Lunedì 8 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Quattro mosche di velluto grigio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Manca   
venerdì 10 luglio 2009

Quattro mosche di velluto grigio
Titolo originale: Quattro mosche di velluto grigio
Italia: 1971 Regia di: Dario Argento Genere: Thriller Durata: 105'
Interpreti: Mimsy Farmer, Michael Brandon, Aldo Bufi Landi, Jean-Pierre Marielle, Oreste Lionello, Renzo Marignano, Stefano Oppedisano, Calisto Calisti, Corrado Olmi, Sandro Dori, Marisa Fabbri, Fabrizio Moroni, Jacques Stany, Fulvio Mingozzi, Francine Racette, Guerrino Crivello
Sito web:
Nelle sale dal: 1971
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Francesco Manca

quattromoschedivellutogrigio_leggero.jpgRoberto Tobias (Michael Brandon) è un giovane batterista di una rock-band che, da qualche settimana, si è accorto di essere seguito e spiato da un misterioso individuo vestito di nero. Una sera, dopo le prove, decide finalmente di affrontare quell’uomo faccia a faccia; giunti dentro un teatro completamente deserto, tra i due avviene una colluttazione, l’uomo estrae un coltello e, nel tentativo di sottrarglielo, Roberto lo uccide involontariamente.
Nel teatro, però, nascosta tra le ultime file della platea, c’era una strana figura con il volto coperto da una maschera carnevalesca che ha fotografato quanto avvenuto.
Nei giorni a seguire, Roberto comincia a ricevere lettere contenenti oggetti dell’uomo che ha accidentalmente ucciso e diverse minacce di morte e, come se non bastasse, inizia anche ad avere incubi ricorrenti durante la notte.
Ben presto, tutte le persone che potrebbero aver scoperto l’identità della persona che lo ha preso di mira vengono uccise, e anche la vita di Roberto pare essere in grave pericolo…

Preceduto dal magistrale “L’uccello dalle piume di cristallo” (1970) e dal meno riuscito “Il gatto a nove code” (1971), “Quattro mosche di velluto grigio” rappresenta il capitolo conclusivo della cosiddetta ‘trilogia degli animali’ che ha contribuito non poco a rendere Dario Argento uno dei più promettenti giovani registi di genere della prima metà degli anni ’70.
Realizzata nel 1971, “Quattro mosche di velluto grigio” è senza dubbio una delle opere più virtuosistiche e sentite dell’autore romano, dotata di una carica visionaria invidiabile e un livello di tensione assai elevato.
Argento si mantiene ancora sul giallo tradizionale, con la sola differenza che, qui per la prima volta, inserisce nella trama piccolissimi seppur rilevanti elementi surreali, rappresentati dai ricorrenti incubi del protagonista.
Diversi buchi e ingenuità nella sceneggiatura, scritta dallo stesso regista, non impediscono alla storia di risultare comunque affascinante ed accattivante, riuscendo a tenere lo spettatore letteralmente incollato allo schermo.
Funzionale anche il reparto tecnico, a cominciare da una regia assolutamente formidabile, energica e colma di interessanti innovazioni; non a caso lo stesso Argento ha dichiarato di aver diretto questo film in un periodo per lui molto felice, che ha definito più precisamente: ‘di “samba brasiliana”’.
Una menzione speciale va anche alla strepitosa colonna sonora del maestro Ennio Morricone composta perlopiù da rock-blues e rock progressivo e alla funzionale fotografia di Franco di Giacomo e all’efficace montaggio di Françoise Bonnot.
Curiosa ma sicuramente azzeccata la scelta del cast, che annovera delle eccellenti interpretazioni sia da parte dei protagonisti (Michael Brandon, Mimsy Farmer) che dagli interpreti secondari (Jean Pierre Marielle, Bud Spencer, Oreste Lionello, Stefano Satta Flores, Costanza Spada, Marisa Fabbri…).

Molta della curiosità da parte di chi si accinge a visionare “Quattro mosche di velluto grigio”, proviene, tra le molte altre cose, anche dall’alone di mistero che circonda questo film, dal momento che ha la fama di essere se non il miglior film di Argento sicuramente quello più introvabile, visti i numerosi problemi di distribuzione accumulati nel corso degli anni e i pochissimi passaggi televisivi registrati fino ad ora; prima di quello sui canali di Sky Cinema del 26 giugno 2009, l’ultimo risaliva addirittura al 22 febbraio 1991 su Rete 4.
In definitiva, per esprimere un giudizio globale su questo film, prendendo come riferimento i primi titoli della filmografia Argentiana, a parer del sottoscritto, è sicuramente superiore al pallido (seppur troppo sottovalutato) “Il gatto a nove code” ma senza dubbio inferiore al bellissimo “L’uccello dalle piume di cristallo” e all’epico “Profondo rosso”.
Tuttavia, rimane un’opera deliziosa, per la quale è d’obbligo almeno una visione.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere