Sabato 25 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Plastic City PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
lunedì 03 agosto 2009

Plastic City
Titolo originale: Dangkou
Brasile, Cina, Giappone: 2008 Regia di: Nelson Yu Lik-wai Genere: Thriller Durata: 118'
Interpreti: Anthony Wong Chau-Sang, Jô Odagiri, Jeff Chen, Milhem Cortaz, Phellipe Haagensen, Yi Huang, Tainá Müller, Antônio Petrin, Vinícius Zucatelli
Sito web:
Nelle sale dal: Prossimamente in dvd
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella

plastic_city_leggero_1.jpgKirin è un ragazzo giapponese che, salvato da morte certa alla frontiera col Brasile da Yuda, un clandestino cinese, ne diventa il figlio adottivo.
I due gestiscono un piccolo impero del mercato nero in un quartiere di San Paolo abitato in prevalenza da immigrati cinesi e giapponesi. All'apice della loro ascesa Yuda viene arrestato dalla polizia con l'accusa di contrabbando. In realtà il suo contatto nell'amministrazione locale sfrutterà questo evento per allearsi con un boss di Taiwan e nel frattempo per estorcere denaro a Kirin. Intanto Kirin stabilisce un complesso rapporto con Tetsuo, un piccolo contrabbandiere che combatte la mafia di Taiwan.

Yu Lik-wai, abituale collaboratore di Jia Zhang-ke e regista di Love Will Tear Us Apart, dirige un film sospeso tra più generi, che parte come una semplice gangster story e progressivamente ne amplifica il respiro fino a diventare un delirio visivo di matrice postmoderna. L'inizio è incentrato sui conflitti interrazziali e quelli per il controllo del contrabbando nel porto di San Paolo, ma successivamente l'accento si sposta sulle psicologie dei personaggi e sulla complessità dei loro rapporti intimi.
Il canovaccio iniziale appare di una semplicità disarmante, ma è con il proseguire dell'opera che ci si accorge di esser di fronte a qualcosa di tutt'altro che semplice.
Se inizialmente la storia è raccontata in maniera lineare, pulita, con una recitazione essenziale e una regia quasi subliminale, da un certo momento in poi tutto quello che sembrava centrale arretra a poco a poco e gli elementi che facevano da sfondo al racconto vengono spinti a forza sotto i riflettori di un palcoscenico improvvisamente divenuto surreale e destabilizzante dal punto di vista dell'esperienza percettiva.

Yu Lik-wai parla del suo film come di "un'atrocità metafisica" dove il termine atrocità sta per manipolazione della realtà in senso digitale e per una ricerca del se che travalica la barriera ultima e conduce in un universo sensoriale talmente improbabile da esser percepito come unico possibile, come dimensione ultima di chi non ha davvero più nulla da perdere.
Kirin e Yuda potrebbero addirittura essere morti nei primi fotogrammi e aver sognato la loro ascesa e relativa fortuna.
Ma le coltellate, i duelli, il sangue e la sconfitta dei due sembrano troppo reali per essere stati sognati, persino da un samurai sradicato che insegue il nemico con una katana che non potrebbe mai aver visto in tutta la sua vita.
La complessità del rapporto tra i due travalica il senso dello stesso e si va a collocare tra i legami di sangue che finiscono per divenire letali e indissolubili, proprio quando sarebbe il caso di scioglierli. Il racconto procede impavido nella rappresentazione di un vuoto esistenziale, collocato all'interno di una città la cui reinvenzione diviene immagine politica del contrasto tra chi è e chi non sarà mai. Anthony Wong e Jô Odagiri sono assolutamente perfetti nel loro ruolo di vittime sacrificali e di eroi mai neanche per un momento possibili in una situazione sociale che invita all'omicidio.

Lo sfilacciamento progressivo dell'immagine segue parallelo quello delle possibilità che mano a mano vengono sottratte ai due. La stretta apparente sulle attività criminose, ma in realtà soltanto un cambio di guardia, li spingerà con le spalle al muro fino a ricacciarli verso quel confine che era stato magicamente attraversato all'inizio con la complicità di una tigre bianca, e che sarà paradossalmente il loro punto di arrivo anche dopo la morte, come per un appuntamento tra amanti infelici.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere