HOME arrow HOME VIDEO: arrow Thriller arrow Napoli Velata (Blu Ray)
Sabato 15 Dicembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
jurassic_world_il_regno_distrutto_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il caso Fitzgerald News
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Prossimamente
Napoli Velata (Blu Ray) PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
giovedì 24 maggio 2018

Titolo: Napoli Velata
Titolo originale: Napoli Velata
Caratteristiche del Blu Ray in vendita dal 02 Maggio 2018.

Film
Ozpetek mischia i generi, inizia con un noir erotico, passa al melodramma alla napoletana, per poi giungere anapoli_velata_blu_ray.jpg un’astrazione finale vagamente misterica, in cui i personaggi non sembrano persone ma maschere che rappresentano altro e che mostrano un’incandescenza rarefatta. Un film dalla trama complessa, forse troppo alta per Oztepek, dalle atmosfere barocche, solo in parte interessante, e in fondo poco originale; una pellicola che gioca anche sul senso del tempo, sulla contrapposizione tra realtà e il suo contrario, tra concretezza e astrazione, tra compiuto e non compiuto, in cui la meravigliosa città di Napoli dovrebbe venire in supplenza quando la storia perde colpi, rallenta e gira in tondo.
Una trama un po’ melassosa, con immagini a volte declamatorie, con un’estetica al limite dell’ente del turismo per ricchi, e una trama che sembra muoversi tanto ma che in realtà resta ferma a terra. Con una protagonista che vive la sua vita in modo labirintico, perché nasconde a se stessa un segreto e un dramma infantile, ma in fondo tutti nascondono qualcosa, dalla zia al poliziotto, dall’amante occasionale di una notte alle due algide archeologhe. C’è tanta carne sul fuoco e c’è un’idea di cinema se non pretestuosa, inadeguata narrativamente, una trama troppo ricca e allo stesso tempo inconsistente, dove i personaggi apparentemente forti, illuminati dalla tragica napoletanità, si aggrovigliano, si incartano, restano sempre nello stesso punto di partenza; e nonostante un cast al femminile originale e convincente ( tutte brave, con una Giovanna Mezzogiorno che sembra voler liberare il suo personaggio dall’idea di regia e cercare, attraverso una recitazione per sottrazione, di creare discontinuità ), le naturali belle scenografie e l’immaginario collettivo che rappresenta la città di Napoli, il film non convince tra intenzioni e realizzazione.
Un tentativo ( dopo anche Rosso Istanbul, ancora meno risolto ) in cui gli sceneggiatori e il regista ambiscono a un cinema profondo e quindi alto ma che finiscono in un labirinto irrisolto, a volte fastidioso. Anche l’escamotage di alcune contraddizioni narrative risolto col disturbo della personalità, e di una specie di sdoppiamento della protagonista, non rendono più plausibile la trama ma la rendono solo più ovvia.
Insomma tirando all’osso, il film ci dice che preferiamo non vedere, nascondiamo simbolicamente ciò che dovremmo comprendere: simbologia di tutto questo è il Cristo velato di Giuseppe Sanmartino nella cappella Sansevero, luogo finale del film. Adriana (una convincente Giovanna Mezzogiorno) è una quarantenne che porta in sé un dramma familiare infantile; ha molti amici nella comunità gay e lesbica di Napoli e lavora come anatomopatologo: sembra più a suo agio con i morti che non i vivi. Durante la rappresentazione del famoso e tradizionale parto dei femminelli viene avvicinata dal giovane Andrea (un algido e quasi impassibile Alessandro Borghi), che la seduce immediatamente e passano tutta una notte a fare sesso appassionato. Adriana si sente il mattino dopo felice, e dopo tanto tempo viva, accetta un primo appuntamento con l’uomo per il pomeriggio. Ma Andrea non si presenta e lei scoprirà il giorno dopo che quel cadavere all’obitorio che deve analizzare è proprio il giovane uomo.
Inizia un’indagine poliziesca che gira abbastanza a vuoto e perdiamo di vista abbastanza presto, iniziamo a seguire Adriana che attraverso questo trauma sarà costretta, aiutata dal caro amico Pasquale (Peppe Barra) mentre è osteggiata da zia Adele (Anna Bonaiuto), a ritornare nel proprio passato esistenziale e al suo trauma interrotto.
Il ritornare al buio del passato porta Adriana a cambiare tutta la sua vita, si licenzia dal posto di lavoro, abbandona la sua bella casa e trasloca con un nuovo amore sereno e placido – il polizotto Antonio che ha conosciuto durante le indagini sull’omicidio di Andrea e che l’ha sostenuta in tutto questo periodo di sbandamento -. Durante la cerimonia di premiazione alla cappella Sansevero, in onore delle amiche Ludovica e Valeria, Adriana riceve da loro un consiglio, la verità è meglio che venga velata come il famoso Cristo. Mentre se ne va da sola, la custode le porge un oggetto: un portafortuna a forma di occhio appartenuto a suo padre, che le era stato donato da Adele e che è caduto al ragazzo entrato con lei, ma lei è venuta alla cerimonia da sola. Consapevole che non potrà mai conoscere la verità, Adriana accetta questa regola del gioco e si fa inghiottire dalle strade di Napoli.

Video
Il film prodotto e distribuito da Warner, viene presetato nel formato 2,35:1 con codifica a 1080 p. La confezione è la semplice Amaray, dalla grafica piacevole, ma priva di artwork interno."Napoli velata"  è stato girato in digitale con telecamere Arri Alexa Mini e Arri Alexa XT Plus e riversato successivamente in un Master intermediate 2K.
Con dati così interessanti ci si aspetta un disco dalla qualità elevata. Questi presupposti vengono tutti mantenuti regalandoci un Blu Ray qualitativamente al top. Grazie un Bitrate medio corposo che si attesta su 27 Mbps le immagini godono di un livello di dettaglio ottimo per tutta la durata del film. Le riprese alla luce del sole e i primi piani sono molto ricchi di dettagli e con un livello di definizione molto gradevole. Abbiamo immagini corpose e calde, che svelano tante informazioni per l'occhio, ma mai taglienti, tipiche del digitale. Gli oggetti in primo e secondo piano vengono sempre resi in modo estremamente preciso. Nelle inquadrature con poca illuminazione o di notte, non si hanno particolari cedimenti, ma un leggero calo di dettaglio. Perfetti i colori, sempre realistici e mai artificiosi con una paletta virante verso le tonalità calde. Buoni gli incarnati resi sempre in modo naturale!

Audio
Comparto audio gratificante per il genere di film. Troviamo una traccia in formato 5.1 DTS HD Master Audio per la lingua italiana estremamente performante e dalla dinamica elevata
. Il film gioca le sue carte sui dialoghi e questi sono sempre resi in modo chiaro e bilanciato. L'uso dei canali surround è sufficiente a ricreare un buon campo sonoro particolarmente coinvolgente. Subwoofer che si attiva in rare circostanze. Una pista audio curata.

Extra
Comparto extra buono, con oltre 22 minuti di materiale da visionare. Troviamo oltre al "commento del regista" un bel Backstage (17,55) composto da varie interviste al cast e a Ospetek che ci raccontano il film.
Le "Gag sul set" (3,28) e quattro "scene eliminate" (3,40)

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
La prima pietra
Non ci resta che vincere
Tito e gli alieni
Perfetti sconosciuti
Il sacrificio del cervo sacro
Orecchie
Searching
Una vita spericolata
E' nata una stella
La terra dell'abbastanza
Dante va alla guerra
BlacKkKlansman
The Infiltrator
La profezia dell'armadillo
Sulla mia pelle
Gotti – Il Primo Padrino
Il tuttofare
The End? L'inferno è fuori
Ride
Io sono tempesta
Io c'è
Stronger, io sono più forte
Schegge di paura
Broadway Danny Rose
Il giovane Karl Marx
Come un gatto in tangenziale
La truffa del secolo
La truffa dei Logan
Monitor
Dogman
Un sogno chiamato Florida
Ippocrate
End of Justice - Nessuno è innocente
Ogni maledetta domenica
Paterno
Made in Italy
Rimetti a noi i nostri debiti
Abracadabra
Benvenuto in Germania
Avengers: Infinity War
I segreti di Wind River
Molly's Game
Il premio
Tonya
Strange Days
Omicidio al Cairo
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere