Mercoledì 13 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Neighborhood PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 19
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
sabato 02 febbraio 2013

Titolo: Neighborhood
Titolo originale: I woot sa-lam
Corea del sud: 2012. Regia di: Kim Hwi Genere: Thriller Durata: 110'
Interpreti: Kim Yun-Jin,  Ma Dong-seok, Kim Sae-ron, Kim Seong-gyun, Im Ha-ryong, Do Ji-han, Jang Young-nam, Cheon Ho-jin
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Condominiale
Scarica il Pressbook del film
Neighborhood su Facebook

neighbors_leggero.pngSeung-hyeok è un giovane che abita il primo piano di un condominio e che una sera rapisce una bambina che vive al piano superiore.
Da quel momento la ragazzina non farà più ritorno, ma la sua matrigna la vedrà sulla porta di casa ogni sera, finchè si renderà conto che la bambina ha qualcosa da comunicarle.

Seung-hyeok è solo l’ultimo degli psicopatici di cui sono pieni i thriller coreani. Uccide bambine e, da un certo punto in poi, passa ad altre persone solo per coprire la sua prima malefatta. Il condominio dove vive è sempre pieno di gente che va e viene, e nessuno si preoccupa troppo del movimento. Finchè una sera una delle bambine del palazzo non fa ritorno da scuola.
Qualche giorno dopo la sua matrigna comincia a vederla alla porta di casa, e sulle prime pensa che si tratti di un’allucinazione dovuta al senso di colpa per averla trascurata. Inoltre il corpo viene rinvenuto in una valiga che un negoziante si ricorda di aver venduto a un giovane del quartiere.

Comincia così la prima prova da regista di Kim Hwi, già sceneggiatore di Midnight FM e di Haeundae. Adattamento riuscitissimo di una web toons di successo, forse il miglior adattamento di uno dei lavori di Kang Pool, Neighborhood si avvale di una storia semplice e purtroppo abbastanza rappresentata nel cinema coreano. Ma a leggere le cronache di Seoul verrebbe da pensare che, più che un cinema di genere il thriller, in Corea del sud, sia un cinema di denuncia. Solo l’aprile scorso una donna è stata uccisa e il suo corpo sparpagliato in giro per la città. Quella donna aveva denunciato il suo aggressore, ma la polizia in Corea giudica di poca importanza le paure delle donne.

La rappresentazione del triste destino dei più deboli è quindi uno dei cardini di un cinema spesso accusato di essere ossessionato dalla violenza. Ma se è pur vero che a volte il cinema rispecchia la società che lo produce, bisognerebbe cominciare a domandarsi come mai, nei thriller coreani, la polizia non faccia mai nulla e le donne e i bambini abbiano sempre meno possibilità di arrivare indenni alla fine della storia. Il film racconta una storia dura, che non concede nessuno sconto all’esterrefatto spettatore, il quale si trova messo direttamente davanti al punto di vista dello psicopatico. I condomini sono persone come chiunque altro, hanno vite piene di cose da fare, e la sparizione di una bambina non fa quasi più notizia.
In questo panorama scoraggiante, la buona intuizione di Kim è nel rappresentare uno spirito inquieto, che troverà pace solo quando la sua morte sarà valsa a salvare un’altra bambina.

La rappresentazione ricorda un po’ Amabili resti ma i contenuti sono pregni anche e soprattutto della cultura coreana che attribuisce uno scarso valore alla vita umana. Seung-hyeok è un potentissimo Kim Seong-gyoon, premiato appunto per l’interpretazione, che invade lo schermo e lascia pochissimo spazio di manovra a tutti i comprimari, un bravissimo Ma Dong-Seok, strozzino della malavita e vittima designata dalla polizia, e una intensa Kim Yoon-jin, madre dolorosamente colpevole dell’unica illusione possibile in un mondo così impietoso: quella di avere sempre il tempo per recuperare il rapporto mai realmente costruito con la giovanissima figliastra.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere