HOME arrow Fantascienza arrow Rampart
Lunedì 15 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Rampart PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 24
ScarsoOttimo 
Scritto da Dario Carta   
mercoledì 29 agosto 2012

Titolo: Rampart
Titolo originale: Rampart
USA: 2011. Regia di: Oren Moverman Genere: Thriller Durata: 108'
Interpreti: Woody Harrelson, Ben Foster, Anne Heche, Robin Wright, Ned Beatty, Steve Buscemi, Sigourney Weaver, Ice Cube, Cynthia Nixon, Brie Larson, Don Creech, Jon Bernthal
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Dario Carta
L'aggettivo ideale: Feroce
Scarica il Pressbook del film
Rampart su Facebook

rampart_leggero.pngScrittura maledetta,quella di James Ellroy,ruvido scultore delle denunce all'ordine malato della Città degli Angeli. Il suo catalogo di romanzi è il crudo resoconto dell'epidemia criminale che striscia nelle fila del Dipartimento di Polizia di Los Angeles un verminaio di collusioni fra Legge e potere che mentre guarda l'abisso,ne è al contempo oggetto di osservazione.

Il cinema americano se ne è valso più volte,chiamando lo scrittore a collaborare a stesure di script ("La notte non aspetta" ) o portando,ad esempio sullo schermo il tragico affresco urbano di "L A Confidential",entrambi lavori dove la firma di Ellroy spicca sulle forme dello spettacolo noir d'ordinanza con il marchio emblematico dei suoi anatemi.

"Rampart" è il cinico richiamo agli scandali che coinvolsero alla fine degli anni '90 la Divisione di Polizia di Los Angeles Rampart qui raccontati nel dramma di Dave Brown (Woody Harrelson) in una sceneggiatura a quattro mani di Ellroy e del regista Oren Moverman,innervata del forte spirito Hard Boiled di cui Dashiell Hammett ha saturato le sue pagine e Hawks il suo cinema. Ventiquattro anni di lavoro sulle strade hanno spiegato a Dave come relazionarsi con la società che lo circonda,lasciandolo conquistato dal fascino della brutalità e della violenza.
Rude con i colleghi del suo distretto e aggressivo con chiunque incontra,Brown trae profitto da ogni situazione gli si presenti,ignorando ogni risvolto etico. Determinato e disinvolto,il poliziotto adatta le regole alle sue necessità,comunque queste possano soddisfare i suoi istinti.
Dave è una figura fuori dal quadro,sia nella sfera privata - due ex mogli,sorelle fra loro che vivono fianco a fianco e dalle quali l'uomo ha avuto due figlie - che in quella professionale,dove Brown riversa la sua tendenza alla sopraffazione e all'abuso,pulsioni motivate,a suo dire, dal senso di protezione verso le sue due figlie e che lo incastrano quando Dave viene ripreso durante un pestaggio di un sospetto.

L'America vigila ancora sui fatti di Rodney King accaduti otto anni prima e il LAPD soffre le ferite aperte dagli abusi,dalle aggressioni e dalle discriminazioni razziali. Brown è nell'occhio del ciclone e l'avvocato distrettuale (Sigourney Weaver) lo marca stretto ricusando ogni giustificazione del poliziotto e spingendolo alle dimissioni.
Regia e fotografia coniugano un dolente ritratto di L A Babilonia,tagliato a vivo nella tipica impronta che Ellroy ama lasciare nelle sue righe,uno scatto impietoso su una città dove il sole rovente e le tenebre squarciate dai neon notturni corredano attività criminali,indistintamente spartite fra le forze opposte della Legge e del delitto.

L'impostazione registica è quella dell'occhio privato,i fatti documentati da una lente che fotografa le strade e le viscere delle comunità,ma l'impianto narrativo,granitico e feroce,vanta la forte fedeltà alle pagine dello scrittore dell'urlo della città.
La macchina entra nelle pieghe di un organismo disfunzionale e ne rovista i vizi,le perquisizioni illegali,la corruzione,la brutalità,l'immissione di prove false,lacerando il tessuto connettivo di una società aggredita dal potere costituito.
Dietro l'attenta regia di Moverman,la sceneggiatura alza la voce nella denuncia e della provocazione toccando i nervi scoperti di uno scandalo complesso e articolato,di disturbante impatto sociale.

La fisicità di "Rampart",nell'ottica del regista,è incarnata nello spaccato fra l'inquietante amoralità di Brown e la povertà della sua solitudine,infezioni scovate nell'indagine interiore di un individuo alla deriva,con sullo sfondo un evento diventato "tempesta di proporzioni epiche sia legalmente che finanziariamente".
La fotografia è opportunamente minimale,la narrazione è scheletrica,i primi piani prevalgono sulle aperture,qui rivolte al solo scenario urbano,il montaggio è imbastito in rapida successione di inquadrature e cucito fitto in veste documentaristica nell'architettura dolente e morbosa di una cronaca mediatica.

"Rampart" è un sofferto racconto di vizio e miseria,scolpito nella pietra delle strade dove Bene e Male si intrecciano egualmente nell'ordito sociale,si mischiandosi fra loro nel fascino controverso dell'ambiguità,seduzione cantata da Ellroy nelle ruvide pagine delle sue cronache qui tradotte in cinema con la stessa intransigenza e ferocia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere