Domenica 14 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Riflessi in uno specchio scuro PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 9
ScarsoOttimo 
Scritto da Roberto Fedeli   
giovedì 05 novembre 2009

Riflessi in uno specchio scuro
Titolo originale: The Offence
Gran Bretagna: 1973 Regia di: Sidney Lumet Genere: Thriller Durata: 112'
Interpreti: Sean Connery, Trevor Howard, Ian Bannen, Vivien Lee, Derek Newark
Sito web: 
Nelle sale dal: 1973
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Roberto Fedeli
L'aggettivo ideale: Ambiguo

riflessiinunospecchioscuro_leggero.jpgDall’inusuale war movie “A prova di errore”, al “Viscontiano” melodramma “Uno sguardo dal ponte”, il poliedrico Sidney Lumet questa volta focalizza l’attenzione su un giallo atipico ed interessante.

Il sergente Johnson (un buon Sean Connery) e la sua squadra sono sulle tracce di un maniaco sessuale che ha da poco mietuto la sua ultima vittima (una dodicenne).
La polizia non riesce a dare un volto al depravato ed il protagonista vira deciso su un certo Baxter (un sorprendente Ian Bannet) scovato a vagabondare nella notte.
Dopo averlo vessato pesantemente nell’interrogatorio, Johnson ne causa il ricovero d’urgenza in ospedale.
Il protagonista dell’opera è un eroe negativo che esprime, attraverso la sua irruenza ed il suo egocentrismo, la propria ambiguità psichica.
Come dimostra la sequenza d’apertura, le azioni della sua infame persona sono seguite costantemente da un anello di nebbia; è la foschia della sua mente che preclude la nostra visione di chiarezza. Le allucinazioni, i ricordi e gli sdoppiamenti di personalità costellano l’intero prodotto. Più che un film, è lo spettacolo della mente del protagonista.
Quando Johnson  viene messo al corrente della morte in ospedale del presunto stupratore, da lui precedentemente percosso, l’inquadratura appare svuotata del suo soggetto. Attraverso il relegamento del sergente all’estremità destra del frame, viene svelata la sua individualità ormai minacciata.
Da questo momento assistiamo al suo trapasso da soggetto attivo ad oggetto intimorito. I segni della colpa divengono leggibili attraverso il montaggio parallelo, che alterna l’immagine del sergente che divarica le gambe della moglie, al frame dello stupratore che molesta la bambina.
Il successivo interrogatorio del sovrintendente operativo ne intacca la psiche e ne esaspera la debolezza.
E’ l’unica persona che riesce a tenergli testa. Quando viene interpellato,infatti, il protagonista ricopre sempre la porzione esterna dell’inquadratura, in chiara posizione subalterna.

Solo attraverso il flashback conclusivo viene ostentata integralmente la realtà dei fatti avvenuti durante l’aspro colloquio tra il sergente ed il presunto maniaco. Le nostre domande trovano finalmente delle risposte limpide, in precedenza solo abbozzate.
La scena in slow motion iniziale acquista un senso compiuto solo dopo la sua quarta riproposizione finale sullo schermo, che accentua l’impianto circolare dell’intera pellicola.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere