Mercoledì 20 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Rainbow Eyes PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
giovedì 03 aprile 2008

Rainbow Eyes
Titolo originale: Rainbow Eyes
Corea: 2007. Regia di: Yang Yoon-ho Thriller Durata: 99'
Interpreti: Kim Gang-woo, Kim Min-seon, Lee Soo-kyeong, Park Won-sang, Oh Ji-yeong, Jeon Chang-geol, Choi Chang-gyun
Sito web:
Voto: 6,5
Recensione di: Nicola Picchi

rainboweyes_leggero.jpegGli ispettori di polizia Cho Kyeong-yoon e Park Eun-joo indagano sull’omicidio del ricco proprietario di un centro sportivo, ucciso con venti coltellate. Gli unici indizi che riescono a rintracciare sul luogo del delitto sono un capello ed alcune macchie di sangue, da cui ricavano il gruppo sanguigno dell’assassino. Inizialmente i loro sospetti si appuntano su un istruttore di nuoto, che forse intratteneva con il defunto una relazione omosessuale, ma ben presto anche quest’ultimo viene assassinato nello stesso modo. I poliziotti scopriranno che le due vittime, quando erano sotto le armi, stuprarono un loro commilitone, Lee Yoon-suh, che in seguito tentò il suicidio rimanendo orribilmente sfigurato. Contemporaneamente Kyeong-yoon, che era stato compagno di scuola di Lee Yoon-suh, ne incontra la sorella, che gli chiede di ritrovarlo. Proseguendo nelle indagini, il poliziotto scoprirà che il colpevole gli è molto più vicino di quanto si immagini.
Yang Yoon-ho è un regista di indubbie qualità tecniche ma diseguale, e le sue produzioni sono ora riuscite (“Holiday”), ora decisamente fallimentari (il terribile “Libera me”), e il risultato dipende in massima parte dal soggetto che si ritrova per le mani. “Rainbow Eyes” sta nel mezzo, nel senso che, cercando di rinnovare il tipico film con serial-killer, rimescola le carte con tanti e tali iperbolici twist di sceneggiatura da risultare, se non proprio riuscitissimo, quanto meno interessante, oltre che un sicuro “guilty pleasure” per molti. Un altro motivo di interesse è l’ottima interpretazione di Kim Gang-woo, recentemente premiato a Torino come miglior attore per “The Railroad”: il suo Kyeong-yoon lascia trapelare con efficacia l’omosessualità del personaggio, in una società omofobica che lo costringe ad enfatizzare il suo lato maschile, ed esprime con molta efficacia il contrasto conflittuale tra le due parti.
Il tema su cui si esercita “Rainbow Eyes” è infatti quello del doppio: doppia sessualità, ambiguità pubblica e privata di tutti i personaggi, da Kyeong-yoon alla sua fidanzata Soo-jin fino all’affascinante cantante Oh Ji-yeong, amante delle prime due vittime, ma anche (forse) doppio assassino. Tutto il pathos delle relazioni affettive è riservato a personaggi socialmente devianti , come se lo spazio emotivo dei protagonisti fosse legato alla fluttuante indeterminatezza dell’identità sessuale, mentre le relazioni uomo-donna sono irrisolte, come quella tra il poliziotto e la sua collega, o destinate a sfociare nella sopraffazione, come nella scena dell’appostamento nell’appartamento.
La linea narrativa oscilla tra presente e viratissimi flashback rivelatori e, anche se alla fine sfiora l’improbabile, rasentando “La moglie del soldato” e concedendosi un finale alla “Thelma e Louise” che più mélo non si potrebbe, non si può che ammirare la volontà di far deragliare un genere in cui è difficile dire qualcosa di nuovo. La regia di Yang Yoon-ho è adeguatamente nervosa, sia quando insegue l’irrequieto Kyeong-yoon durante le sue corse notturne in motocicletta per una città striata dal sangue e dai neon delle insegne pubblicitarie, che nelle scene più propriamente thriller, dove robuste ma centellinate dosi di splatter non deluderanno gli appassionati. Un risultato convincente, che sarebbe interessante paragonare ad un altro film giunto recentemente dalla Corea e che tratta lo stesso tema, “Our Town”, dove il tema del killer seriale viene affrontato in termini più ortodossi, concentrandosi sulla deriva psicotica dei protagonisti e sull’alienazione urbana in una città volutamente indefinita.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere