HOME arrow Fantascienza arrow Piano... piano, dolce Carlotta
Martedì 29 Novembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Piano... piano, dolce Carlotta PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 11
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
sabato 01 agosto 2009

Piano... piano, dolce Carlotta 
Titolo originale: Hush... Hush, Sweet Charlotte
Usa: 1965 Regia di: Robert Aldrich Genere: Thriller   Durata:135'
Interpreti: Bette Davis, Olivia De Havilland, Joseph Cotten, Agnes Moorehead
Sito web:
Nelle sale dal: 1965
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli

Piano… piano, dolce CarlottaA soli due anni di distanza dal claustrofobico “Che fine ha fatto Baby Jane”, Robert Aldrich ripropone con successo il thriller psicologico.
Il regista americano usa il leitmotiv di angoscia e pazzia, per creare una sinfonia dai toni cruenti e profondi.
Bette Davis, la tremenda protagonista della precedente pellicola, veste qui i panni della vittima impotente, dinanzi all’emersione di un passato terrificante. La prima sequenza del film ci presenta un legame esasperante tra un padre nobile e la protagonista, costretta da si tale attaccamento, a meditare la fuga con un uomo sposato.
Nella fatidica sera della festa l’uomo viene però cruentamente mutilato, sotto l’arguto occhio del regista, che lascia fuoricampo l’autore dell’efferato delitto. Tutto quello che ci resta è la figura della protagonista ricoperta di sangue ed il suo viso avvolto nell’oscurità.
Il preludio annuncia una focalizzazione esterna, che lungo tutta l’opera, ci relegherà al ruolo di spettatori eternamente ingannati. Infatti tutto fa presumere che l’assassina sia la protagonista e la sua follia in età avanzata (il regista fa un’ellissi temporale di diversi decenni) ne appare come la conseguenza innegabile. L’ignara Bette Davis viene ostracizzata dalla società, ridicolizzata dai bambini ed ossessionata da lettere minatorie.
L’unico scoglio al quale aggrapparsi, sembra essere la cugina, che non rivede da molti anni. Ma quando la splendida Olivia De Havilland e l’amico medico si istallano nella sua villa, cercano solo di portarla alla pazzia, per impossessarsi dei suoi averi.
Le continue allucinazioni che Charlotte(la protagonista) vive nelle sue lunghe notti, sono solo il frutto dell’immane strategia ordita dai due inquilini.
Nel film l’attaccamento ossessivo tra padre e figlia, porta quest’ultima ad accusare inconsciamente il padre dell’uccisione dell’amato. Il presunto assassino viene però giustificato dalla figlia, per via della sua eccessiva possessività.
Nella pellicola di Aldrich dominano incontrastate le figure della scala(luogo della pazzia di Bette Davis e della morte della sua fida badante) e quella della casa(ultimo oggetto posseduto dal corpo e dalla mente della protagonista).
Le continue variazioni musicali caratterizzano le medesime mutazioni tonali, usate dal regista per delineare i diversi registri narrativi. I primi piani scarseggiano, a causa della nostra posizione passiva che non ci permette mai di avvicinarci totalmente alla verità.
Nell’opera domina il tema del ricordo e dell’emersione del rimosso. La protagonista riuscirà a sciogliere l’intricata matassa dell’inganno? 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere