HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Thriller arrow L'ultima missione
Sabato 14 Dicembre 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
halloween_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
the_field_guide_to_evil_banner.jpeg
L'ultima missione PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
domenica 19 ottobre 2008

L'ultima missione
Titolo originale: MR 73
Francia: 2008 Regia di: Olivier Marchal Genere: Thriller Durata: 121'
Interpreti: Daniel Auteuil, Francis Renaud, Olivia Bonamy, Philippe Nahon, Catherine Marchal, Virginia Anderson, Gérald Laroche, Guy Lecluyse
Sito web: www.mr73-lefilm.com
Nelle sale dal: 18/04/2008
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Dario Carta

lultimamissione_leggero.jpeg

Le immagini in apertura de "L'ultima missione",mostrano un uomo che narra di sè,senza aprir bocca. Alle note di Avalanche di Leonard Cohen,la figura di Louis Schneider,(Daniel Auteuil),entra di prepotenza nello scenario del racconto,precipitando sè stesso lungo un dirupo di una esistenza infranta e si fa largo,senza lasciare spazio a congetture sulla condizione della sua vita.
Stanno scorrendo i titoli di testa,ma ancora prima di questi,una sequenza ha già impresso il segno di una angoscia che non abbandonerà mai gli eventi del film:lo stesso uomo,che sfiderà la propria eternità,mormorando asciutto:"Dio mi ha tradito e io lo punirò".
Schneider è un poliziotto divorato da un dolore che gli addenta l'anima,senza permetergli la pace di un giorno vissuto con la dignità di un uomo.
La vita gli ha riservato un destino di sofferenza,mettendolo alla prova davanti alla morte di sua moglie ed alla paralisi irreversibile di una figlia ridotta allo stato vegetativo,in seguito ad un incidente.
Una Marsiglia buia,piovosa,chiusa nei colori oscuri di una notte che sembra non finire e di un dì che non porta con sè luce del sole,è teatro di una tragedia che vede la caduta verticale di un uomo e della sua anima di fronte all'inevitabile scelta che si deve fare di fronte al devastante evento della morte:come distatta ed annullamento o l' alternativa di un anelito di speranza e decisione di affidarci alla vita dataci da Dio.
Ma il dramma è insopportabile,per il protagonista e il suo spirito si perde nel buio dell'angoscia,cercando luce apparente nell'alcool e nell'autocommiserazione.
Le sabbie della sua esistenza non soffocano,tuttavia,il talento e l'abilità dell'investigatore che,nonostante la sua precaria situazione professionale minacciata dalla sua sregolatezza,si trova incaricato dell'indagine di un caso di omicidi seriali perpretati con rabbiosa efferatezza.
Marchal affianca a questi fatti,una storia parallela,a formare il tessuto della trama:il rilascio dalla galera di un killer,oggi quasi
settantenne e forse ravveduto,colpevole della strage, compiuta anni prima,di una famiglia,cui unica scampata fu la bambina,oggi divenuta adulta e testimone cresciuta nell'ombra dell'orrore del ricordo del padre e della madre seviziati e trucidati.
Schneider era lì,quel giorno ed oggi si ritrova a fissare gli occhi vacui dei fantasmi di un passato che lo annega nelle nere acque di un tormento senza posa.
Terzo capitolo della trilogia del regista Olivier Marchant,iniziata nel 2002 con "Gangster",inosservato in Italia,cui segue lo splendido "36,Quay des Orfevres",nel 2004,questo "L'ultima missione" è un grido all'estremo dolore insito nell'animo di un uomo.
Buio,angusto,claustrofobico,il film è un viaggio all'inferno non fuori dell'uomo,ma racchiuso nell'oblio di un'anima che non trova riposo e cessa di sperare nel perdono e nella redenzione.
Ogni vano tentativo di Schneider di placare il proprio affanno davanti ad un peccato imperdonabile agli occhi della coscienza,si risolve in un vuoto senso di nichilismo;il dramma interiore non concede requie e ritorna come un'eterna punizione nelle bolge di un Ade viscerale.
Olivier Marchal si serve di due storie intessute tra loro per raccontare la realtà che egli stesso ha vissuto da "flic" della polizia di Versaille,prima di dedicarsi alla sceneggiatura ed,in seguito,alla regia.
La narrazione della vicenda ha valore secondario e lascia il posto alla tensione irrefranabile del regista di sviscerare l'aspetto sordido e mendace di una legalità fittizia ed apparente,ipocrita e fasulla e solo simulacro di una giustizia che non è degna del nome che porta.
Chi ha dimestichezza con John Connolly,può intravvedere in Schneider il profilo di Charlie "Bird" Parker,anch'egli investigatore maledetto,persosi nella ricerca di una sua esistenza che ha smarrito con la perdita della moglie e della figlia in un fatto di criminalità malata ed incapace di ritrovarsi nella luce di una speranza che anela ma nel contempo rifiuta.
Forse un poco eccedente nella ridondante retorica di una violenta autodistruzione dipinta a tinte fosche ed aggressive,"L'ultima missione" è una pellicola di angosciante frenesia,potente ed efficace nel rapire lo spettatore e trascinarlo nel vortice senza fondo della perdizione.
Daniel Auteuil è bravissimo,asciutto,cammina sicuro fra gli stilemi dei classici del cinema e della letteratura noir francese,ammiccando a Gabin e a Lino Ventura e riesce davvero a convincere che mentre lui "si sporge a guardare nell'abisso,l'abisso guarda lui".

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere