppa sulla teoria del destino stabilito ( non abbiamo possibilità di riscatto: ripreso completamente da “ Carlito’s way “, ma anche da un certo cinema di Bogard, di Garfield o di Robert Ryan ); ed anche – così ci è parso – la contiguità col film “ Sunset Boulevard “ ( “ Viale del tramonto “ di Billy Wilder – nel titolo ma anche nelle analogie attrice-uomo che fugge ) sembrano più una bizzarria intellettuale che non un concreto riferimento.

Tratto dall'omonimo romanzo di Ken Bruen,'' London Boulevard '' è la storia di Mitchell, un medio criminale di South London, che esce dal carcere dopo tre anni per aver pestato qualcuno durante una rissa. E’ un tipo tranquillo, gentile ma anche durissimo se costretto, adesso vuole rifarsi una vita e non avere più a che fare con la mala. Ma i suoi vecchi amici e i nuovi capi cercano
in tutti i modi di trascinarlo nella vecchia vita, ma lui prova a resistere anche perché ha un’occasione: viene assunto come uomo tuttofare da un’attrice-modella, Charlotte, che è al top del successo ma è anche triste e malinconica a causa di un marito ricco ma sempre lontano, di un fatto personale drammatico che ha vissuto a Genova durante un film ed è sfinita dall’assedio dei
fotoreporter fuori casa che le impediscono una qualsiasi vita normale e per cui lei ha rinunciato a vivere. Il film si sviluppa sulle vite dei due protagonisti e naturalmente sul loro innamoramento.
Lei, un po’ ripresasi esistenzialmente grazie al nuovo amore, decide di andare girare un film negli States e chiede a Mitchell di accompagnarla, ma l’uomo deve prima risolvere i sui problemi col boss del crimine, Gant e poi la raggiungerà ma…

Monahan non è riuscito a trovare registicamente “ la cifra stilistica “, ha voluto fare un film sì di genere ( molto elegante ) ma lo ha riempito di riferimenti d’essai, senza tuttavia trovare un amalgama. A volte lo sviluppo è convenzionale, a volte irrealistico ( come quando Mitchell invita il feroce killer che lo deve uccidere a fare due chiacchiere in auto – forse l’intenzione era ironica ? ), a volte ha un ritmo sincopato e a volte torna indietro nella storia senza far crescere la tensione, a volte un passaggio dovuto scompare (
ad esempio quando il boss fa uccidere la sorella di Mitchell: nella scena successiva si vede lui sdraiato a letto che guarda il soffitto ). Ha utilizzato non al meglio i due attori protagonisti e senza rendersene conto ha fatto emergere più il boss spietato, abusato nell’infanzia e omosessuale ( Un bravo Ray Winstone, visto in “Ladybird Ladybird di Loach, “ Martha da legare “, “ The
Departed “ ) e Jordan, ex attore factotum di Charlotte e drogato che ritrova un proprio ruolo nel momento in cui impugna una pistola per uccidere un poliziotto corrotto ( un altrettanto bravo David Thewlis in un ruolo però troppo monocorde - visto in “ Rimbaud “, “ Sette anni in Tibet “, “ Il bambino con il pigiama a righe “ )

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere