Martedì 19 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Mine (Blu Ray) PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
giovedì 02 febbraio 2017

Titolo: Mine
Titolo originale: Mine

Caratteristiche del Blu Ray in vendita dal 08 Febbraio 2017.

Il film.
Afghanistan: un soldato (Armie Hammer), sta tornando al campo base dopo una missione, ma inavvertitamente poggiamine-bluray-oro-leggero.png il piede su una mina antiuomo. Non può più muoversi, altrimenti salterà in aria. In attesa di soccorsi per due giorni e due notti, dovrà sopravvivere non solo ai pericoli del deserto ma anche alla terribile pressione psicologica della tutt'altro che semplice situazione.
"Mine" opera prima del duo Fabio Guaglione e Fabio Resinaro (Fabio&Fabio) è un film sorprendente, che vuole e deve pensare in grande, un prodotto realizzato per un mercato internazionale che merita totalmente l’attenzione e il successo che ha avuto. Il film, con un titolo che può leggersi sia in italiano che in inglese (dove funziona anche come gioco di parole), è già pienamente indicativo della ricchezza dell’opera e di quanto essa sia stratificata e ricca di significati. Dalla premessa geniale di un soldato bloccato su una mina nel mezzo del deserto, che ha suscitato l’attenzione tanto del produttore Peter Safran – guarda caso lo stesso di "Buried – Sepolto", quanto del protagonista del film, Armie Hammer, visto in "Lone Ranger" e "Operazione U.N.C.L.E.", i due giovani registi sono riusciti a realizzare un film teso e ottimamente realizzato, capace di conquistare lo spettatore dalla prima all’ultima sequenza. Il racconto, sceneggiato dagli stessi registi, parte in un certo modo per poi dipanarsi in una serie di flashback e momenti rivelatori, fino a diventare tanto una sorta di favola iniziatica, con chiari rimandi alle fiabe classiche, quanto un dramma intimista a dispetto della confezione e dell’ambientazione che invece pensano in grande.
Ed è proprio il connubio tra l’elemento thriller e quello più drammatico e personale riguardante il protagonista ad essere una delle carte vincenti del film. Che è anche e soprattutto un invito a vivere la vita guardando avanti e affrontando problemi e paure senza venirne sconfitti e condannati all’immobilità.
Tecnicamente il duo di autori e registi è ineccepibile, se qualcuno vuole fare il regista oggi e vuole affacciarsi al mercato, deve studiare quello che hanno fatto Guaglione e Resinaro, obbligatoriamente.
La loro bravura nel tenere sempre alto il ritmo e la tensione non è cosa che si trova a ogni angolo, anzi. La noia e la fissità che il plot potrebbero suggerire sono costantemente dribblate in maniera elegante e incisiva, con una serie di soluzioni visive di grande impatto (su tutte, le scene in notturna quando il protagonista Mike si trova a doversi difendere da un branco di animali feroci). Al di là delle molte mirabili inquadrature e della loro perizia nel comporle e nel muovere la macchina da presa, un plauso va anche alla direzione degli attori in senso stretto. Hammer, altrove spesso solo un incolore belloccio, qui regala la sua migliore performance, piena di sfumature e arricchita dai vari flashback. Ma meritano una menzione speciale anche Tom Cullen nei panni di Tommy e Clint Dyer in quelli del berbero.
E’ chiaro che le imperfezioni non mancano, tutto l’apparato metaforico simbolico è a volte fin troppo ovvio quanto insistito, la colonna sonora di Andrea Bonini si fa man mano invadente, ma quale film non ha imperfezioni?
E, soprattutto, sono solo piccolissimi nei in un insieme di grande potenza ed efficacia che è, senza dubbio, tra le cose più belle e sorprendenti viste lo scorso anno....

Video.
Il film prodotto da The Safran Company, Roxbury, Sun Film, Mine Canarias e distribuito da Eagle Pictures viene presentato nel formato 2,35:1 con codifica a 1080 p. La confezione è una semplice Amaray priva di Artwork interno e contenente oltre al disco Blu Ray una cartolina esclusiva a tiratura limitata disegnata da "Maurizio Temporin" rappresentante Mike inginocchiato. Il lavoro svolto dai tecnici in fase di encoding è ottimo e ci permette di godere di una qualità video impeccabile e molto coinvolgente. Il film gode di un bitrate medio che si attesta sui 35 Mbps e questo permette di ottenere un Blu Ray praticamente perfetto. L'immagine risulta molto pulita, priva di artefatti, dove ogni cosa viene riprodotta fedelmente e ogni dettaglio reso perfettamente. Gli oggetti sia in primo che secondo piano sono sempre molto chiari e definiti, le pietre e la sabbia, le espressioni dei volti degli attori, i capelli, la texture delle mimetiche, i pori della pella, le labbra screpolate di Mike, tutto è reso al meglio, regalandoci la sensazione di essere nel pieno centro della scena.
Ottima la resa dei colori, tendenzialmente caldi, e degli incarnati, resi sempre in modo naturale. Un Blu Ray assolutamente consigliato per un film diretto da una coppia di registi di cui sentiremo molto parlare in futuro.

Audio.
Sul versante audio il film gode della sola traccia 5.1
DTS HD Master Audio in italiano di buona fattura.
La qualità è discreta per il tipo di film considerando che per quasi tutta la durata dell'opera la fanno da padrone i dialoghi. Nei rari casi richiesti, l'uso dei canali surround è buono e sufficiente a creare un campo sonoro avvolgente, dove ogni singolo rumore è ben riprodotto. L'uso del Subwoofer è minimale ma sempre pronto e mai preponderante, intervenendo solo quando è strettamente necessario. Da rimarcare un canale centrale ben bilanciato che permette dialoghi puliti anche se in alcune scene leggermente sottotono come gamma dinamicae. Effetti di ambienza buoni e sufficientemente coinvolgenti dai due frontali. Peccato per la mancanza della traccia audio in inglese che ci avrebbe permesso di assaporare la recitazione di Armie Hammer.

Extra.
Ricco e interessante il comparto degli extra, con oltre 100 minuti di materiale da visionare.
Mike is Mine (13,05) Featurette dove l'attore Harmie Hammer parla del film, del suo personaggio e del rapporto con i due registi italiani.
Scene tagliate & estese (15 scene della durata di 46,28)
QuantuMine: an existential reprogramming (11,00) Featurette dove i due registi ci parlano del progetto del film.
Il viaggio dell'eroe immobile (22,35) Featurette di oltre venti minuti dove i due registi ci raccontano come sia stato possibile applicare le regole che definiscono il cosiddetto “Viaggio dell’Eroe”, teorizzato da Vogler, alla vicenda di un personaggio completamente immobile come il loro protagonista del film.
L'altro lato della duna: VFX Breakdown (4,58) Featurette sui vari effetti speciali nel film.
Mineboards: dalla pagina al frame (4,42) Featurette dove viene spiegato come lo storyboard è stato tradotto in frame.
Teasers & Trailer
Credit

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere